"Id","Numero","Limita la visualizzazione del contenuto a questi gruppi","Nome","Altre denominazioni","Grotte collegate","Primo censitore","Regione","Provincia","Comune","Località","Monte","Valle","Area di interesse speleologico","geologicalformation","Sviluppo reale","Sviluppo planimetrico","Estensione","Dislivello positivo","Dislivello negativo","Dislivello totale","Tipo di coordinate","Latitudine","Longitudine","Tipo coordinate originali","Quota altimetrica","Quota cartografica","Quota GPS","Denominazione carta","Edizione carta","Valutazione dato","Cavità archeologica","Cavità marina","Cavità marina/lacustre","Inquinamento","Cavità chiusa","Note di accesso alla cavità","Cavità distrutta","Posizione verificata sul campo da","Data ultima verifica sul campo","Idrologia","Andamento","Praticabilità interna","Gruppi speleo","Cronologia catastale","Note","Descrizione","Itinerario di accesso","Sequenza pozzi","Fauna","Meteorologia","Litologia ingresso","Storia","hidden","Note relative a questa versione della scheda","Foto ingresso","Autore foto","Autori testi descrizione","Autori testi Itinerario","Autori testi Fauna","Autori testi Storia","Data importazione","Utente che ha inserito i dati","Utente che ha aggiornato i dati","Ultima modifica dei dati","Limita la modifica del contenuto a questi gruppi","Dati pre-importazione","Latitudine","Longitudine","Coordnatesupdated","Recorddeleted","Nazione","Alias","lithology","Grotta turistica","Licenza foto ingresso","Cavità artificiali collegate","Attenzione","Sistema carsico","Complesso carsico" "2519","PI3444","","Abisso Ventazzo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ZOTTAZZO","","CORSAGLIA","CIMA_VERZERA","","7216","5297","","32","649","681","UTM WGS84 32T","4894333","409825","","1823","","","","","","","","","","","","","Raffaella Zerbetto","","siphons,torrents","PREVALENTEMENTE VERTICALE","","2","","","","","","","blow_during_heat","","","","","P_20170527_115255.jpg","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2023-11-27 20:50:04","w_caves","Numero:3444;Nome:Abisso Ventazzo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409836;Longitudine:4894335;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1823;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):3840;Dislivello positivo (m):32;Dislivello negativo (m):480;Dislivello totale (m):512;","44.1966428","7.8715287","2020-07-14 09:19:23","","Italy","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "869","PI941","","Buco del Bric della Penna","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","25","","","25","","25","UTM WGS84 32T","4892123","419557","UTM ED50","900","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:51","","davide","2023-10-23 10:09:24","w_caves","Numero:941;Nome:Buco del Bric della Penna;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Caprauna - Upega;Latitudine:419557;Longitudine:4892123;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):900;Sviluppo reale (m):25;Dislivello positivo (m):25;Dislivello totale (m):25;Note_:Ingresso In Parete;","44.1778868","7.9936361","2020-06-17 11:04:56","","ITA","","","","","","","","" "3168","PI1998","","B231","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","","CIMA_VERZERA","","33","27","","","10","10","UTM WGS84 32T","4893672","410984","","2125","","","","","","","","","","","","","Gianluca Ghiglia","2023-07-16 00:00:00","","","","2","","","Cavità suborizzontale di prevalente morfologia tettonica, ma con forte aria aspirante. Nella saletta del fondo sono visibili morfologie carsiche, ma l'intaso di grossi blocchi non permette di continuare.","Si trova poche decine di metri a monte della Voragine della Ciuaiera seguendo la cresta che sale a Cima Ciuaiera.","","","suck_during_heat","Calcari","","","","B231_ingr.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2023-09-07 19:02:24","davide","davide","2023-09-08 16:52:58","","","44.1908351","7.8861421","2023-09-07 19:02:58","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3144","PI1974","","B230","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CORSAGLIA","CIMA_VERZERA","","29","20","","","12","12","UTM WGS84 32T","4893638","410945","","2145","","","","","","","","","","","","","Davide Barberis","2023-08-10 00:00:00","","","","2","","","Cavità tettonica caratterizzata da forte aria aspirante. Un cunicolo di pochi metri conduce al P10 che consente di accedere a una fessura orizzontale orientata SSE-NNO.","Da Cima Ciuaiera scendere lungo la cresta che porta alla Voragine della Ciuaiera fino a incontrare in mezzo ai blocchi l'ingresso della grotta.","","","suck_during_heat","Calcari","La cavità era già stata esplorata avendo in cima al pozzo un vecchissimo spit, ma non si conoscono gli esploratori.","","","B230_ingr.png","Gianluca Ghiglia","Davide Barberis","Davide Barberis","","Davide Barberis","2023-08-16 18:30:29","davide","davide","2023-08-18 20:08:29","","","44.1905243","7.88566","2023-08-16 18:30:56","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "74","PI146","","Voragine della Ciuaiera","Pozzo di Cima Ciuaiera ","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIMA CIUAIERA","","CIMA_VERZERA","","743","542","","","214","214","UTM WGS84 32T","4893692","411025","UTM ED50","2099","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L’ingresso è costituito da una grande dolina-inghiottitoio normalmente ingombra da accumuli nevosi per quasi tutto I’anno. Alla base dello scivolo iniziale si apre il primo pozzo di 20 m a cui segue un ampio salone con la tipica morfologia da crollo. Il pozzo che segue è di 40 m, impostato su una grossa frattura in direzione N-E. Ancora un saltino di 8 m e si giunge sul soffitto di un salone alto circa 35 m, a questo ampio ambiente seguono dei brevi salti ed un pozzo franoso di una quindicina di metri. In questa zona è avvertibile una discreta corrente d’aria. Un salto di una decina di metri immette nell’ultimo pozzo alla cui base si apre un salone con un caotico ammasso di grandi e numerosi blocchi di frana. La grotta non presenta corsi d’acqua ma solo diffusi stillicidi. Le acque raccolte in questa zona risorgono in Val Corsaglia, alle sorgenti di Borello con un dislivello di circa 1000 metri. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","L’accesso alla grotta avviene dalla Val Tanaro: dall’abitato di Ormea risalire la carrozzabile che si snoda lungo i ripidi pendii meridionali del Monte Antoroto e raggiunge Colla dei Termini. Lasciata l’auto in prossimità della Colla, si segue sulla destra la cresta verso Cima Ciuaiera per circa 20 minuti. Immediatamente a sinistra della Cima, un colletto (lato Valcasotto) permette di accedere ad una grossa depressione (60 m x 60 m) costellata da numerose doline, in quella più a sinistra si apre il maestoso ingresso dell’abisso. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Scivolo iniziale: discesa su neve. 1° pozzo: m 30 2° pozzo: m 40 3° pozzo: m 10 4° pozzo: m 30 2 salti di 6 metri 5° pozzo: m 20 6° pozzo: m 30","Troglohyphantes vignai Brignoli, 1971|Turinyphia clairi (Simon, 1884)","suck_during_heat","","È stata scoperta ed esplorata dal GSP nel 1961. Successivamente sia lo SCT che il GSP hanno proseguito, per ora infruttuosamente, le esplorazioni. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","B021.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","davide","2023-07-25 20:21:13","w_caves","Numero:146;Nome:Voragine della Ciuaiera;Altra denominazione:Pozzo di Cima Ciuaiera ;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Sistema carsico:Borello;Latitudine:411025;Longitudine:4893692;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2099;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):450;Dislivello negativo (m):220;Dislivello totale (m):220;Note_:Caduta Sassi;","44.1910202","7.8866517","2020-06-17 11:04:24","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "44","PI116","","Garb del Mussiglione","GARB DEL MUSSIUN","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALCASOTTO","MUSSIGLIONE","","MUSSIGLIONE","","1160","","","","105","105","UTM WGS84 32T","4895484","412721","UTM ED50","1650","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","La grotta si apre al limite occidentale di un affioramento di calcari dolomitici del trias, a poche decine di metri a monte della linea di contatto con porfidi quarziferi. L'apertura è su una cresta pietrosa, alquanto dilavata, che scende sul versante occidentale del M. Mussiglione, e che ha la direzione E-0, come le principali gallerie della grotta. 50 metri ad occidente dell'ingresso si trova una piccola dolina, certo in relazione a un tratto di cavità non esplorabile. Recenti sprofondamenti del terreno si trovano ad Est della grotta, presso la mulattiera, ed abbiamo osservato in pochi anni un mutare della loro fisionomia. 