"Id","Nome","Sigla","regione","Provincia","Comune","Descrizione","Gruppi speleo","Superficie interessata","cities","mountaincommunity","Bacino imbrifero","Cave attive","Cave inattive","Discariche attive","Discariche inattive","Caratteristiche geolitologiche","Caratteristiche geomorfologiche","Caratteristiche idrogeologiche","Caratteristiche speleologiche","Copertura vegetale e uso del suolo","Altre caratteristiche","Acquiferi","NOTE","Foto","Autore foto","Aggiornata da","Ultima modifica","Note","Autori","bibliography","Inquadramento geografico","Inquadramento geologico","Regione","Sistemi carsici","Licenza d'uso","File kml","Fonte bibliografica","photo2","authorphoto2","license2","photo3","authorphoto3","license3","photo4","authorphoto4","license4","source2","source3","source4","Altre denominazioni" "53","La Torretta","LA_TORRETTA","Piemonte","TO","Settimo Vittone, Nomaglio, Carema","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:38:10","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "109","PUNTA JOLANDA","PUNTA_JOLANDA","","AO","Gressoney","","","","","","","","","","","","Alla testata della Valle di Gressoney, in riva sinistra del Lys, circa a metà strada tra la Trinité ed il Col d'Olen, a sud-ovest del Lago del Gabiet, si stende un'area di poco meno di un chilometro quadrato, geologicamente molto ""movimentata"" e prevalentemente occupata da calcemicascisti, intercalati da piccole lenti di marmo e di prasiniti e contornata da affioramenti di serpentinoscisti e di prasiniti, compatti verso E, in completo sfaldamento verso W (Zona Piemontese dei calcescisti con pietre verdi). La forma molto allungata e stretta sia della parte occupata dai calcemicascisti, sia da quella delle prasiniti è orientata NE/SW e presenta un sistema di fratture parallelo a tale orientamento, attraversato da altre, di pari importanza, disposte perpendicolarmente. Sugli incroci di tali fratture si sono sviluppate le 23 cavità catastabili oggetto del presente studio. L'esame della carta geologica, che dà un'idea definita sulle caratteristiche generali dell'area, nell'esame di dettaglio perde di precisione, finendo per generare confusione ad analisi (come le nostre) non supportate da adeguata preparazione tecnica. La vegetazione è limitata ad isolati abeti, ed alla copertura erbosa del pascolo alpino con zone interessate da bassi arbusti di rododendri. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014)","Nell'area in questione non sono presenti né corsi d'acqua superficiali, né sorgenti nonostante la neve si mantenga per gran parte dell'anno permanendo, fino ad inizio estate, nella maggior parte delle depressioni. Per contro, le rocce in cui si aprono le cavità presentano scarsi segni di erosione o corrosione se non per gli effetti del crioclastismo. Uno strato di finissima argilla caratterizza i piani di calpestio, generato in prevalenza da probabili lenti e diffusi drenaggi. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014)","La cavità dimensionalmente più rilevante è il Pozzo 1 di P.ta Jolanda (2075 AO), con uno sviluppo di circa 42 metri e profondità di -13 m. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014)","","","","","","","davide","2021-03-31 22:33:04","","","","","","Valle d'Aosta","","","","","","","","","","","","","","","","","" "52","Seguret - Mulatera","SEGURET_MULATERA","Piemonte","TO","Oulx, Salbertrand","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:29:05","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "102","BIONAZ - VALPELLINE","BIONAZ_VALPELLINE","","AO","Bionaz","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:25:34","","","","","","Valle d'Aosta","","","","","","","","","","","","","","","","","" "93","PIAN DEI CAMOSCI","PIAN_CAMOSCI","","VB","Formazza","","","","","","","","","","","","","","","","","","","Pian dei Camosci 1.jpg","Massimo Taronna","davide","2021-03-31 22:21:57","","","","","","Piemonte","","CC BY-SA 4.0","","","","","","","","","","","","","","","" "51","CIMA DELLA SUEUR","CIMA_DELLA_SUEUR","Piemonte","TO","Bardonecchia","In destra orografica della Valle Stretta, al confine con la Francia","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:18:27","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","SOMMET DU GUIAUD" "89","CAUMONTIUM","CAUMONTIUM","","TO","Chiomonte","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:17:12","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","MADDALENA DI CHIOMONTE" "90","EXILLES","EXILLES","","TO","Exilles","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:15:31","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "101","MAULONE","MAULONE","","Verbano-Cusio-Ossola","Varzo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:09:23","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "103","MONTE CISTELLA","MONTE_CISTELLA","","Verbano-Cusio-Ossola","Crodo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:07:42","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "107","SABBIA","SABBIA","","VC","Varallo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:03:05","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "54","Chianocco - Foresto","CHIANOCCO_FORESTO","Piemonte","TO","Bussoleno, Chianocco, Mompantero","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 22:00:42","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "88","ROCCA DI CAVOUR","CAVOUR","","TO","Cavour","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:56:06","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "106","PYRAMIDES CALCAIRES","PYRAMIDES_CALCAIRES","","AO","COURMAYEUR","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:54:40","","","","","","Valle d'Aosta","","","","","","","","","","","","","","","","","" "105","MONTE ROSSO","MONTE_ROSSO","","Biella","Biella","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:53:09","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "104","LAGO DELLA VECCHIA","LAGO_DELLA_VECCHIA","","Biella","Sagliano Micca","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:51:22","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "96","VALMERIANA","VALMERIANA","","AO","Chambave, Pontey","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:48:22","","","","","","Valle d'Aosta","","","","527","","","","","","","","","","","","","" "64","Fenera","FENERA","Piemonte","NO","Borgosesia, Grignasco, Valduggia","Il Monte Fenera (m 899) rappresenta la prima montagna di una certa individualità che si incontra risalendo il fiume Sesia, poco prima della cittadina di Borgosesia. La sua posizione un po' isolata ne fa un ottimo punto di controllo della valle. Questa sua importanza strategica dovette essere evidente fin dall'antichità e, infatti, le grotte del monte (principalmente, però, quelle sul versante vercellese) ne conservano le testimonianze, con resti archeologici che si susseguono dal Paleolitico medio fino al tardo Medioevo e che fanno del Fenera una delle stazioni preistoriche più importanti del Piemonte. Il Fenera costituisce il più vasto relitto esistente delle estese formazioni carbonatiche che, nel corso del Triassico e del Giurassico, si depositarono sulle vulcaniti permiane. La stratigrafia della montagna comprende, partendo dal basso: - porfidi quarziferi dal caratteristico colore rosso-bruno, che rappresentano l'elemento basale impermeabile e che vengono fatti risalire al Permiano; - scarse brecce porfiriche e arenarie del Trias inferiore; - dolomie, che inizialmente contengono elementi detritici di porfido, in contatto normale con l'unità precedente e potenti circa 300 m (Trias medio e superiore); - arenarie rosso-viola, potenti una decina di metri (Lias inferiore); - calcari selciferi neri e grigi, con rare impronte di ammoniti (Lias medio). Marginalmente, si rinvengono inoltre depositi pliocenici, per lo più sabbiosi, spesso fossiliferi. La giacitura delle formazioni è caratterizzata da una modesta inclinazione con una tendenziale immersione verso Sud-Est. L'area è interessata da alcune grosse dislocazioni, fra cui la Linea della Cremosina, con direzione ENE-OSO. L'area di interesse speleologico è interamente compresa nei limiti del Parco Naturale del Monte Fenera. Al parco o