200 metri a SE della grotta vi è una risorgenza di modeste dimensioni, con annesso abbeveratoio per gli animali, di qui potrebbero uscire le acque non certo copiose, che percorrono la grotta. Nel suo insieme la grotta si sviluppa in una rete ben definita di diaclasi. I condotti sono tutti caratterizzati da sezioni ellittiche, pressoché circolari (condotti freatici) in cui posteriormente si sono avuti degli ampliamenti verso il basso con formazione di forre. La galleria nord presenta una impostazione in interstrato con strati più inclinati che non negli altri rami. Tuttora nella grotta sono ancora attivi tre pozzetti assorbenti; a due si è accennato, il terzo si trova nella galleria che collega i rami nord e sud. Non abbiamo notato alcuna corrente d'aria nella grotta; la temperatura, misurata nel ramo ovest, è di 5,8 ·c (giugno 1965). (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","L'ingresso è costituito da un pozzo di 30 metri alla cui base si aprono due rami. Il primo (occidentale) è piuttosto breve, il secondo (orientale) si biforca dopo pochi metri: un ramo diretto a NE, in forte discesa, è presto chiuso dalle propaggini del cono di detriti del pozzo; l'altro, diretto a Est, prosegue con saliscendi e termina con due condotti paralleli raccordati fra loro. Il pozzo si apre in un imbuto profondo due metri e prosegue cilindrico per un 15 metri, poi tende ad allargarsi e ad assumere forma irregolare, risultante dall'incontro di più diaclasi, con morfologia clastica. Fino a metà lunghezza le pareti del pozzo sono abbondantemente ricoperte di vegetazione. Ramo occidentale Nel primo tratto sono caratteristiche le pareti ricoperte da uno strato di latte di monte profondo in qualche punto oltre 25 cm; segue un pozzo di 16 metri che porta in un salone dal suolo formato da grossi massi di crollo; all'estremità orientale vi sono camini ascendenti che portano a relitti di condotti erosivi sovrapposti i quali rivelano l'origine gliptoclastica del salone stesso. Questi condotti a pressione sono verosimilmente collegati a quelli del ramo orientale attraverso il cumulo di detriti che occupa il fondo del pozzo da 30, il quale senza di essi raggiungerebbe una profondità di 50 metri circa. Il salone, verso ovest, dà in una galleria in forte salita, che probabilmente giungeva fino all'esterno per mezzo di un camino; è chiusa da colata stalattitica. Tutta la parte ovest della grotta è, nonostante qualche stillicidio, notevolmente secca. Ramo orientale Nel primo tratto vi sono molte concrezioni che però non coprono del tutto la primitiva morfologia rappresentata da forme di erosione. Dopo circa 25 metri un riempimento d'argilla chiudeva il passaggio che fu disostruito nel 1958; esiste però anche un passaggio più alto, ma molto stretto. Dopo di che la galleria prosegue stretta e alta fino a una saletta in cui si apre un pozzo di 6 metri; qui scendono abbondanti acque di percolazione che si perdono in una strettoia in fondo al pozzo. All'estremità orientale della saletta un camino ingombro di massi e argilla porta con un salto di 5 metri ad una galleria dalla tipica sezione a volta ellittica e fondo ora sabbioso ora concrezionato. Gli scallops indicano il senso di percorrenza delle acque, dirette verso l 'esterno. Dopo circa 25 metri si arriva a un bivio: verso E si ha una galleria ascendente scavata sotto pressione e in interstrato, col fondo formato da blocchi concrezionati e argilla (ramo nord). Essa conduce ad un pozzo di circa 10 metri, sede di percolazione, in cui l'acqua sparisce in una strettoia. L'altra galleria, diretta prima a S, poi a E (ramo sud) è iniziata come condotto sotto pressione ed è stata allargata a forra; è impostata su diaclasi, come il breve condotto che collega questa galleria col ramo nord. Dal punto del collegamento la diaclasi della galleria sud prosegue per circa 30 metri fino ad una saletta, chiusa: questo tratto presenta per pochi metri una sezione quasi circolare, poi, per l'allargamento della diaclasi, la forma del condotto sotto pressione si conserva solo nella volta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Dalla Colla di Casotto prendere la strada privata che porta all'Alpe di Perabruna. Quando inizia a salire con tornanti, nei pressi del Gias di Roccassone, la si abbandona e si prende la mulattiera che circonda a nord il M. Mussiglione; giunti sulla cresta ovest la mulattiera passa a poche decine di metri dalla grotta che è segnata sulla carta IGM. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","suck_during_heat","","Conosciuta già dal secolo scorso venne discesa per la prima volta da F. Sacco nel 1884. Nel 1958 il GSP esplorò il tratto principale e nel 1965 venne eseguito il rilievo. Nel 1981, ad opera del GSP venne disostruita una strettoia sul fondo, permettendo l’esplorazione di 650 m di nuove gallerie, in parte attive, fino al fondo attuale a -105 m. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:34","","davide","2023-07-25 18:52:34","w_caves","Numero:116;Nome:Garb del Mussiglione;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Mussiglione;Sistema carsico:Sorgente del Bric di Mezzodì;Latitudine:412721;Longitudine:4895484;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1650;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):1005;Dislivello negativo (m):105;Dislivello totale (m):105;","44.2073558","7.9075719","2020-06-17 11:04:23","","ITA","","","","","","","BRIC_MEZZODI","" "109","PI181","","Garbo della Donna Selvaggia","CAVERNA DELLA DONNA, GROTTA DELLA DONNA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","814","","","","259","259","UTM WGS84 32T","4892732","416821","UTM ED50","1310","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Dall’ampio portale di accesso, 8 m x 15 m, si risale una conoide di detriti, raggiungendo l’ingresso superiore, costituito da un pozzo profondo 38 m. Una stretta fessura, all’estremità opposta del salone di ingresso, permette di raggiungere una bassa galleria ed un successivo pozzo di 30 m. Il fondo del P30 è chiuso da concrezioni, ma con un facile pendolo a metà pozzo si raggiunge una grossa condotta che, con percorso inclinato e brevi saltini, porta su un pozzo subverticale di 40 m. Un pozzetto di 5 m ed un altro di 30 m conducono in un salone stupendamente concrezionato, ambiente piuttosto raro per le grotte piemontesi. Da qui, una difficile risalita di 20 m porta, attraverso una fessura, ad un condotto e ad un nuovo salone di crollo. Gli ambienti diventano molto complessi; un’altra sala e una serie di condotti con alcuni pozzetti costituiscono il fondo del 1984 a -195 m. Nel 1990, forzando il fondo del salone, il GSG trova uno stretto passaggio tra i massi, seguito da un P12 e un P18 alternati ad ambienti angusti, fino alla massima profondità di -295 m, senza circolazione d’aria. La grotta è percorsa da una forte corrente d’aria non costante, che inverte sul secondo pozzo. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Dalla frazione Trappa si prende la strada sterrata che, dopo 3 km, conduce alla frazione Pianbernardo, ove si deve necessariamente lasciare l’autovettura. Si prosegue per circa un’ora su comoda mulattiera fin quasi a raggiungere la località Prati sopra le Balze; pervenuti in zona, ci si sposta a destra lungo una traccia di sentiero, fino ad incontrare l’arrivo di una vecchia teleferica. La grotta è localizzata una cinquantina di metri più in basso, lungo ripidi pendii sospesi sulle pareti nord che sovrastano la Valdinferno. L’ingresso è costituito da un grosso pozzo a cielo aperto, che si può evitare seguendo un canalino più a sinistra, che porta alla base del pozzo. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","Meta menardi (Latreille, 1804)|Metellina merianae (Scopoli, 1763)|Pimoa rupicola (Simon, 1884)","blow_during_heat","Calcari","La grotta è conosciuta fin dagli inizi degli anni ‘60. Nel 1984, il GSP traversa sopra il vecchio fondo (-58 m,) ed esplora fino a -195 m. L’attuale fondo a -259 m è stato raggiunto dal GSG nel 1990. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","V035.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:36","","davide","2023-03-27 17:39:52","w_caves","Numero:181;Nome:Garbo della Donna Selvaggia;Altra denominazione:Caverna della Donna;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:416821;Longitudine:4892732;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1310;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):695;Dislivello negativo (m):259;Dislivello totale (m):259;Note_:N.C.;","44.1830623","7.9593171","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3098","PI1927","","Ingresso inferiore della Grotta degli animali","V045","PI231","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","VALDINFERNO","BEC RONZINO","TANARO","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","170","","","","26","26","UTM WGS84 32T","4892562","415542","UTM ED50 32","1599","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","2005-08-28 00:00:00","","","","","","","","","","","","Calcari","","","","V045_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2022-12-24 06:42:33","davide","davide","2023-02-15 11:03:36","","","44.1813851","7.943345","2022-12-24 06:50:19","","","","","","","","","","PI231" "35","PI107","","Tana della Marmorera","TANA DELLA MARMOREA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE CASOTTO, COSTA DELLA MARMORERA","","","MUSSIGLIONE","","32","","","","2","2","UTM WGS84 32T","4896903","412048","UTM ED50","1208","","","","","","","","","","","Da Casotto si segua la Valcalda fino ad incontrare la confluenza fra il Rio di Moscardina e il Rio dei Frecci. Si attraversa il ponte e si sale su per la costa della Marmorera; l'ingresso è visibile in una parete rocciosa, sotto forma di una spaccatura alta 6 metri. Conviene risalire il costone a destra, attraversare poi a sinistra e scendere a corda doppia. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","Piccola cavità fossile con andamento orizzontale, chiusa sul fondo da colate stalattitiche. Si tratta di un antico condotto di erosione abbandonato perché l'acqua ha trovato una più bassa via; infatti alla base della parete esiste una cospicua risorgenza carsica. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:34","","davide","2023-01-25 04:23:35","w_caves","Numero:107;Nome:Tana della Marmorera;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Mussiglione;Latitudine:412048;Longitudine:4896903;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1208;Sviluppo reale (m):32;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.2200481","7.8989118","2020-06-17 11:04:22","","ITA","","","","","","","MARMOREA","" "159","PI231","","Grotta degli Animali","","PI1927","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","BEC RONZINO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","170","","","","26","26","UTM WGS84 32T","4892556","415581","UTM ED50","1577","","","","","","","","","","","Raggiungere la Grotta dell'Orso n. 150 Pi; proseguire lungo il sentiero per qualche decina di metri fino a un caratteristico poggio; abbassarsi sulla destra lungo un ripido pendio erboso e roccioso per circa 25 metri fino alla base di una paretina rocciosa sotto al poggio suddetto; seguire una cengia erbosa alla base della paretina e dopo pochi metri si perviene all'ingresso della grotta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","La cavità si apre nei calcari del giura in prossimità del contatto coi sovrastanti calcari del cretaceo. Attualmente si trova in una zona idricamente quasi inattiva sia per la distanza dalla falda freatica, sia per la vicinanza alla superficie e sia anche per la mancanza di zone d'assorbimento. Consta praticamente di un'unica grande galleria che si addentra nel monte in direzione costante per circa 120 metri. Vi si può accedere attraverso due distinti ingressi che comunicano fra loro mediante un pozzo di 7,5 metri. L'ingresso superiore, che si raggiunge seguendo l'itinerario dato, immette in un breve e stretto condotto attraverso cui si perviene, con due salti di 3 e 4,5 metri, in un'ampia sala di m 8 X 10. Il piano di stratificazione dei calcari giuresi ne costituisce la volta. Di qui si dipartono alcune diaclasi che formano brevi gallerie di secondaria importanza nonché la galleria che immette all'ingresso inferiore. I due salti citati appaiono, ad un esame morfologico, come i resti di grosse marmitte; la più bassa è completamente riempita da sassi di crollo. Proseguendo invece lungo la galleria che adduce all'ingresso inferiore, la morfologia di crollo si è sovrapposta ai possibili fenomeni primari e si notano solo più le giaciture delle diaclasi ben visibili in volta. Proseguendo nella direzione della diaclasi principale e cioè N 90° E, si incontra quasi subito un salto di m 11 attraverso cui si scende con facilità e senza attrezzatura in una forra. Le pareti, grosso modo parallele, sono caratterizzate da sporgenze e rientranze, da lame di roccia e vecchi scallops, caratteristici di questo tipo morfologico. Dalla base del salto si può tornare per 10 metri verso l 'ingresso della cavità fino a un punto, esattamente sotto la grande sala di 10 X 8, in cui la forra è completamente intasata da blocchi di ogni dimensione, il che conferma l'ipotesi che il fenomeno di escavazione proseguisse fino all'esterno, sempre con questo tipo morfologico di galleria a forra. Proseguendo invece verso l'interno del monte, il suolo diviene presto fangoso con varie pozze d'acqua e il fenomeno clastico lascia presto il posto ad una azione litogenica: la galleria prosegue piuttosto uniforme e pianeggiante con volta molto alta, pareti quasi parallele e distanti circa un metro, in direzione quasi costante per circa 120 metri. Mancano completamente i meandri, mentre si notano dei piccoli slarghi a sezione ellittica, quasi resti di semi-marmitte sventrate. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","1° m 7,5. 2° m 12.","","","","","","","V048.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","davide","2022-12-24 06:48:10","w_caves","Numero:231;Nome:Grotta degli Animali;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415581;Longitudine:4892556;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1577;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):170;Dislivello negativo (m):26;Dislivello totale (m):26;Note_:N.C.;","44.1813356","7.9438338","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","PI231" "2486","PI3406","","Rem 1","","PI3407","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","2490","1838","","33","300","333","UTM WGS84 32T","4893402.5","412167.5","UTM ED50","1938","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","suck_during_heat","","","","","B038.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:38","","davide","2022-12-21 04:04:21","w_caves","Numero:3406;Nome:Rem 1;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Complesso carsico:Complesso di Rem del ghiaccio;Latitudine:412166;Longitudine:4893407;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1938;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):68;Sviluppo planimetrico (m):32;Dislivello negativo (m):42;Dislivello totale (m):42;","44.1885526","7.9009936","2020-06-18 09:18:59","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","PI3407" "424","PI496","","Grotta Contralto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","6","","","4","","4","UTM WGS84 32T","4890501","419405","UTM ED50","970","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","Seguire l'itinerario per la grotta della Visitazione e salire sino a portarsi davanti alla chiesetta dal nome omonimo. Proseguire ancora in piano per un centinaio di metri indi scendere sino al Rio Chiosso e salire la sponda sinistra della valletta che porta a Villarchiosso Soprano. Questa Sponda per lungo tratto è evidenziata da un banco di quarziti ed è appunto di origine tettonica lo stacco dell'enorme lastrone e la conseguente formazione della cavità sub-verticale che si incontrerà salendo (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Laiolo, G. Lazzarini).","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:42","","davide","2022-12-11 01:55:28","w_caves","Numero:496;Nome:Grotta Contralto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:419405;Longitudine:4890501;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):970;Sviluppo reale (m):6;Dislivello positivo (m):4;Dislivello totale (m):4;Note_:N.C.;","44.1632691","7.9919836","2020-06-17 11:04:38","","ITA","","","","","","","","" "422","PI494","","Grotta Visitazione","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","219","166","","","62","62","UTM WGS84 32T","4890510","418931","UTM ED50","743","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","Superato un primo saltino fra i massi ci si trova in un modesto slargo da cui attraverso uno stretto passaggio si scende in una seconda saletta di dimensioni più grandi, anch'essa formata tra gran di blocchi di frana. Da qui uno scivolo pozzetto immette in una terza sala di notevoli dimensioni con uno slargo sulla destra in forte pendenza. Da qui si procede tra blocchi di frana e il pavimento, come tutto il percorso della grotta, è ingombro di detriti. In fondo a sinistra si imbocca un cunicolo in discreta pendenza ma abbastanza agevole: dopo una decina di metri se ne percorrono altrettanti con pendenza accentuata e dimensioni minori sino ad arrivare sull'orlo di un pozzetto di tre metri. Sceso con facilità il breve salto le dimensioni della grotta aumentano sino alla sala più bella della cavità. Infatti la parete sinistra della stanza è riccamente concrezionata come dei resto anche il pavimento. Sulla destra di questa sala un passaggio fra blocchi da accesso ad un'altra sala che si allunga in discesa. Sul finire di questo vano un pozzetto dall'imbocco molto stretto porta sull'ultima modesta saletta dove la grotta chiude in frana (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Lazzarini).","Percorrendo la statale n°28 che da Garessio porta ad Ormea, giunti in prossimità della frazione Isola Perosa prendere la deviazione che, oltrepassato il ponte sul Tanaro porta a Villarchiosso. La strada subito dopo inizia a salire e lasciato sulla sinistra il bivio per le prime case salire ancora e posteggiare la macchina in prossimità di una grossa stalla posta davanti per chi sale ed in corrispondenza di una grande curva della strada. A questo punto prendere in sentiero che dalle spalle della stalla prosegue in piano e oltrepassato il rio inizia a salire verso la collina dov'è la chiesetta della Visitazione. La mulattiera alle falde del monte curva bruscamente a destra e sale piuttosto ripida per un centinaio di metri. Come accenna a tornare pianeggiante ed in prossimità di una valletta si stacca una traccia di sentiero sulla destra. Imboccare questo sentiero che oltrepassa la valletta ed inizia a salire sulla destra. Entrare nel bosco a destra verso la valletta sottostante. La grotta si apre ai piedi di una parete con alla base evidenti segni di esplosioni (forse un assaggio di cava) ed un minuscolo foro tra i tanti massi che ne ingombrano il suolo ne costituisce l'ingresso (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Lazzarini).","","","","","","","","2010-04-25 Grotta della Visitazione 001.jpg","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:15:42","","davide","2022-12-11 01:55:19","w_caves","Numero:494;Nome:Grotta Visitazione;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:418931;Longitudine:4890510;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):743;Sviluppo reale (m):219;Sviluppo planimetrico (m):166;Dislivello negativo (m):62;Dislivello totale (m):62;Note_:N.C.;","44.1632976","7.9860547","2020-06-17 11:04:38","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "250","PI322","","Grotta della Diaclasi larga","RISORGENZA DI VILLARCHIOSSO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","8","","","","5","5","UTM WGS84 32T","4890819","419057","UTM ED50","822","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2019-10-26 00:00:00","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2022-12-11 