al Gruppo Archeo-Speleologico di Borgosesia ci si può rivolgere per informazioni circa la fruibilità del rifugio speleologico eretto non lontano dalle grotte di maggiore interesse preistorico. Tuttavia, le grotte della montagna sono comodamente accessibili dalle frazioni abbarbicate sui suoi fianchi (Ara, Bettole, Colma), tutte facilmente raggiungibili in auto. In alcune di queste frazioni, oltre che nei paesi del fondovalle, si trovano buoni punti di appoggio e di ristoro. Il Fenera è una montagna più vercellese che novarese. La provincia di Novara ne include, infatti, solo un limitato settore nell'area più meridionale. Le grotte più lunghe (Grotta delle Arenarie, circa 3 km; Grotta della Bondaccia, 500 m; Ciota Ciara, 202 m), più profonde (Grotta delle Arenarie, - 143 m; Grotta della Bondaccia, - 101 m) e più interessanti per i ritrovamenti preistorici si aprono, di fatto, in provincia di Vercelli. Per di più, la maggior parte delle esplorazioni speleologiche sulla montagna sono state opera degli speleologi biellesi. (tratto da: Le grotte delle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola (2004)) ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-31 21:44:10","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "82","MOMBRACCO","MOMBRACCO","","CN","Barge, Envie, Sanfront, Rifreddo, Revello","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-30 18:11:03","","","","","","PIEMONTE","","","","","","","","","","","","","","","","","" "110","ALBRA - ECA","ALBRA_ECA","","CN","Ormea","Area prevalentemente costituita da rocce carbonatiche in cui la carsificazione è estremamente ridotta. Le cavità presenti sono caratterizzate da una comune origine tettonica derivata in massima parte da antiche paleo-frane. Le fessure sono spesso percorse da una forte corrente d'aria.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-03-23 22:46:21","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "99","ORNAVASSO","ORNAVASSO","","VB","Mergozzo, Ornavasso","Le lenti di marmo, lunghe e strette, che si incontrano in Valle Strona proseguono nel vicino territorio di Ornavasso dove, talvolta, il marmo è di un bel colore rosato. Analogamente a quanto avvenuto, in misura ben maggiore, presso la vicina Candoglia, anche a Ornavasso le lenti di marmo sono state a lungo oggetto di sfruttamento minerario, come testimoniato dal fatto che la montagna sopra il paese è incisa, qui e là, da lunghi solchi di origine artificiale. Si può presumere che, a Ornavasso come a Candoglia , l'utilizzo del marmo abbia subito un'accelerazione quando la Veneranda Fabbrica iniziò la costruzione del Duomo di Milano, alla fine del XIV secolo. In tale periodo si ha, infatti, notizia di un primo acquisto di marmo di Ornavasso da parte degli amministratori della Fabbrica. Le forniture di marmo proseguirono, anche in seguito, con una certa continuità, come testimoniato anche dal CASALIS (1833-1850) che ricorda come si estraesse un marmo bianco, lamellare, tendente al roseo macchiato di bigio: della cava posta in regione Calmatta, della Fabbrica del Duomo di Pavia. I fenomeni carsici superficiali osservabili nei dintorni di Ornavasso sono modestissimi. Poco al di sotto dell'Alpe Cortevecchio, su una paretina rocciosa lunga non più di una decina di metri e alta meno di 5, a fianco del sentiero, abbiamo osservato modesti campi solcati a docce (rinnenkarren) e anche degli abbozzi di crepacci (kluftkarren); più interessanti alcuni meandri larghi 1-2 cm, profondi circa uno, che si sviluppano per una quindicina di centimetri. In corrispondenza dei vari affioramenti di calcefiri è abbastanza facile rinvenire rocce corrose superficialmente con la caratteristica morfologia a pettine. (Tratto da: Le grotte delle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola (2004))","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-29 20:52:30","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "61","Rocca Massiola - Sambughetto","ROCCA_MASSIOLA_SAMBUGHETTO","Piemonte","VB","Loreglia, Valstrona, Quarna Sopra","I fenomeni carsici superficiali sono piuttosto rari nella Formazione Kinzigitica, anche se questa presenta una considerevole densità di grotte in corrispondenza degli affioramenti carbonatici. In Valle Strona, alcune notevoli doline si trovano a fianco della strada che conduce all'Alpe Laccia, in corrispondenza del pianoro che precede l'alpe. Si tratta di doline di crollo, che si aprono in corrispondenza di un sottile livello di gneiss. Al di sotto, tuttavia, si sviluppa una lente di rocce carbonatiche che ospita una mezza dozzina di grotte il cui crollo, parziale o totale, è giunto a interessare la superficie esterna. Le doline presentano un diametro che va dai 3-4 ai 20 metri e una profondità che può raggiungere la decina di metri. Campi solcati del tipo a scannellature (rillenkarren) si trovano più o meno abbozzati sulle rocce nude nei pressi della sommità del Sass Mojè (q. 890) o, molto più marcati, incisi nei marmi che affiorano poco sotto le prime case di Massiola. Si tratta di piccoli solchi rettilinei subparalleli, separati tra di loro da sottili creste aguzze che ricordano, come disposizione, i calanchi appenninici. La lunghezza delle singole scannellature va dai 2-3 ai 10-15 cm. la larghezza è di 1-2 cm, la profondità va dai 2 ai 10mm. In entrambe queste località, sono anche presenti crepacci (kluftkarren). spesso paralleli; si tratta di solchi con larghezza 2-5 cm, lunghezza dai 20-30 cm al metro e profondità di svariati decimetri. Da segnalare anche la presenza di non molto marcati campi solcati a docce (rinnenkarren) e di rare morfologie riconducibili a una forma vagamente circolare, che ricordano vagamente delle vaschette di corrosione appena abbozzate (kamenitza). Caratteristiche invece dei calcefiri, sono le morfologie di corrosione a pettine, dovute alla corrosione selettiva delle acque superficiali sulla frazione carbonatica della roccia; essendo in molti casi la frazione insolubile di silicati allineata su alcuni piani, il risultato finale del processo è l'affioramento superficiale di tutta una serie di asperità parallele tra di loro, sporgenti dalla massa rocciosa per 1-3 mm. Queste morfologie sono abbastanza comuni, e si rinvengono in prossimità di quasi tutti gli affioramenti di calcefiri. Non sono invece da attribuire a carsismo superficiale, tutta una serie di canaletti meandriformi che si rinvengono su massi isolati in prossimità di vecchie cave di marmo. Si tratta, in quasi tutti i casi, di belle morfologie di scorrimento idrico ipogeo, tipo ""interstrato"": i blocchi che li ospitano rappresentano frammenti di cavità carsiche andate distrutte. (Tratto da: Le grotte delle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola (2004))","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-29 20:46:20","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "62","Sostegno","SOSTEGNO","Piemonte","VC","Roasio, Sostegno","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:49:52","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "58","Locana - Pont Canavese","LOCANA_PONT_CANAVESE","Piemonte","TO","Locana, Ribordone, Sparone","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:47:09","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "29","Monte Sotta","MONTE_SOTTA","Piemonte","CN","Bagnasco, Priola","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:46:25","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "76","CROCE DI CIANDON - CASTELNUOVO","CROCE_DI_CIANDON_CASTELNUOVO","Piemonte","CN","Castelnuovo di Ceva, Perlo, Priero","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:46:07","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "30","CARS","CARS","Piemonte","CN","Chiusa di Pesio, Roccaforte Mondovì","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:44:27","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "78","BRIC DEL MONTE - BRIC CIARANDELLA","BRIC_DEL_MONTE","Piemonte","CN","Battifollo, Lisio, Viola","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:43:44","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "7","Mondolé","MONDOLE","Piemonte","CN","Frabosa Sottana, Roccaforte Mondovì","L'area carsica del Mondolé (2380 m) interessa l'intera testata dell'alta Valle Maudagna ed è caratterizzata da un vasto settore di rocce carbonatiche che, verso ovest e verso nord, sono a contatto con le rocce del basamento metamorfico, in corrispondenza di importanti lineazioni tettoniche. A sud e sud-est i calcari sono limitati da scisti e argilliti, con permeabilità piuttosto ridotta, mentre ad est l'area è in continuità con il settore carsico del massiccio dell'Artesinera. Nell'area del Mondolé sono stati individuati due principali sistemi tra loro semi-dipendenti: il sistema delle Scalette e il sistema di Artesina. li primo interessa i versanti meridionali e settentrionali del monte Mondolé, che alimentano alcune sorgenti poste ai piedi del massiccio, in corrispondenza di un esteso affioramento di rocce scistose a permeabilità piuttosto bassa. Le portate sono ridotte, in magra dell'ordine di 4-8 l/s, segno evidente che una parte delle acque assorbite in questo vasto settore riescono ad aggirare le rocce impermeabili e a dirigersi verso le sorgenti di Artesina. Tali emergenze, con portate complessive superiori ai 20 l/s, vengono alimentate da un'area carsica di dimensioni più ridotte, che si estende fino alla zona del rifugio della Balma ed è caratterizzata da una serie di valloni assorbenti, che drenano una parte delle acque superficiali provenienti anche dalle sorgenti delle Scalette. La struttura carbonatica del Mondolé è lateralmente confinata, nel settore occidentale, dalle rocce impermeabili del Pian della Tura attraverso una importante dislocazione sub-verticale orientata nord-sud che veicola le acque sotterranee verso le Sorgenti di Artesina. Nell'area del Pian della Tura si trova una piccolo affioramento di calcari dolomitici triassici nei quali è impostata una grotticella denominata Grotta dei Partigiani o della Tura. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:43:18","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "21","ARTESINERA - PRATO NEVOSO - BOSSEA","ARTESINERA_PRATO_NEVOSO","Piemonte","CN","Frabosa soprana, Frabosa sottana","L'area in esame è ben delimitata verso N-NE da un'importante discontinuità tettonica, che mette a contatto le rocce carbonatiche con quelle del basamento metamorfico, mentre verso W confina con l'area carsica del Mondolé, in corrispondenza di uno spartiacque sotterraneo non ben definito. Verso sud la profonda incisione del rio Sbornina, affluente del torrente Corsaglia, costituisce un importante limite dell'idrostruttura. Quest'area ospita due importanti sistemi idrogeologici: il sistema di Bossea, a nord e il sistema di Stalla Buorch, a sud, separati da una dorsale costituita da rocce impermeabili, legata a due importanti faglie che hanno sollevato le rocce del basamento. Soltanto nel settore di Pian dei Gorghi, i due sistemi vengono a contatto tra loro ed il limite idrogeologico non è ben definito. Una serie di colorazioni effettuate in quest'area hanno invece confermato i confini dei due sistemi definiti sulla base della struttura geologica. I tracciamenti eseguiti negli abissi dell'Artesinera e del Bacardi hanno dato esito positivo alle sorgenti di Stalla Buorch, ubicate presso la confluenza tra il rio Sbornina ed il torrente Corsaglia; mentre una serie di test eseguiti nei rii Roccia Bianca e Bertino hanno confermato un collegamento diretto con il collettore della Grotta di Bossea. La zona ad ovest di Prato Nevoso rappresenta un terzo sistema di dimensioni inferiori, facente capo alle sorgenti di Case Bergamino.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:42:08","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "18","ARMETTA","ARMETTA","Piemonte","CN","Alto, Caprauna, Ormea","L'area carsica del Monte Armetta (1744 m s.l.m.) si sviluppa prevalentemente in corrispondenza del versante in sinistra orografica dell'alta Val Pennavaire, interessando anche molto marginalmente una piccola porzione della Val Tanaro in corrispondenza della dorsale Monte della Guardia-Colla Bassa-Monte Armetta-Colle di S. Bartolomeo. L'intera struttura carbonatica, costituita da dolomie e calcari, è molto deformata e sembra essere sovrascorsa su degli scisti calcarei dell'Eocene affioranti sia nel settore meridionale che in quello occidentale dell'area in esame. Nella porzione nord-orientale di tale struttura affiorano, invece, le rocce del basamento metamorfico pre-triassico. Sia le quarziti che gli scisti eocenici, dotati di una permeabilità molto ridotta, condizionano la direzione del flusso sotterraneo verso la zona del paese di Caprauna dove è ubicata la grotta-sorgente della Taramburla. Tale cavità è percorsa da un importante collettore caratterizzato da notevoli variazioni della portata idrica, con una risposta molto rapida in funzione delle precipitazioni che interessano l'area di alimentazione. Le zone di assorbimento principale sono localizzate in corrispondenza di numerosi valloni secondari, localmente interessati da un modesto flusso idrico, che presentano una innumerevole serie di perdite in subalveo. Soltanto in prossimità della dorsale che separa la Val Pennavaire dalla Val Tanaro sono presenti le morfologie tipiche assorbenti con piccole doline e limitate zone con campi solcati. Nelle zone altimetricamente più elevate il carso è sub affiorante con una ridotta copertura prativa mentre scendendo in quota la vegetazione è costituita da alberi di medio fusto. Verso la Val Tanaro la morfologia dell'area è caratterizzata da ripidi versanti con numerose balze rocciose e pareti con dislivelli anche superiori ad alcune decine di metri mentre in direzione della Val Pennavaire i pendii sono meno acclivi, in particolare nelle zone più in quota. Scendendo verso il paese di Caprauna la morfologia diventa più accidentata con i valloni assorbenti caratterizzati da salti di roccia e tratti con morfologia a forra. Mentre il carsismo superficiale è piuttosto ridotto, la carsificazione profonda sembra essersi sviluppata ampiamente in corrispondenza delle zone di perdita dei numerosi rii secondari che solcano l'intera area (vedi ingressi di Tequila Bum Bum e Foglie Volanti) e più in profondità in prossimità del contatto tra le rocce impermeabili (quarziti e scisti) e la sovrastante successione carbonatica. Gli apporti concentrati delle acque superficiali e la particolare geometria del substrato impermeabile che guida il deflusso delle acque sotterranee verso la zona di risorgenza condizionano pesantemente lo sviluppo e le dimensioni delle reti carsiche. Le recenti esplorazioni del sistema Tequila - Foglie Volanti - Taramburla dimostrano una simile ipotesi. Il potenziale di carsificazione è piuttosto elevato con un dislivello potenziale che supera gli 800 m.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:41:27","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "10","Mirauda - Baban","MIRAUDA_BABAN","Piemonte","CN","Chiusa di Pesio, Limone Piemonte","Il massiccio della Mirauda, localizzato sullo spartiacque tra la Valle Vermenagna e la Valle Pesio, costituisce l'estrema propaggine nord-occidentale dell'area carsica del Marguareis. È formato da una lunga dorsale che comprende, da sud verso nord, Cima Jurin (2192 m), Cima Mirauda (2157 m) e Cima della Labiaia Mirauda (1971 m). Questa importante area carsica è delimitata, sia verso occidente che verso oriente, dalle rocce impermeabili del basamento, attraverso una serie di importanti faglie sub-verticali mentre verso sud si trova in continuità con il settore della Conca delle Carsene. li limite idrogeologico tra queste due strutture carbonatiche è ancora assai indefinito, anche se sono state eseguite colorazioni nelle zone di confine, nel settore della Conca dei Bab (ad est di Cima Jurin), dove è presente un inghiottitoio perenne che assorbe le acque provenienti dai depositi fliscioidi di Bric Bassa del Carbone. I test eseguiti in tale settore sono risultati sempre negativi alle sorgenti del Pesio, mentre i captori ubicati alla sorgente Barmassa hanno fornito valori di concentrazione del colorante estremamente ridotti. In questa area sono presenti due sistemi carsici: quello della Barmassa, il più importante, e il sistema che alimenta la sorgente delle Camoscere, di estensione molto più ridotta. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:40:02","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "20","Carsene - Pian Ambrogi","CARSENE_PIAN_AMBROGI","Piemonte","CN","Briga Alta, Chiusa di Pesio, Limone Piemonte","L'area carsica in esame comprende due settori assorbenti principali: la Conca delle Carsene, localizzata alla testata della Valle Pesio e la zona Pian Ambrogi - Navella, in territorio francese, nell'alta Valle Roya. Questi due settori sono separati dalla dorsale dei Monti delle Carsene, dove passa il confine italo-francese che, con i suoi 2300 m di quota media, collega la zona di Colla Piana ad ovest, con la zona di Passo Scarasson ad est. I rilievi principali sono costituiti da Cima Straldi (2375 m) e Punta Scarasson (2356 m). La Conca delle Carsene è formata da due valloni glacio-carsici principali, confluenti in corrispondenza di una vasta depressione chiamata Gias dell'Ortica (1830 m). Il vallone occidentale si sviluppa da Colla Piana verso nord, in corrispondenza di una importante discontinuità sub-verticale, inclinata verso est, che solleva il settore occidentale, mettendo a contatto le dolomie triassiche con i calcari arenacei del Cretaceo. Tale vallone è limitato verso ovest dall'imponente dorsale di Cima della Fascia (2495 m) - Rocche del Cros (2359 m). La conca orientale, che si sviluppa a partire da Passo Scarasson verso nord-ovest, è delimitata a settentrione dalle scoscese pareti che da Cima Scarasson si dirigono verso Testa Murtel. Le Carsene costituiscono uno degli esempi più rappresentativi di carso d'alta quota: vaste distese di rocce nude incise da microforme superficiali, doline di dissoluzione e di crollo, pozzi a neve, ampie depressioni tettonico-carsiche. La zona di Pian Ambrogi - Navella è delimitata verso sud dalla bastionata rocciosa sovrastante il Vallone di Malaberga, con i suoi rilievi principali: Castel Scevolai (2273 m) e Castel Frippi (2257 m); verso est dalla dorsale che da Punta Marguareis (2651 m) scende verso il Colle dei Signori; verso ovest dal settore compreso tra Testa Ciaudon (2396 m) e Castel Scevolai. La morfologia di questa zona è varia, con settori a carso nudo caratterizzati da numerosi pozzi e doline di crollo (Navella): affiorano prevalentemente i calcari puri giuresi. Dove invece sono più diffusi i calcari arenacei del Cretaceo, il carso è coperto da una sottile coltre erbosa e le forme più tipiche sono le doline di dissoluzione e i pozzi-frattura (zona tra Colla Piana e Castel Frippi). Spettacolare è poi il settore di Pian Ambrogi, con affioramenti di lembi di rocce fliscioidi (caratterizzati da una permeabilità ridotta), che presentano una rete idrografica superficiale terminante in una serie di inghiottitoi, sul contatto con le rocce carbonatiche. Le acque assorbite nella Conca delle Carsene e nel settore di Pian Ambrogi - Navella vanno ad alimentare le importanti sorgenti del Pesio, che scaturiscono alla base delle strapiombanti pareti tra Passo Baban e Testa Murtel, dando origine ad uno dei più estesi sistemi carsici delle Alpi Liguri. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","image34.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:39:15","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "19","Marguareis - Pian Ballaur - Saline","MARGUAREIS_PIAN_BALLAUR_SALINE","Piemonte","CN","Briga Alta, Chiusa di Pesio, Roccaforte Mondovì","Il settore che comprende il massiccio del Marguareis e del Pian Ballaur costituisce sicuramente la più vasta area carsica delle Alpi Liguri, estendendosi verso ovest fino alla zona del Colle dei Signori e verso est alle propaggini di Cima delle Saline. Verso sud, il limite dell'area carsica è impostato lungo il contatto tra le rocce carbonatiche e quelle fliscioidi, che corre tra il Colle della Boaria e l'abitato di Upega. A nord i confini della struttura raggiungono la Valle Pesio e sono sottolineati dal contatto tra le rocce del basamento metamorfico e la successione calcareo-dolomitica, che si estende a partire da Punta Emma fino a Cima Scarasson, alla base delle scoscese pareti settentrionali del massiccio del Marguareis. Dalla Colla del Pas verso il Pian Ballaur e Cima Saline, quest'area carsica confina con quella del Biecai-Serpentera, in corrispondenza di uno spartiacque sotterraneo tra il sistema carsico della Foce e quello dell'Ellero, che si sviluppa all'incirca lungo la dorsale che divide la Val Tanaro dalla Valle Ellero. Anche il limite occidentale di questa struttura non è ben delineato: il confine con l'area carsica Carsene-Pian Ambrogi corre lungo una linea ideale, desunta dai dati delle colorazioni effettuate e dallo sviluppo delle cavità carsiche. L'area carsica ospita due sistemi idrogeologici che alimentano rispettivamente le sorgenti della Foce e le sorgenti della Soma. Il primo costituisce il più esteso sistema carsico del Piemonte, nel quale si sviluppano i noti complessi di Piaggia Bella, di Labassa, di F-5; invece, nel sistema della Soma, non è ancora stata individuata alcuna cavità degna di nota. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","image20.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:38:43","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "14","Rocca d'Orse - Valdinferno","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","Piemonte","CN","Garessio, Ormea","L'area interessa un vasto settore, localizzato in sinistra orografica della Val Tanaro, compreso tra i centri abitati di Garessio ed Ormea, che si sviluppa verso ovest in direzione del massiccio dell'Antoroto. L'area carsica è delimitata verso oriente dal fiume Tanaro, verso nord e verso sud dalle rocce del basamento metamorfico, in corrispondenza di due importanti lineazioni tettoniche orientate EW, che hanno ribassato la struttura carbonatica per diverse centinaia di metri. Il limite occidentale con l'area carsica Cima Verzera - Antoroto non è definito non essendo stato individuato un motivo strutturale o litologico dove far passare lo spartiacque sotterraneo. L'attuale circolazione sotterranea delle acque è quasi del tutto sconosciuta e forse caratterizzata da più circuiti indipendenti. Nell'area occidentale è presente una sola sorgente ubicata sul fondovalle del rio Garella, ad una quota di 950 m s.l.m. La portata è relativamente ridotta rispetto alle dimensioni della zona carsica. Sui versanti meridionali, l'emergenza più importante è una sorgente presso la frazione di Albra a quota 1080 m, con un flusso idrico in magra superiore a 10 l/s. Nel subalveo del fiume Tanaro, principale livello di base posto a circa 620 m di quota, sembrano essere ubicate altre emergenze, descritte da pescatori, ma non ancora individuate nonostante le varie ricerche. Il potenziale carsico, dalle ipotetiche zone assorbenti in quota fino al fondovalle del Tanaro, dovrebbe quindi superare i 1000 m di dislivello. L'area carsica principale si estende verso NW nel settore denominato Valdinferno e verso SW in direzione di Eca lungo la dorsale che si origina dalle propaggini orientali dell'Antoroto e di Bec Ronzino (tra le quote 2000 e 1700 m). Sul versante della Valdinferno la morfologia è caratterizzata da scoscese pareti, con balze e ripidi pendii coperti da un'abbondante vegetazione boschiva. Le uniche morfologie carsiche presenti sono rappresentate da numerosissime cavità con spiccate morfologie a pieno carico. Le dimensioni dei loro ingressi superano la decina di metri di diametro ma, in genere, queste grotte si chiudono dopo poche decine di metri, a testimoniare la presenza di una fase carsica molto antica, in parte smembrata dai processi di arretramento del versante. I pendii meridionali della dorsale Bec Ronzino - Rocca d'Orse, verso Eca, sono invece a franapoggio; il versante, piuttosto acclive, ha una pendenza regolare fino al fondovalle Tanaro e una vegetazione scarsa, costituita prevalentemente da ginestre. Le forme carsiche superficiali sono quasi del tutto assenti ad eccezione di alcuni valloni assorbenti. L'assetto strutturale di questo settore ha pesantemente condizionato il carsismo sotterraneo, che sembra essersi sviluppato, ad iniziare dal Pliocene, con una serie di sistemi