01:55:07","w_caves","Numero:322;Nome:Grotta della Diaclasi larga;Altra denominazione:Coincide con la 3389 Risorgenza di Villarchiosso;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:419057;Longitudine:4890819;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):822;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Data ultima verifica su campo:26/10/2019;Sviluppo reale (m):8;Dislivello negativo (m):5;Dislivello totale (m):5;Note_:N.C.;","44.1660932","7.9875828","2020-06-17 11:04:31","","ITA","PI3389","","","","","","","" "425","PI497","","Grotta di Villarchiosso","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","405","","","39","13","52","UTM WGS84 32T","4890846","419147","UTM ED50","865","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2019-10-26 00:00:00","","","","","","","La grotta, che si sviluppa all’interno dei calcari dolomitici del Trias, si caratterizza come un’antica risorgenza di tipo Valchiusano, attualmente fossile, ma frequentemente allagata e sifonante nella sua prima parte. La cavità si sviluppa prevalentemente in orizzontale, con chiare morfologie freatiche interrotte da giunti di interstrato; dopo circa 200 m di galleria principale (a tratti angusta), la grotta si divide in due rami distinti, uno in direzione nord ed un altro in direzione sud, con due differenti fondi ed ambienti anche di grandi dimensioni. L’esplorazione si interrompe a monte su colata concrezionale ed a valle in un piccolo specchio d’acqua. La grotta è percorsa da una corrente d’aria che d’estate fuoriesce dall’imbocco, con chiaro funzionamento da ingresso basso. La grotta è spesso sifonante dopo circa dodici metri dall’ingresso, e solo nel periodo tardo estivo si trova aperta; nei primi metri inoltre è presente un instabile deposito di ciottoli parzialmente imbrigliato dagli speleologi del GSS. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","La grotta si apre in destra orografica del fiume Tanaro, sopra le ultime case del paese di Villarchiosso, che si raggiunge con la statale che conduce a Ponte di Nava, deviando a destra dal tratto di strada compreso tra Garessio ed Ormea. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","Dolichopoda azami Saulcy, 1893|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","","","","","","PI497-ingresso_L.jpg","Enrico Lana","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:42","","davide","2022-12-11 01:54:58","w_caves","Numero:497;Nome:Grotta di Villarchiosso;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:419147;Longitudine:4890846;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):865;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Data ultima verifica su campo:26/10/2019;Sviluppo reale (m):405;Dislivello positivo (m):39;Dislivello negativo (m):13;Dislivello totale (m):52;Note_:N.C.;","44.1663462","7.9887042","2020-06-17 11:04:38","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "426","PI498","","Grotta di Villarchiosso Soprano","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","6","","","2","","2","UTM WGS84 32T","4891010","420011","UTM ED50","1240","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","Trattasi di. una modesta cavità fossile con saletta e cunicolo ascendente di dimensioni anguste. Da informazioni raccolte abbiamo saputo che, data la posizione strategica e l'ottima vista sulla vallata e sulla statale per Ormea, durante l'ultimo conflitto è stata rifugio e caposaldo partigiano (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Laiolo, G. Lazzarini).","Portarsi a Villarchiosso Soprano e salire ancora sulla sinistra sino ad incontrare l'ultimo sentiero pianeggiante che contorna i monti sul versante della Val Tanaro. Percorrerlo in direzione di Garessio e oltrepassare il poggio che separa due vallate, indi camminare ancora in piano per una cinquantina di metri. La grotta è situata una decina di metri sotto il Sentiero ed è ben nascosta (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Laiolo, G. Lazzarini).","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:42","","davide","2022-12-11 01:54:50","w_caves","Numero:498;Nome:Grotta di Villarchiosso Soprano;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:420011;Longitudine:4891010;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1240;Sviluppo reale (m):6;Dislivello positivo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.1679176","7.9994843","2020-06-17 11:04:38","","ITA","","","","","","","","" "421","PI493","","Pozzo che suona","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","27","","","","15","15","UTM WGS84 32T","4891678","419327","UTM ED50","847","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","Trattasi di un pozzo a forma cilindrica abbastanza regolare adorno di concrezioni, belle, peraltro senili alla cui base si può proseguire in piano in una bassa saletta comunicante attraverso un angusto passaggio con una nicchia finale. Alla base del pozzo, sulla destra, dietro un colonnato si può scendere un ulteriore pozzetto; sulla sinistra invece due prosecuzioni chiudono anche loro inesorabilmente dopo alcuni metri. Il nome indigeno della grotta deriva dal fatto che un tempo gettandovi delle pietre esse rimbalzando sulle pareti producevano vari suoni; scriviamo ""un tempo"" perché in seguito per farla suonare di più i cavatori, vi buttarono un candelotto di dinamite e da allora i pozzo non suona più (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Laiolo, G. Lazzarini).","Da Isola Perosa, frazione di Garessio, scendere al Tanaro e attraversatolo seguire la strada a sinistra che prosegue pianeggiante ed a livello del fiume fino a Cascina dell'Isola (carta IGM). Da qui proseguire sulla destra per la strada dissestata che sale sino alla cava ora abbandonata. Da qui risalire la grande frana instabile e tenendosi sulla destra si giungerà alla base della parete rocciosa in cui, si apre sotto forma di una comoda finestra l'imbocco del pozzo (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Laiolo, G. Lazzarini).","","","","","","","","PI493-ingresso_L.jpg","Enrico Lana","","","","","2020-06-03 11:15:42","","davide","2022-12-11 01:54:41","w_caves","Numero:493;Nome:Pozzo che suona;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:419327;Longitudine:4891678;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):847;Sviluppo reale (m):27;Dislivello negativo (m):15;Dislivello totale (m):15;Note_:N.C.;","44.1738556","7.9908275","2020-06-17 11:04:38","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "868","PI940","","Grotta della Torre dei Saraceni","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","290","","","","48","48","UTM WGS84 32T","4890114","417365","UTM ED50","709","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","La cavità inizia con una bassa galleria, interrotta dopo pochi metri da un riempimento di materiale grossolano. Dalla parte opposta, la galleria prosegue con uno stretto pozzo-fessura (utile una corda) profondo una decina di metri. Alla base una galleria ad andamento suborizzontale, piuttosto concrezionata intercetta un pozzetto di 13 m, con evidenti morfologie a pieno carico. Un percorso accidentato, impostato lungo una evidente frattura, porta a una serie di brevi salti di 5 e 6 m che richiedono l’uso di una corda. Un ampio salone di crollo (60 x 20 m) costituisce il fondo della cavità. Sul lato settentrionale del salone è possibile raggiungere in più punti un esiguo corso d’acqua, che presto sparisce in una frana, mentre sul lato opposto depositi di fango impediscono ulteriori prosecuzioni. Nel punto più basso, un piccolo laghetto, sempre presente, sembra essere collegato con la falda principale. Le sue acque vengono alla luce attraverso una copiosa sorgente, ubicata a pochi metri dal Tanaro, posta ad alcune centinaia di metri dalla grotta. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","La grotta è ubicata in destra orografica della Val Tanaro, tra Ormea e Garessio. Posta a circa 4 km dal centro abitato di Ormea, si raggiunge percorrendo la strada comunale per località Barchi. Qui, verso valle, si incontra un sentiero pianeggiante che costeggia il corso d’acqua principale. Superata una sorgente, il percorso diventa impervio, inoltrandosi lungo i ripidi versanti sulla sinistra della Torre dei Saraceni. Abbandonando sulla sinistra il sentiero, si raggiunge l’ingresso principale dopo una cinquantina di metri, alla base di una parete di calcare grigio. L’ingresso secondario, un pozzo profondo una decina di metri, è posizionato alla stessa quota, dalla parte opposta di un grosso diedro roccioso. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","","","Scoperta ed esplorata da speleologi della Val Tanaro negli anni settanta. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:51","","davide","2022-12-11 01:54:33","w_caves","Numero:940;Nome:Grotta della Torre dei Saraceni;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Caprauna - Upega;Latitudine:417365;Longitudine:4890114;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):709;Sviluppo reale (m):290;Dislivello negativo (m):48;Dislivello totale (m):48;Note_:N.C.;","44.1595574","7.9665338","2020-06-17 11:04:56","","ITA","","","","","","","","" "201","PI273","","Pozzo del Villaretto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","30","","","","30","30","UTM WGS84 32T","4889204","417889","UTM ED50","1110","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","","","","","","","","","","","Pimoa rupicola (Simon, 1884)|Pseudoblothrus peyerimhoffi (Simon, 1905)","","","","","","V173.jpg","Davide Barberis","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:37","","davide","2022-12-11 01:54:24","w_caves","Numero:273;Nome:Pozzo del Villaretto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Caprauna - Upega;Latitudine:417889;Longitudine:4889204;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1110;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Sviluppo reale (m):30;Dislivello negativo (m):30;Dislivello totale (m):30;Note_:N.C.;","44.1514248","7.9732282","2020-06-17 11:04:29","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2515","PI3440","","Garbo delle Galoppe","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","51","37","","","17","17","UTM WGS84 32T","4890324","422303","UTM ED50","1098","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","","","","","","V127.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2022-12-11 01:54:15","w_caves","Numero:3440;Nome:Garbo delle Galoppe;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:422303;Longitudine:4890324;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1098;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):51;Sviluppo planimetrico (m):37;Dislivello negativo (m):17;Dislivello totale (m):17;","44.1619898","8.0282503","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "624","PI696","","Tana da Bella","TANA DI CASE LONDON","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CASE LONDON","","","CERISOLA_VILLARCHIOSSO","","63","","","","21","21","UTM WGS84 32T","4891600","424736","UTM ED50","830","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L'insieme della cavità consiste in un'unica diaclasi molto stretta e di origine tettonica comunicante con la superficie mediante uno scivolo pozzetto e poi percorribile dall'alto verso il basso attraverso passaggi più o meno angusti originati da materiali clastici di dimensioni diverse che l'hanno occlusa parzialmente a diverse altezze. Nell'unico punto dove si è costretti a passare per accede alle parti più basse della grotta, le pareti per la lunghezza di un metro, sono ravvicinatissime e sono state violate da uno solo dei nostri soci che ha poi curato il rilievo del fondo. Una probabile prosecuzione è stata rimandata per non esporre a rischi la nostra punta costretta ad agire in maniera autonoma. Pare che per il momento un'altra occlusione simile alle sovrastanti ci abbia impedito di scendere ulteriormente (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Lazzarini).","Percorrendo la statale da Garessio per Albenga e oltrepassato il colle S.Bernardo scendere per i tornanti e superate le Case London, (carta IGM) parcheggiare in uno spiazzo in prossimità del Km 10. La cavità si trova nei prati soprastanti e salendo in quota per 40 metri circa, nei pressi di un palo dell'alto tensione (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 15; testo: G. Lazzarini).","","","","","","","","V102_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:46","","davide","2022-12-11 01:54:02","w_caves","Numero:696;Nome:Tana da Bella;Altra denominazione:Case London;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:424736;Longitudine:4891600;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):830;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):63;Dislivello negativo (m):21;Dislivello totale (m):21;Note_:Frane;","44.1737311","8.0584927","2020-06-17 11:04:47","","ITA","PI923","","","","","","","" "108","PI180","","Arma Sgarbà","Grotta Bucata","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","BEC RONZINO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","37","","","","20","20","UTM WGS84 32T","4892764","415459","UTM ED50","1500","","","","","26/11/2022 Le coordinate riportate nel catasto sono errate. L'ingresso è circa 50 m sotto il sentiero. Ingresso da riposizionare. Leo Zaccaro","","","","","","Da case Pian Bernardo si segua la mulattiera dei Prati sopra le balze e oltre questi il sentiero che conduce al passo della Scaletta. Sul fianco destro del vallone che scende tra la cima q. 1726 e il Bee Ronzino, si vedrà in basso l'ampio ingresso della caverna, raggiungibile aggirando la cresta rocciosa della dorsale sovrastante e scendendo per una fascia erbosa inclinata. Accesso scomodo. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","La grotta si apre in calcari grigi tabulari del giura. Al maestoso portale (m 24 X 5), posto in capo a un profondo canalone, segue una caverna ascendente, fiancheggiata da alte pareti verticali e rischiarata da un'ampia apertura ellittica superiore. A 20m dall'ingresso, lasciando in alto l'imbocco di una galleria inesplorata, la volta s'abbassa bruscamente a formare un modesto vano chiuso, con qualche concrezione deteriorata dagli agenti atmosferici esterni. Il cavernone si presenta come ultimo vestigio di una cavità che si è progressivamente arretrata per successivi crolli della volta processo testimoniato dall'attuale morfologia della grotta e del sottostante canalone a fianchi scoscesi; oltre che dalla presenza di concrezioni necessariamente originatesi in condizioni ambientali differenti dalle attuali. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","Pi180-arma_sgarba-LeoZaccaro.jpg","Leonardo Zaccaro","","","","","2020-06-03 11:15:36","","leo","2022-11-28 10:16:03","w_caves","Numero:180;Nome:Arma Sgarbà;Altra denominazione:Grotta Bucata;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415459;Longitudine:4892764;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1500;Sviluppo reale (m):37;Dislivello negativo (m):20;Dislivello totale (m):20;Note_:N.C.;","44.1831938","7.9422743","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3085","PI1894","","Questa non è una grotta","REM 21","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","12","3","","","12","12","UTM WGS84 32T","4894097","411602","","1810","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","La dolina si trova nei pressi del contatto con l'impermeabile ma è stata risparmiata dall'ingresso di massi quarzitici. La cavità è comunque piena di detriti calcarei, anche di grandi dimensioni. Un'imponente scavo ha portato all'esplorazione di circa di 10 metri, accedendo ad una frattura intasata che verosimilmente è parallela al pozzo principale, che risulta completamente intasato.","L'imponente dolina si trova nei pressi del contatto tra calcari e quarziti, lungo il canalone a sud-est della Rocca dell'Aquila.","","","blow_during_heat","Calcari","","","","B176.JPG","Raffaella Zerbetto","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-08-18 18:24:01","davide","davide","2022-11-07 13:35:22","","","44.1947359","7.8938021","2022-08-18 18:24:21","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3089","PI1898","","REM 8","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","30","17","","18","","18","UTM WGS84 32T","4893451","411766","","2035","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","Ampio meandro ascendente, in cima sempre più intasato da grossi massi.","Meandro in parete sopra la placca della Grotta B di Perabruna.","","","suck_during_heat","Calcari","","","","B188.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-08-27 11:36:22","davide","davide","2022-08-27 11:38:01","","","44.1889408","7.8959626","2022-08-27 11:39:09","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "3088","PI1897","","B185","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","26","23","","7","","7","UTM WGS84 32T","4893670","411249","","1992","","","","","","","","","","","","","","","","ORIZZONTALE","","2","","","Bassa galleria in direzione E-O che dopo 7 metri gira verso SO con morfologia a meandro per una ventina di metri. L'aria sembra provenire da una frattura in alto.","La grotta si trova sulla stessa cengia di B184, ma qualche metro più a O.","","","blow_during_heat","Calcari","","","","B185.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-08-27 11:20:40","davide","davide","2022-08-27 11:22:44","","","44.1908494","7.8894578","2022-08-27 11:23:06","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "3087","PI1896","","B184","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","27","20","","1","10","11","UTM WGS84 32T","4893665","411255","","1990","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","Il meandro sprofonda in un pozzo da cui si accede ad un meandro inferiore molto concrezionato, probabilmente collegato con un buchetto più basso.","Meandro in parete sopra la cengia a sinistra del canale di perabruna, guardando verso le pareti.","","","suck_during_heat","Calcari","","","","B184.