a pieno carico, indipendenti tra loro e lateralmente delimitati dalle rocce impermeabili. La ricarica prevalente dell'acquifero carsico proveniva da nord, dove lungo probabili vasti pendii, impostati nelle rocce metamorfiche del basamento (quarziti e porfiroidi), scorrevano i corsi d'acqua che si dirigevano poi verso la struttura carbonatica. Le successive fasi di approfondimento quaternarie hanno smantellato, in parte, la struttura, portando alla luce una parte dei diversi sistemi carsici. Lungo gli scoscesi pendii della Valdinferno sono presenti innumerevoli condotte a pieno carico, caratterizzate, in genere, da uno sviluppo limitato a causa dei notevoli riempimenti detritici ma soprattutto concrezionali, che hanno occluso le diverse gallerie. Le cavità del Garb dell'Omo Superiore, dell'Omo Inferiore, della Donna Selvaggia, della Fea, dell'Arma dei Cinghiali Volanti sono attualmente le grotte più estese. Con le loro grandiose gallerie testimoniano l'esistenza di una importante fase carsica, che si è sviluppata in condizioni di pieno carico probabilmente durante i periodi di clima caldo umido pliocenici. Sul versante opposto del massiccio, lungo le pendici meridionali della dorsale di Bric Ronzino-Rocca d'Orse, si trovano altre cavità, con morfologia molto simile alle precedenti (Arma Inferiore dei Grai, Pozzo dei Grai, Arma Nera, Arma del Tao). Sulla base delle attuali conoscenze sembra quindi che in quest'area non sia presente un unico grande reticolo carsico, bensì una serie di molteplici sistemi tra loro indipendenti. L'Arma del Tao, anche se caratterizzata da una sviluppo prevalentemente verticale, si inserisce in questo contesto genetico perché presenta, ad altezze differenti, van livelli relitti di gallerie a pieno carico. Lo studio della circolazione idrica sotterranea è reso piuttosto difficile dall'assenza di una circolazione perenne dell'acqua, eccezion fatta per il Garb dell'Omo Inferiore. Gli attuali fondi delle principali grotte sono ubicati a quote decisamente superiori rispetto al livello di base principale costituito dal fondovalle del fiume Tanaro (a quota di circa 600 m): la Donna Selvaggia si arresta a quota 965 m, il sifone finale del Garb dell'Omo Inferiore si trova a 1070 m ed è quindi sospeso rispetto alla ipotetica quota sorgiva; il fondo dei Grai è a 940 m mentre quello attuale del Tao si attesta a 830 m, 200 m sopra l'ipotetico livello di base attuale. La circolazione dell'aria non è di grande aiuto per la comprensione del carsismo sotterraneo di questa zona. È piuttosto ridotta in quasi tutte le cavità, segno dell'assenza di un unico e grande sistema carsico. Lascia assai perplessi il comportamento dell'aria nel Tao, dove nelle giornate molto calde o fredde si registrano notevoli pulsazioni e temporanee inversioni. Nonostante numerose battute eseguite a quote superiori (dorsale Bec Ronzino - Rocca d'Orse) non sono state trovate grotte funzionanti da ingresso superiore, ad eccezione del Pozzo Tramonto, cavità profonda una quarantina di metri, in prossimità della pista che conduce alle stalle di Pian Cavallo e caratterizzata da una notevole circolazione d'aria. Le evidenti pulsazioni che si osservano al Tao potrebbero essere legate alla sua posizione altimetrica: si comporterebbe da ingresso intermedio di un sistema carsico ben più ampio di quello conosciuto ad oggi. La presenza di grossi ciottoli fluitati di natura metamorfica rinvenuti in alcune zone della grotta, a partire da quota -130 m, testimonia il passaggio di grandi quantità d'acqua provenienti dalle zone del basamento (settore della Valdinferno) e porta a supporre l'esistenza di un ipotetico sistema carsico ancora in gran parte da esplorare. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","valdinferno_ok.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:38:11","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "36","Mongioie - Revelli - Conoia","MONGIOIE_REVELLI_CONOIA","Piemonte","CN","Briga Alta, Magliano Alpi, Ormea, Roccaforte Mondovì","L'area carsica è suddivisa in due porzioni ben separate: il massiccio del Monte Mongioie e il massiccio dei Monti Conoia - Revelli. Il massiccio del Monte Mongioie è costituito da una dorsale piuttosto articolata, che separa le testate delle Valli Ellero e Corsaglia dalla Val Tanaro. La vasta area carsica comprende le cime del Mongioie (2630 m s.l.m.), delle Colme (2370 m s.l.m.) e della Brignola (2472 m s.l.m.) ed una estesa conca glacio-carsica che da questi tre principali rilievi si sviluppa prevalentemente in Valle Ellero, verso la zona dei Gruppetti. I limiti geologici di questa importante area carsica sono prevalentemente legati ad una serie di discontinuità tettoniche, che mettono a contatto la successione carbonatica con le rocce del basamento metamorfico (quarziti e porfiroidi) o della copertura fliscioide (argilloscisti ed arenarie). li limite settentrionale è rappresentato da una faglia subverticale, ubicata presso il Bocchino della Brignola, tra i calcari e le quarziti, mentre nei settori occidentali (zona Bellino e versanti sud delle Saline) è presente un sovrascorrimento dei flysch sulle rocce calcaree. Nella porzione sud-occidentale, il limite della struttura è impostato su una importante faglia a basso angolo con direzione prevalente nord-sud. Verso est il basamento metamorfico affiora fino ai 2200 m di quota, nei settori di Pian dell'Olio e del Lago Raschera: il contatto con la successione carbonatica, inclinato di oltre 30° verso sud-ovest, condiziona la circolazione profonda delle acque verso le due emergenze principali: le sorgenti delle Vene e delle Fuse. Nella zona sorgiva è presente una importante dislocazione (la faglia della Chiusetta), orientata est-ovest, che mette a contatto le rocce calcaree con quelle metamorfiche del basamento e che costituisce il limite meridionale dell'area carsica. L'area dei Monti Conoia - Revelli costituisce l'ultima propaggine orientale della grande struttura carbonatica del Marguareis-Mongioie. Il limite idrogeologico di quest'area è impostato in corrispondenza di una importante faglia a basso angolo, con direzione nord-sud ed immersione verso est. La discontinuità, che ribassa il settore orientale, mette a contatto la successione carbonatica del Monte Conoia-Revelli con le rocce del basamento metamorfico. Il sistema carsico che si sviluppa in questa area è quello del Regioso, impostato per una parte rilevante lungo il contatto tettonico basamento-calcari, come accade di frequente nelle Alpi Liguri. I confini orientali e settentrionali di quest'area carsica seguono, invece, il limite stratigrafico tra le rocce impermeabili del basamento ed i carbonati.","","","","","","","","","","","","","","","","","","conoia_ok.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:37:33","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "9","Val Tanaro","VAL_TANARO","Piemonte","CN","Garessio, Ormea","Nel settore medio-alto della Val Tanaro sono presenti aree carsiche di esigue dimensioni impostate in lembi calcareo-dolomitici affioranti nella porzione rocciosa del basamento metamorfico (quarziti e porfiroidi). In tali strutture sono presenti alcune cavità carsiche di ridotto sviluppo. Partendo dal settore di testa della valle, lungo la strada che collega il paese di Viozene con Upega, si incontra, poco prima del bivio per Carnino, una esigua lente calcareo-dolomitica, con uno spessore di una cinquantina di metri ed una altezza di circa 150-200 m, che ospita il Pozzo di Antonio. Più a valle, invece, poco prima dell'abitato di Ponte di Nava, si trova la Grotta dell'Orso di Ponte di Nava, che si sviluppa in una stretta fascia di rocce carbonatiche, affiorante in sinistra idrografica del fiume Tanaro. La struttura è delimitata verso nord-ovest da una importante faglia verticale, che mette a contatto queste rocce con quelle del basamento. li fiume Tanaro, alcune centinaia di metri a monte del paese di Ponte di Nava, si presenta nei periodi estivi totalmente asciutto a causa delle ingenti perdite in sub-alveo che vanno ad alimentare i condotti sifonanti della Grotta dell'Orso di Ponte di Nava. A valle di Ormea, in destra Tanaro, sono presenti orizzonti di rocce carbonatiche che si alternano con litotipi non carsificabili costituiti da scisti, porfiroidi e quarziti. In queste strutture sono presenti sistemi carsici di limitata estensione, come quelli che fanno capo alla Grotta della Torre dei Saraceni, presso la frazione Barchi o alla Grotta di Villarchiosso, vicina alla frazione omonima. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","tanaro.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:36:40","","","","","","Piemonte","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "16","CIMA VERZERA - ANTOROTO","CIMA_VERZERA","Piemonte","CN","Garessio, Ormea","È sicuramente, dopo le aree dei massicci di alta quota del Marguareis-Mongioie, l'area carsica di estensione ed interesse maggiore fra tutte le zone del territorio piemontese. Si estende dalla dorsale che separa le valli Tanaro e Casotto dalla Val Corsaglia, verso il fondovalle del Corsaglia, interessando una superficie di oltre 30 km2. La successione carbonatica comprende l'intera serie mesozoica, dalle dolomie triassiche ai calcari arenacei del Cretaceo ed è lateralmente delimitata da due importanti faglie verticali, tra loro parallele, orientate circa NW-SE, che mettono a contatto questa successione con le rocce del basamento. li limite occidentale della struttura carsica è costituito dall'alveo del torrente Corsaglia, mentre il confine orientale è molto più indefinito: le rocce calcaree si estendono in continuità verso la Val Tanaro, in corrispondenza dell'area carsica dell'Rocca d'Orse - Valdinferno. L'area carsica ospita due importanti sistemi, il sistema della Mottera ed il sistema di Barello, che alimentano due copiose sorgenti ubicate in Val Corsaglia. li limite tra i due sistemi carsici è indefinito e probabilmente impostato in corrispondenza di uno spartiacque sotterraneo legato allo sviluppo e alla geometria delle reti carsiche delle due principali cavità: la Grotta della Mottera e l'Abisso Luna d'Ottobre.","","","","","","","","","","","","","","","","","","stanti_compresso.png","Raffaella Zerbetto","davide","2021-01-18 21:36:02","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","7","","","","","","","","","","","","","" "24","Rocca Brusetti","ROCCA_BRUSETTI","Piemonte","CN","Pamparato, Roburent","","","","","","","","","","","","","","","","","","","costacalda.png","Davide Barberis","davide","2021-01-18 21:35:45","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","","","","","","","","","","","","" "69","Civiasco","CIVIASCO","Piemonte","VC","Civiasco, Varallo","L'unità geologica denominata Ivrea-Verbano, che interessa buona parte del territorio di Civiasco, rappresenta il più esteso affioramento di crosta continentale profonda appartenente al basamento Sudalpino. Delimitata a Nord dalla Linea lnsubrica che la separa dal dominio alpino propriamente detto (Pennidico) e a sud dalla Linea Cossato-Mergozzo-Brissago che la separa dalla Serie dei Laghi, ha subito un unico profondo metamorfismo in epoca ercinica. L'unità comprende due sottounità litologiche di età diversa: il Corpo Ultrabasico di Ivrea, costituito da rocce basiche ed ultrabasiche di età permiana e la Formazione Kinzigitica, di età varisica, costituita principalmente da paragneiss di varia natura, anfiboliti, marmi e calcefiri. La Formazione Kinzigitica rappresenta in particolare un segmento di crosta continentale profonda sovrascorsa su terreni di più bassa densità ed é costituita da una alternanza di rocce derivate dal metamorfismo di sedimenti (ad esempio, marmi) o di rocce eruttive basiche (anfiboliti e loro corrispondenti in facies granulitica). Secondo alcuni studiosi, i sedimenti che ad essa hanno dato origine si sarebbero depositati tra 700 e 480 milioni di anni fa, cioè nel Precambriano superiore, nel Cambriano e nell'Ordoviciano inferiore. Le rocce caratteristiche della formazione kinzigitica sono soprattutto di tre tipi: gneiss biotitico-sillimanitici (che sono indicati anche come kinzigiti e che pertanto danno nome alla formazione), marmi e calcefiri, anfiboliti. Intercalate negli gneiss si trovano lenti di marmi e calcefiri, lunghe anche alcuni chilometri ma larghe solo poche centinaia di metri. I marmi sono calcari ricristallizzati per azione del metamorfismo; i calcefiri hanno un'origine analoga ma contengono, oltre alla calcite, dei silicati che derivano per lo più dalla ricristallizzazione della frazione marnosa dei calcari. Molto spesso i calcefiri si riconoscono facilmente perché sulla superficie carsificata i silicati sporgono sotto forma di noduli, spesso allineati. Queste lenti di rocce facilmente carsificabili, sono abbondantemente rappresentate nell'area di Civiasco, specie a Nordovest del paese, sotto forma di lenti allungate in direzione NE-SO, in alcuni punti larghe anche oltre 1 chilometro. Escludendo il torrente che nasce poco sotto le grotte del Partigiano e del Babbo, la zona è caratterizzata dall'assenza d'acqua superficiali. Sulla verticale delle altre grotte, lungo la strada provinciale che collega Varallo con Civiasco, vi è una fontana (Fontana di Mezzo) dalla quale sgorga perennemente acqua con una portata di circa 6,8 l/m, si osserva una variazione nelle portate compresa tra i 4 e i 12 litri/minuto, mentre la temperatura varia tra i 10 e i 14°C. La discreta quantità di calcio contenuta dovrebbe essere indice di sicura relazione con le soprastanti masse dei calcefiri; stupisce invece la eccessiva variabilità della temperatura registrata. Il fenomeno carsico è limitato a poche grotte e di piccole dimensioni ma va anche sottolineato che l'assenza di elevate potenzialità esplorative e le difficoltà riscontrate nel percorrere vaste zone dell'area in esame hanno sempre limitato le ricerche, lasciando quindi possibilità per future scoperte. (tratto da: Labirinti n.20; testo: S. Milanolo)","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:32:44","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "15","CAUDANO - FRABOSA","CAUDANO","Piemonte","CN","Frabosa Soprana, Frabosa Sottana","L'area carsica è impostata in una lente di rocce calcaree di piccole dimensioni, delimitata dalle rocce del basamento impermeabile, con due principali discontinuità verticali orientate NW-SE. Anche se di ridotte dimensioni, l'area ospita una delle grotte più conosciute e frequentate del Piemonte: la Grotta del Caudano. Le rocce carbonatiche di tale struttura sono costituite da marmi grigi, localmente anche di colore verde pallido, che in passato venivano sfruttati attraverso numerose cave, ancora oggi visibili in gran parte del settore.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-18 21:26:29","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "108","IVERY - PONT SAINT MARTIN","IVERY","","AO","Pont Saint Martin","","","","","","","","","","","Dal punto di vista geologico l'area è caratterizzata da una serie di rocce metamorfiche di diversa estrazione ed estremamente contorte che inglobano strati decimetrici di rocce carbonatiche fortemente corrose. Una visione d'insieme delle quattro cavità porta a considerare che si trattasse, in origine, di un unico complesso, smantellato dal crollo di parte della falesia. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014)","","L'area non è interessata da scorrimenti idrici superficiali. A monte di lvery però, si può notare al bordo della strada una sorgente. Inoltre, in una valletta orientata E-W, tra le case di Holay ed il Castello di Susey, scorre un piccolo torrentello. Infine, a quota 767, sempre a valle di conca (dolina?) ospita un laghetto in cui vive, protetto, il Tritone. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014)","La tenue, ma sensibile, corrente d'aria che caratterizza la sommità delle sale finali è indice di un contatto con l'esterno, che esplorazioni più articolate potrebbero localizzare. Alcuni condotti terminano in fessure inagibili, ma ampliabili. Sulla strada, qualche centinaio di metri prima del paese, è già stato notato un ampio riparo, catastabile. I locali, inoltre, hanno segnalato una cavità, denominata ""del Bandito"" che si aprirebbe alla base delle falesie a nord del paese, oltre le condotte forzate. (tratto da: Panta Rei - Antologia 2001-2014) ","","","","","","","davide","2021-01-12 17:15:37","","","","","","Valle d'Aosta","","","","","","","","","","","","","","","","","" "13","MONTE SAVINO - BRIC RIVOERA","SAVINO_RIVOERA","Piemonte","CN","Montaldo di Mondovì, Pamparato, Roburent","L' area carsica del Monte Savino (1088 m) costituisce uno degli esempi più belli di carso di bassa quota nelle Alpi Liguri, con ampie depressioni tettonico-carsiche, pianori e valloni assorbenti, estese doline di dissoluzione. La roccia carbonatica affiora in limitate zone, essendo in genere coperta da una coltre di argille residuali, sulle quali cresce una rigogliosa vegetazione con zone prative, faggete e noccioleti. I limiti della struttura carsica sono impostati, in genere, in corrispondenza di complessi contatti, sia tettonici sia stratigrafici, con le rocce impermeabili del basamento e sono ubicati tra la dorsale del Monte Savino e i settori presso i centri abitati di Roburent a nord e di Serra di Pamparato a sud. Il Vallone del rio Roburentello costituisce il confine occidentale della struttura principale. L'unico sistema carsico degno di nota alimenta la sorgente dei Galliani, denominata anche Fontanelle, ubicata ad una quota di 785 m.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2021-01-02 14:22:27","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "100","POJALA","POJALA","","VB","Premia","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-28 13:47:11","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "85","ARONA","ARONA","","NO","Arona","L'area immediatamente a Nord e Nord-Ovest dell'abitato di Arona è caratterizzata da una potente serie di rocce calcaree, uno dei pochi esempi di tali rocce nelle province di Novara e Vercelli. Il lago Maggiore, con la sua ampiezza , separa queste formazioni calcaree da quelle della provincia di Varese, ben più estese e correlate. Il vero e proprio basamento della serie stratigrafica locale è costituito da rocce porfiriche permiane, caratteristiche di tutta l'area circostante. E' possibile constatare che queste rocce porfiriche presentano in affioramento un grado di alterazione abbastanza spinto; ciò può essere dovuto ad una fase di emersione che va dal Permiano al Trias, epoca di deposizione dei sovrastanti calcari. Tale formazione, più o meno dolomitica, si presenta in strati fortemente inclinati immersi verso SW; tali caratteristiche si mantengono pressochè costanti in tutta l'area esaminata. Nella parte Nord, ai limiti con le rocce porfiriche, si nota uno strato di brecce cementate da materiale carbonatico. Al di sopra dei calcari, vi è un piccolo strato di dolomia riccamente fossilifero (gasteropodi, lamellibranchi, briozoi), molto ben visibile nella parete sud della Cava. Formazioni moreniche e depositi alluvionali recenti completano l'area in esame. Le manifestazioni carsiche epigee sono rappresentate unicamente da scarse doline ed inghiottitoi; nei calcari sono del tutto assenti forme di corrosione. Le doline presentano generalmente un aspetto molto arrotondato ed una profondità poco accentuata; in molti casi risultano ricoperte da depositi quaternari. Nei pressi dell'ippodromo, è ubicata una vasta depressione assorbente (I2); tale inghiottitoio, normalmente alimentato da alcune sorgenti temporanee, origina un lago in caso di forti piogge. Particolare rilevanza assumono alcuni vasti e profondi avvallamenti posti lungo l'area di contatto tra calcari e porfidi; tali avvallamenti si presentano ricoperti da un ampio strato di torba, probabile indice di una passata attività lacustre. Le acque raccolte in questi avvallamenti, dopo un breve percorso esterno, scompaiono nei pressi di un inghiottitoio (I1) che si apre in corrispondenza di alcuni giunti di strato tra i calcari; superiormente è ben visibile la valletta fossile incisa dal corso d'acqua prima della sua cattura. (testi G.D. Cella, C. De Giuli, P. Sebastiani) ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-22 21:47:10","","","","","","Piemonte","","","","257","","","","","","","","","","","","","" "98","MORBELLO","MORBELLO","","AL","Morbello","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-16 17:44:56","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "2","VISONE","VISONE","Piemonte","AL","Acqui Terme, Visone","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-16 17:41:03","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "39","BUSSAIA","BUSSAIA","Piemonte","CN","Entracque, Roaschia, Roccavione, Valdieri","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-14 21:51:42","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "48","VAL GRANDE DI PALANFRÈ","VAL_GRANDE_PALANFRE","Piemonte","CN","Vernante","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-14 21:50:36","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "40","CRISSOLO - ONCINO","CRISSOLO_ONCINO","Piemonte","CN","Crissolo, Oncino","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-14 21:45:01","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "42","ALTOPIANI STURA - MAIRA","ALTOPIANI_STURA_MAIRA","Piemonte","CN","Acceglio, Canosio, Demonte, Marmora, Sambuco, ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-14 21:31:24","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "97","MONTE TAMONE","MONTE_TAMONE_BERNEZZO","","CN","Bernezzo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-14 21:23:16","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "95","MONTE CAZZOLA","MONTE_CAZZOLA","","VB","Baceno, Crodo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-12 12:24:59","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "94","PIZZO DIEI","PIZZO_DIEI","","VB","Crodo, Varzo","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-12 12:23:40","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "92","VAL BORBERA","BORBERA","","AL","Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure","","","","","","","","","","","","","","","","","","","borbera.png","Davide Barberis","davide","2020-12-12 11:52:28","","","","","","Piemonte","","CC BY-SA 4.0","","","","","","","","","","","","","","","" "17","Garessio - Colombina","GARESSIO_COLOMBINA","Piemonte","CN","Garessio","","","","","","","","","","","","","","","","","","","colombina.png","Davide Barberis","davide","2020-12-11 22:47:53","","","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","","","","","","","","","","","","" "41","ROSSANA","ROSSANA","Piemonte","CN","Rossana, Busca","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-07 21:58:57","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "91","AISONE","AISONE","","CN","Aisone","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-07 21:47:39","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "87","PUGNETTO","PUGNETTO","","TO","Mezzenile","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 19:42:54","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "86","PIANEZZA","PIANEZZA","","TO","Pianezza, Alpignano","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 19:40:11","","","","","","Piemonte","","","","","","","","","","","","","","","","","" "83","MONTE CASTELLO","CASTELLO","","CN","Roccaforte Mondovì","L'area carsica si estende nel settore in destra orografica della Valle Ellero, a partire dalla zona di Pian Marchis verso est, fino oltre la zona del Monte Castello. La struttura carsica è costituita da una fascia di calcari puri del Giurassico, orientata circa est-ovest e confinata dalle rocce del basamento impermeabile attraverso una serie di faglie sub-verticali. Una sorgente a quota 1690 m, ad una cinquantina di metri di dislivello da Pian Marchis, con una portata in magra di poco inferiore ai 10 l/s, raccoglie l'acqua sotterranea proveniente dall'intera idrostruttura in esame. L'area di assorbimento è costituita in parte da scoscesi pendii rocciosi, che raggiungono la cima del Monte Castello (2220 m). Nella sua porzione settentrionale è presente un'area altamente carsificata, con numerose doline e pozzi assorbenti, caratterizzati dalla presenza di depositi nevosi anche nel periodo estivo. Qui sono ubicate alcune cavità che raggiungono uno sviluppo limitato (le esplorazioni sono iniziate solo da pochi anni) che si comportano da ingressi bassi, con notevole circolazione d'aria. Anche alla base della cima del Monte Castello è presente una galleria di grosse dimensioni con evidenti morfologie freatiche (Buco della Casta) che evidenzia la presenza di un antico reticolo carsico, in parte smembrato dai processi erosivi quaternari. Il potenziale massimo di carsificazione dell'area raggiunge i 500 m di dislivello.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 17:08:41","","","","","","Piemonte","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "23","Biecai - Serpentera","BIECAI_SERPENTERA","Piemonte","CN","Roccaforte Mondovì","L'area del Biecai - Serpentera è localizzata in corrispondenza della testata della Valle Ellero: è la propaggine più settentrionale di una vasta area costituita da rocce carbonatiche che si estende prevalentemente verso sud, interessando l'intero massiccio del Marguareis. Nella zona in esame sono presenti due sistemi carsici principali: il sistema del Pis dell'Ellero e quello di Pian Marchis, idrogeologicamente divisi in corrispondenza di una importante faglia sub-verticale, orientata circa est-ovest, passante grossomodo sulla direttrice Colle Sestrera - Lago Biecai - rifugio Mondovì. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 17:03:48","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "22","GARESSIO - RIO ROCCA BIANCA","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","Piemonte","CN","Garessio","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 15:39:48","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "84","ZUCCO","ZUCCO","","CN","Frabosa Soprana","L'area carsica dello Zucco costituisce la prosecuzione occidentale della grande struttura carbonatica Valdinferno-Rocca d'Orse-Antoroto-Verzera che si estende dalla Val Tanaro fino alla Val Maudagna. I limiti dell'area carsica dello Zucco coincidono con i fondovalle principali del torrente Corsaglia e dei diversi affluenti: verso est è separata dalla struttura del Verzera-Mottera dal fondovalle del rio Revelli mentre verso ovest è divisa dall'area carsica del Fantino in corrispondenza del vallone del rio della Raschera. Questi due corsi d'acqua confluiscono tra loro e, insieme al rio Sbornina, danno origine al torrente Corsaglia. L'area carsica interessa unicamente la porzione più settentrionale del massiccio dello Zucco che, dalla cima fino grossomodo alla zona di Sella del Zucco, è costituito dalle rocce del basamento metamorfico (porfiroidi e quarziti). In prossimità di tale sella, una importante faglia orientata circa est-ovest mette a contatto le rocce impermeabili con l'ammasso carbonatico costituito da una complessa struttura a sinclinale con al nucleo le brecce della Verzera seguite dai calcari puri giuresi e dai calcari dolomitici triassici. Un ampio vallone impostato nelle rocce metamorfiche e con una abbondante copertura detritica, alimenta il rio dello Zucco che prende poi il nome di rio del Becco nel settore più verso valle: questo corso d'acqua presenta una serie di perdite sub-alveari, a partire dal contatto basamento metamorfico-rocce carbonatiche, che vanno ad alimentare una serie di circuiti carsici ancora in parte sconosciuti. li circuito carsico più importante dal punto di vista idrologico alimenta un importante gruppo sorgivo che prende il nome di Sorgenti del Salto di Brana, ubicate presso il fondovalle del rio Revelli, proprio di fronte alle emergenze della Mottera. Queste sorgenti presentano in magra una portata intorno ai 10 l/s e sono captate dall'acquedotto di Frabosa Soprana. Un secondo circuito, forse una diffluenza di quello appena descritto, alimenta l'emergenza che fa capo alla Grotta Bessone. Un terzo circuito sembra essere presente nella porzione più settentrionale dell'area carsica e dovrebbe essere legato alle perdite che presenta il Rio del Becco che, in situazioni di magra, risulta essere del tutto asciutto a partire dalla zona del Piano Barone. Le informazioni attuali sono molto sommarie e quindi è assai difficile riconoscere i diversi sistemi carsici presenti in questo settore. La scoperta della Grotta Bessone ha sicuramente aperto le porte alla conoscenza di questa interessante area carsica. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 14:36:48","","","","","","Piemonte","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "11","Mussiglione","MUSSIGLIONE","Piemonte","CN","Garessio","Nel settore medio-alto della Val Casotto sono presenti aree carsiche di ridotte dimensioni: della Marmorea (sul bordo in destra orografica del rio Moscardina), della Fornace di Casotto (in destra orografica del rio omonimo), di Rocca dei Balbi, della Volpe, del Mussiglione. In ognuna di queste piccole aree è ospitato un piccolo sistema carsico, che alimenta una sorgente con portate molto esigue. Sono in genere presenti una o più grotticelle, di seguito verranno descritte quelle di dimensioni maggiori. L'area di dimensione maggiore è quella del Mussiglione che si estende grossomodo da est verso ovest, tra i due valloni principali della Val Casotto. L'area è delimitata da importanti faglie subverticali che mettono a contatto la successione carbonatica con le rocce del basamento. Nel settore di cima Mussiglione sembra che le rocce metamorfiche ricoprano, in parte, i calcari dolomitici di questa struttura. Si suppone la presenza di due sistemi carsici principali: il primo, che fa capo al Garb del Mussiglione, caratterizzata dalla presenza di un ramo attivo che alimenta una piccola sorgente le cui acque confluiscono nel torrente Marmorea; il secondo ben più importante, alimenta le sorgenti dei Fontanazzi, con portate in magra superiori a 15-20 l/s. L'area della Volpe è di ridotte dimensioni e si estende sulla sinistra idrografica della vallata principale, all'altezza della correria del Castello di Casotto, delimitata da una serie di discontinuità sub-verticali che mettono a contatto i calcari dolomitici con i porfiroidi. Il contatto si incontra nella grotta della Volpe, principale cavità dell'area, percorsa da un piccolo rio che termina in profondi sifoni, esplorati dagli speleologi belgi.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-06 14:05:29","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "34","Seirasso - Brignola","SEIRASSO_BRIGNOLA","Piemonte","CN","Magliano Alpi, Roccaforte Mondovì","L'area in esame è localizzata in corrispondenza della dorsale che separa la Valle Ellero dalla Val Corsaglia presso Cima Seirasso (2414 m s.1.m.). Si tratta di una piccola lente, con orientazione nord-sud, costituita da una scaglia di calcari dolomitici del Trias, pizzicata tra le rocce impermeabili del basamento (verso ovest) ed i depositi fliscioidi cretacico-eocenici (ad est). Le rocce carbonatiche risultano essere intensamente fratturate con piccole cavità impostate lungo le direttrici tettoniche principali. La circolazione sotterranea dell'area è del tutto sconosciuta e probabilmente il deflusso idrico va ad alimentare piccole sorgenti presenti nei due punti più bassi della struttura ubicati a nord e a sud di Cima Seirasso. Il potenziale massimo di carsificazione supera di poco i 100 m di dislivello. Poco più a nord di quest'area, grossomodo all'altezza della Sella della Brignola, si trova una limitata fascia calcareo-dolomitica, orientata grossomodo est-ovest, delimitata dalle rocce del basamento impermeabile da due importanti discontinuità sub verticali. Tale struttura carbonatica ospita una piccola cavità attiva, la Grotta della Sella della Brignola, che viene alimentata dalle perdite di due piccoli rii emissari dei laghetti del Seirasso. ","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-05 19:00:01","","","","","","","","","","7","","","","","","","","","","","","","" "5","LANGHE E ROERO","LANGHE_ROERO","Piemonte","CN","Cherasco, Verduno, Monticello d'Alba","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","davide","2020-12-05 13:35:08","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "57","Meana","MEANA","Piemonte","TO","Gravere","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "6","Monte Calvario","MONTE_CALVARIO","Piemonte","CN","Villanova Mondovì","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","",""