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-08-27 11:03:08","davide","davide","2022-08-27 11:05:02","","","44.1908051","7.8895337","2022-08-27 11:05:43","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "3086","PI1895","","REM 22","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","14","8","","","11","11","UTM WGS84 32T","4893680","411177","","2050","","","","","","","","","","","","","","","","VERTICALE","","2","","","Pozzo aspirante di una decina di metri chiuso su piccoli detriti attraverso i quali filtra l'aria. Al momento gli scavi non hanno portato a grandi risultati.","La cavità si trova lungo il canalone che scende dall'Abisso Perabruna verso il Manolino.","","","suck_during_heat","Calcari","","","","B183.jpg","Raffaella Zerbetto","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-08-27 10:45:41","davide","davide","2022-08-27 10:46:35","","","44.1909307","7.8885553","2022-08-27 10:45:53","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2482","PI3402","","Garbo delle Tre Bocche","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","45","25","","","32","32","UTM WGS84 32T","4893630","411238","UTM ED50","2071","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","3bocche.png","Lorenzo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:38","","davide","2022-08-27 10:26:25","w_caves","Numero:3402;Nome:Garbo delle Tre Bocche;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411238;Longitudine:4893630;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2071;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Note_:N.C.;","44.190488","7.8893269","2022-08-27 10:30:02","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3084","PI1893","","Fuga dal temporale","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","62","45","","","17","17","UTM WGS84 32T","4893651","411248","","2050","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","","","","","blow_during_heat","Calcari","","","","B221.png","Lorenzo Sciandra","","","","","2022-08-16 20:05:07","davide","davide","2022-08-16 20:05:49","","","44.1906783","7.8894485","2022-08-16 20:10:29","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2310","PI3230","","Garb d'la Langazza","GRACCHIO MATTO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","89","41","","","48","48","UTM WGS84 32T","4893528","411599","UTM ED50","1958","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Si tratta di un pozzo di una decina di metri, sovrastato da un camino di circa 40m che sbuca nuovamente fuori: localizzato nel 1979 da una squadra del G.S.S. (Dal Bo, Massucco e Tampelloni), su indicazione dell'amico germano Botte, fu disceso e rilevato nel 1986 da un'altra squadra del G.S.S., ma il rilievo non è mai pervenuto nell'Archivio del Gruppo (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: G. Dal Bo).","La cavità è raggiungibile scendendo dall'alto un canalone, sul versante settentrionale delle Creste di Perabruna (tra i monti Ciuaiera e Antoroto) e quindi risalendo il canalone immediatamente adiacente, a Est: si apre poco prima della testata del canalone, qualche metro più in alto sulla sinistra (la si raggiunge con 2-3 metri di arrampicata) (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: G. Dal Bo).","","","suck_during_heat","","","","","Gracchio Matto.png","Lorenzo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:34","","davide","2022-08-16 19:50:35","w_caves","Numero:3230;Nome:Garb d'la Langazza;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411584;Longitudine:4893617;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1840;Sviluppo reale (m):50;Dislivello positivo (m):40;Dislivello negativo (m):10;Dislivello totale (m):50;Note_:N.C.;","44.1896137","7.8938604","2020-08-25 15:33:10","","ITA","PI3447","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2981","PI44","","Remix","REM 11","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","PERABRUNA","","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","22","15","","15","","15","UTM WGS84 32T","4893572","411431","","1951","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","","","","","blow_during_heat","","","","","remix_ingr.png","Davide Barberis","","","","","2020-12-19 15:02:09","davide","davide","2022-08-16 19:48:42","","","44.1899894","7.8917512","2020-12-19 15:02:16","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3083","PI1892","","Alta Marea","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","41","33","","","22","22","UTM WGS84 32T","4893621","411528","","1884","","","","","","","","","","","","","Davide Barberis","2022-08-14 00:00:00","","","","2","","","","","7,4","","blow_during_heat","Calcari","","","","B194.png","Davide Barberis","","","","","2022-08-16 12:58:56","davide","davide","2022-08-16 13:16:44","","","44.1904422","7.8929565","2022-08-16 13:09:19","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2487","PI3407","","Rem del ghiaccio","Rem 2","PI3406","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","2490","1838","","42","291","333","UTM WGS84 32T","4893410","412187","UTM ED50","1930","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","permanent ice","","","2","","","","","","","blow_during_heat","","","","","IMG-20210815-WA0000.jpg","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2022-08-16 09:09:29","w_caves","Numero:3407;Nome:Rem del ghiaccio;Altra denominazione:Rem 2;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Complesso carsico:Complesso di Rem del ghiaccio;Latitudine:412187;Longitudine:4893401;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1904;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):2347;Sviluppo planimetrico (m):1882;Dislivello positivo (m):40;Dislivello negativo (m):289;Dislivello totale (m):329;","44.1886225","7.9012363","2020-07-02 14:25:13","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","PI3407" "3079","PI1888","","B073","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ROCCASSONE","MUSSIGLIONE","CASOTTO","MUSSIGLIONE","","7","3","","5","","5","UTM WGS84 32T","4895469","413708","","1683","","","","","","","","","","","Il punto GPS e i dati metrici si riferiscono all'ingresso basso.","","Davide Barberis","2022-07-17 00:00:00","","","","2","","","Pozzo passante con forte aria fredda che esce dalla frana alla base. Una parte dell'aria fredda arriva anche dal vicino B074.","","","","blow_during_heat","Calcari","","","","B073_1.png","Patrizia Conte","Davide Barberis","","","","2022-07-18 08:48:59","davide","davide","2022-07-18 09:07:30","","","44.2073382","7.9199259","2022-07-18 09:07:36","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","FONTANAZZI","" "3077","PI1886","","B075","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ROCCASSONE","MUSSIGLIONE","CASOTTO","MUSSIGLIONE","","10","5","","","9","9","UTM WGS84 32T","4895450","413749","","1672","","","","","","","","","","","","","Davide Barberis","2022-07-17 00:00:00","","VERTICALE","","2","","","Pozzo a cielo aperto intasato alla base da foglie, tronchi e pietrame, ma da cui esce comunque una forte aria molto fredda.","","10","","blow_during_heat","Calcari","","","","B075.png","Davide Barberis","Davide Barberis","","","","2022-07-13 11:36:26","davide","davide","2022-07-18 09:06:16","","","44.207172","7.9204422","2022-07-18 08:42:15","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","FONTANAZZI","" "2514","PI3439","","B074","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","MUSSIGLIONE","","51","33","","","16","16","UTM WGS84 32T","4895457","413705","UTM ED50","1686","","","","","","","","","","","","","Davide Barberis","2022-07-17 00:00:00","","","","","","","","","","","blow_during_heat","","","","","B074.png","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2022-07-18 09:05:44","w_caves","Numero:3439;Nome:B074;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:413705;Longitudine:4895457;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1686;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):51;Sviluppo planimetrico (m):33;Dislivello negativo (m):16;Dislivello totale (m):16;","44.2072298","7.9198904","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","FONTANAZZI","" "3080","PI1889","","Guantanamo","B170","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ROCCASSONE","MUSSIGLIONE","CASOTTO","MUSSIGLIONE","","6","3","","","5","5","UTM WGS84 32T","4895465","413697","","1680","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","Dolina fortemente intasata di massi scavata dal GSP nel secolo scorso e poi dall'SCT. E' ancora fortemente intasata di pietre ma l'aria è molto forte.","","","","blow_during_heat","Calcari","","","","B170.png","Patrizia Conte","Davide Barberis","","","","2022-07-18 08:54:37","davide","davide","2022-07-18 09:05:20","","","44.2073009","7.9197889","2022-07-18 09:06:24","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","FONTANAZZI","" "2980","PI43","","Grotta Fontalupo","GROTTA DEI FONTANAZZI","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","GARESSIO 2000","MUSSIGLIONE","CASOTTO","MUSSIGLIONE","","606","573","","17","7","24","UTM WGS84 32T","4895720","414060","","1508","","","","","","","","","","","","","","","lakes,siphons,torrents","","","2","","","","","","","blow_during_heat","","","","","20191013_095755.jpg","Davide Barberis","","","","","2020-12-19 14:36:25","davide","davide","2022-07-11 16:11:30","","","44.2096392","7.9242899","2020-12-19 14:36:50","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","FONTANAZZI","" "3075","PI1884","","Tana del Pinin","GARBU DU PININ","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CERISOLA","","NEVA","","","19","19","","","","0","UTM WGS84 32T","4889370","425000","","560","","","","","","","","","","","","","","","","","","10","","","","","","","","Calcari","","","","","","","","","","2022-06-18 16:15:17","davide","davide","2022-06-18 16:47:55","","","44.1536837","8.0621129","2022-06-18 16:15:26","","","","","","","","","","" "3074","PI1883","","Tana du Ciapin","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CERISOLA","","NEVA","","","10","10","","","","0","UTM WGS84 32T","4889445","424906","","615","","","","","","","","","","","","","","","","","","10","","","","","","","","Calcari","","","","","","","","","","2022-06-18 16:12:45","davide","davide","2022-06-18 16:12:45","","","44.1543492","8.0609269","2022-06-18 16:12:53","","","","","","","","","","" "3068","PI1876","","Fessura del Ramasin","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","TANARO","","","10","","","2","","2","Geografiche WGS84","44.18320684","8.03992986","","793","","","","","","","","","","","","","","","dry","","","46","","","Fenditura a sviluppo orizzontale che si apre a metà di una piccola parete calcarea. L’ingresso, stretto ha maggior dimensione verticale e prosegue con piccola strettoia concrezionata. Al fondo un piccolo cunicolo scavato verosimilmente da animali si approfondisce orizzontalmente con debole corrente d’aria. A metà, presente piccola diramazione orizzontale difficilmente transitabile; verso il basso ulteriore diramazione verticale parzialmente scavata, non transitabile con debole corrente d’aria. La cavità è stata esplorata da Fausto Salvatico.","Da Garessio prendere la statale per Albenga, nel primo tornante del colle San Bernardo prendere la sterrata, dopo 150m prendere il bivio a sinistra e seguire il ruscello sulla sinistra idrografica per 300 m circa, salire per un 100m sulla destra idrografica fino ad una paretina, la grotta è a metà della parete.","","","","Calcari","","","","Ramasin_ingresso.jpeg","Jacopo Di Muzio","Jacopo Di Muzio","Jacopo Di Muzio","","","2022-04-19 16:31:48","davide","davide","2022-04-19 18:05:42","","","44.1832068","8.0399299","2022-04-19 18:05:49","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3070","PI1878","","Risorgenza di Rio Barchetto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","TANARO","","","21","","","1","","1","Geografiche WGS84","44°10'58.660'' N","8°01'51.124'' E","","815","","","","","","","","","","","","","","","permanent issuing","ORIZZONTALE","","46,2","","","Guardando la parete ci sono due entrate affiancate: sulla destra la vecchia presa d'acqua in cui si distinguono ancora i blocchetti che costituivano il bottino di presa, sulla sinistra invece un'apertura praticabile. Strisciando nel varco di sinistra si riesce a rimanere asciutti per i primi metri ed è possibile accucciarsi comodamente e guardarsi intorno. Dopo pochi metri dall'ingresso è presente un trivio ma le due diramazioni sulla destra, potenzialmente praticabili, riportano all'uscita. Il cunicolo principale prosegue dritto ma la porzione inferiore della condotta è occupata da acqua che scorre verso l'esterno. In prossimità del sito si segnalano ragni, dolicopodi e un geotritone.","Da Garessio prendere la statale per Albenga, nel primo tornante del colle San Bernardo prendere la sterrata, dopo 150m prendere il bivio a destra e dopo un 300 m nel primo tornante andare dritti fino al ruscello, risalirlo per una cinquantina di m. La grotta si apre sulla destra idrografica, 50 m a monte della grotta di Rio Barchetto.","","","","Calcari","","","","Risorgenza_Barchetto_ingresso.png","Davide Barberis","Elisa Costamagna","Elisa Costamagna","","","2022-04-19 16:48:45","davide","davide","2022-04-19 17:38:59","","","44.1829611","8.0308678","2022-04-19 16:48:57","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3069","PI1877","","Grotta di Rio Barchetto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","TANARO","","","48","","","4","","4","Geografiche WGS84","44°10'59.358'' N","8°01'52.959'' E","","774","","","","","","","","","","","","","","","only dripping","","","46,2","","","La grotta si apre nell’alveo del rio Barchetto sulla sua destra idrografica. L’ingresso di medie dimensioni, scavato dall’acqua si immette in uno stretto meandro, completamente scavato nel fango che si sviluppa orizzontalmente con molte diramazioni laterali non transitabili. Dopo diversi passaggi angusti si giunge ad una brusca svolta a sinistra che immette in una fessura a prevalente dimensione verticale. A livello di tale curva è altresì presente una diramazione sulla destra prevalentemente occupato dal fango. Il transito si fa quindi più agevole per qualche metro fino ad arrivare ad un trivio. Il ramo più a sinistra si approfondisce per diversi metri nello stretto; il secondo, sempre sulla sinistra, è transitabile e prosegue fino ad un tappo di fango che occupa pressoché completamente il passaggio (ancora da scavare). La prosecuzione nella fessura avanza e si fa maggiormente concrezionata fino a ulteriore fango da scavare.","Da Garessio prendere la statale per Albenga, nel primo tornante del colle San Bernardo prendere la sterrata, dopo 150m prendere il bivio a destra e dopo un 300 m nel primo tornante andare dritti fino al ruscello, risalirlo per una cinquantina di m. La grotta si apre sulla sinistra idrografica.","","","","Calcari","","","","Barchetto_ingresso.png","Davide Barberis","Jacopo Di Muzio","Jacopo Di Muzio","","","2022-04-19 16:42:23","davide","davide","2022-04-19 17:38:05","","","44.183155","8.0313775","2022-04-19 16:42:39","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3067","PI1875","","Candylo","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ZOTTAZZO SOPRANO","CIUAIERA","CORSAGLIA","CIMA_VERZERA","","24","17","11","1","9","10","UTM WGS84 32T","4894146","409828","","1924","","","","","","","","","","","","","","","only dripping","","","1,2","","","Cavità con segni di erosione carsica molto occultati da imponenti crolli a causa della vicinanza con la superficie. Dall'ingresso uno scivolo porta ad una strettoia attraverso la quale si accede a una galleria e a seguire una piccola saletta con un arrivo che torna verso la superficie. La grotta ha subito imponenti scavi per potervi accedere. ","La grotta si trova sul bordo settentrionale dello zottazzo soprano, dal quale è ben visibile.","","","suck_during_heat","Calcari","","","","candylo_ingr.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2022-04-19 16:07:22","davide","davide","2022-04-19 16:16:48","","","44.1949599","7.8715984","2022-04-19 16:08:14","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "146","PI218","","Grotta della Cornarea","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE BORGO PIAVE","CORNAREA","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","32","","","","3","3","UTM WGS84 32T","4893790","423114","","684","","","","","","","","","","","","","Davide Barberis","2022-03-26 00:00:00","","","","","","","Consta di due sale unite da due gallerie orizzontali, l'una abbastanza larga, l'altra stretta e impraticabile a malapena. Una debole luce giunge anche nelle parti più profonde della grotta, ma la vegetazione verde è limitata alla prima sala. Le concrezioni sono ovunque abbondanti, per quanto rovinatissime: è una colata stalattitica che chiude la grotta in fondo. Il substrato è per lo più costituito da detrito ciottoloso, spesso probabilmente molti metri, tanto che sono risultati diversi ambienti da quella che sembra essere stata, in origine una sala unica. Nel suo insieme la grotta appare infatti come un residuo fossile di una importante cavità sede di circolazione idrica. Lo stillicidio è inesistente in condizioni normali; la temperatura, in agosto, è risultata di 10°C Non si avvertono correnti d'aria. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Da Borgo Piave prendere la strada che fiancheggia il Rio San Mauro; circa 500 metri oltre l'abitato, prima che la strada attraversi il Rio, salire sulle pendici del Monte Cornarea per 40 metri di dislivello circa.","","Leptoneta crypticola Simon, 1907|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)|Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)","none","Calcari","","","","cornarea_ingresso.png","Davide Barberis","","Davide Barberis","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:36","","davide","2022-03-30 17:47:52","w_caves","Numero:218;Nome:Grotta della Cornarea;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:422996;Longitudine:4893597;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):755;Sviluppo reale (m):32;Dislivello negativo (m):3;Dislivello totale (m):3;Note_:N.C.;","44.1932764","8.0378847","2022-03-30 17:44:41","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3042","PI3418","","Pozzo del rospo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2021-11-13 22:04:55","davide","davide","2022-03-30 17:27:05","","","0","0","","","","","","","","","","","" "115","PI187","","Arma Nera","GROTTA NERA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","210","189","","16","3","19","UTM WGS84 32T","4891709","417773","UTM ED50","972","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Ampio ingresso cui segue galleria pianeggiante e quindi un cunicolo con diramazioni e slarghi. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Buddelundiella armata Silvestri, 1897|Chthonius troglophilus Beier, 1930","","","","","","V056.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:36","","davide","2021-12-30 14:57:32","w_caves","Numero:187;Nome:Grotta Nera;Altra denominazione:Arma nera;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:417773;Longitudine:4891709;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):972;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):150;Dislivello positivo (m):17;Dislivello totale (m):17;","44.1739613","7.9713861","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3065","PI1872","","Meandro infinito","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","TANARO","","","26","25","","","2","2","UTM WGS84 32T","4893198","422842","","689","","","","","","","","","","","","","","","dry","ORIZZONTALE","","2","","","Meandro orizzontale fossile già esplorato in precedenza ma mai rilevato.","La cavità si apre sul ciglio del primo tornante della Strada Statale del Colle San Bernardo.","","","none","Calcari","","","","Meandro_infinito.png","Davide Barberis","Davide Barberis","Davide Barberis","","","2021-12-29 19:27:31","davide","davide","2021-12-29 19:30:18","","","44.1879185","8.0345685","2021-12-29 19:30:26","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "114","PI186","","Arma Bianca","Arma Gianca","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE TRAPPA","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","36","33","","11","","11","UTM WGS84 32T","4891805","417786","UTM ED50","964","","","","","","","","","","","Da case Pian Bernardo seguire il sentiero pianeggiante, che contorna le falde orientali della Rocca d'Orse, fin dove l'ingresso (superiore) della caverna diventa visibile, alla base della parete rocciosa, ed è quindi facilmente raggiungibile per una china detritica brulla. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","La caverna, scavata in calcare grigio del giura, è spaziosa, con andamento ascendente e di scarso sviluppo. Presenti due ingressi : uno inferiore, rivolto a SE, l'altro superiore, mediolaterale, rivolto a NE. Il substrato è formato da terriccio misto e brecciame roccioso. La luce penetra fino in fondo e la temperatura è notevolmente influenzata dall'esterno. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","Calcari","","","","V055.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:36","","davide","2021-12-29 19:09:10","w_caves","Numero:186;Nome:Arma Bianca;Altra denominazione:Arma Gianca;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:417786;Longitudine:4891805;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):964;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):30;Dislivello positivo (m):9;Dislivello totale (m):9;","44.1748269","7.9715337","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2433","PI3353","","Pozzetto Cento sc-cioppi","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CARANCHE (PASSO DELLE -)","","","","","15","","","","10","10","UTM WGS84 32T","","","UTM ED50","1425","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-05-15 18:42:03","","davide","2021-11-29 17:31:19","w_caves","Numero:3353;Nome:Pozzetto Cento sc-cioppi;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Toponimo locale:Caranche (Passo Delle -);Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1425;Sviluppo reale (m):15;Dislivello negativo (m):10;Dislivello totale (m):10;","0","0","2020-06-17 11:06:08","","","","","","","","","","" "239","PI311","","Cunicolo di Rocca Bianca","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE BORGO PIAVE, RIO DI ROCCA BIANCA","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","31","29","","","3.5","3.5","UTM WGS84 32T","4893856","423139","UTM ED50","640","","","","","","","","","","","Da Borgo Piave prendere la carrettabile che fiancheggia il Rio di Rocca Bianca e seguirla fino al raggiungimento della grotta, costituita da una galleria a due entrate nella destra della strada. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","E' questa la maggiore di numerose piccole cavità che si trovano nel fondovalle presso il Rio di Rocca Bianca, alle falde del M. Cornarea. E' costituita da un cunicolo orizzontale con sezione ellittica regolare (cm 50 X 80); i due ingressi si trovano entrambi sulla strada. Si può pensare che questo antico condotto freatico sia il residuo di una cavità più o meno parallela alla valle nella quale scorreva il Rio di Rocca Bianca. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Dolichopoda azami Saulcy, 1893|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","none","","","","","V077.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2021-11-16 16:29:13","w_caves","Numero:311;Nome:Cunicolo di Rocca Bianca;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:423139;Longitudine:4893856;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):640;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Note_:N.C.;","44.1938731","8.0381878","2020-06-17 11:04:30","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "241","PI313","","Pozzo dei Zottazzi","ABISSO BLOB, CAVITÀ ERRONEAMENTE INDICATA CON NUMERO 3111 IN GROTTE N. 116","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","36","","","","27","27","UTM WGS84 32T","4894204","409934","UTM ED50","1955","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2021-09-26 00:00:00","","","","","","","Pozzo impostato su diaclasi; l'ingresso ha avuto origine per erosione inversa: è noto agli anziani pastori locali, che ne avrebbero già disceso in passato i primi 3 metri per prendere dei corvi (in effetti ne abbiamo rinvenuto alcune piume). Fondo ostruito da pietrame (Tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 13, testo di R. Massucco).","Dalla Colla dei Termini seguire il sentiero per i Lamazzi e giunti alla brusca svolta tra Costa Cuera e Costa Garassina abbandonare il sentiero e iniziare a scendere contornando sulla sinistra il dolinone di Zottazzo Soprano. Raggiunto così il colletto quotato m.1061, discenderne per qualche metro il versante occidentale, fino a scorgere. il minuscolo imbocco (Tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 13, testo di R. Massucco).","","","suck_during_heat","","","","","B068_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2021-11-06 16:06:23","w_caves","Numero:313;Nome:Pozzo dei Zottazzi;Altra denominazione:Abisso Blob;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409928;Longitudine:4894202;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1955;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):36;Dislivello negativo (m):27;Dislivello totale (m):27;Note_:N.C.;","44.1954951","7.8729147","2021-09-26 19:13:04","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2513","PI3438","","Buco dei Zottazzi","B069","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","9.5","4.5","","","5","5","UTM WGS84 32T","4894229","409979","UTM ED50","1952","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2021-09-26 00:00:00","","","","","","","L'ingresso è circolare, di circa 35 cm. di diametro; da esso tramite un pozzetto si giunge in una saletta allungata di circa metri 4,5x1,3. Il fondo è ciottoloso e la morfologia è prevalentemente di. crollo. Non manca qualche concrezione parietale (tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 14, testo F. Tampelloni).","Dal Pozzo dei Zottazzi traversare a mezza costa per circa 40 metri in direzione NNE: la grotta si trova dietro un piccolo affioramento roccioso (tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 14, testo F. Tampelloni).","","","suck_during_heat","","","","","B069_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2021-10-25 09:54:26","w_caves","Numero:3438;Nome:B069;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409976;Longitudine:4894234;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1952;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;","44.1957256","7.8734734","2021-09-26 19:05:56","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2325","PI3245","","Cunicolo dei Zottazzi","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","6","5.5","","","2","2","UTM WGS84 32T","4894200","410143","UTM ED50","1880","","","","","Posizione non verificata","","","","","","","","","","","","","","","","Breve cunicolo discendente di impostazione tettonica (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","Dal colletto situato fra le quote 1961 e 2022 di Zottazzo Soprano, discendere il pendio Nord, sino ad un salto (corda doppia, oppure aggiramento circa 100 metri a destra). La grotta si trova alla base della balza (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:16:34","","davide","2021-09-27 10:32:27","w_caves","Numero:3245;Nome:Cunicolo dei Zottazzi;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:410103;Longitudine:4894100;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1880;Sviluppo reale (m):6;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.1954848","7.8755303","2021-09-27 10:32:33","","ITA","","","","","","","","" "243","PI315","","Garbo a 2 imbocchi di Zottazzo Sopr.","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","29","","","","15","15","UTM WGS84 32T","4894004","409962","UTM ED50","1935","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2017-07-22 00:00:00","snow wells","","","","","","La grotta consiste di due rami, il primo dei quali, più visibile, ha quasi l'aspetto di una carsena, ma si tratta in effetti di un pozzo a neve originato su una diaclasi, il cui lato settentrionale è stato riempito da detriti morenici. Sul fondo una strettissima fessura, non percorribile, comunica con la grotta vera e propria. Sul bordo meridionale di questa prima parte si apre, difficilmente visibile, il minuscolo imbocco del pozzo principale, originatosi all'incrocio di due diaclasi prevalentemente per processi di soluzione. Il fondo è spesso ricoperto di neve fino ad autunno inoltrato (Tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 13, testo di R. Massucco).","Dalla Colla dei Termini seguire il sentiero verso Zottazzo Soprano e abbandonarlo presso la brusca svolta tra Costa Cuera e Costa Garassina discendendo direttamente lungo la linea di massima pendenza in direzione del colletto di quota 1961 (Tratto da Stalattiti e Stalagmiti n. 13, testo di R. Massucco).","","","","","","","","2_imbocchi_zott_ingr.png","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2021-09-27 09:36:48","w_caves","Numero:315;Nome:Garbo a 2 imbocchi di Zottazzo Sopr.;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409986;Longitudine:4894043;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1945;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Data ultima verifica su campo:22/07/2017;Sviluppo reale (m):29;Dislivello negativo (m):15;Dislivello totale (m):15;Note_:N.C.;","44.1936982","7.8732993","2021-09-26 18:40:08","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "244","PI316","","Carsena dei Zottazzi","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","39","","","","24","24","UTM WGS84 32T","4893997","409951","UTM WGS84 32T","1935","","","","","Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)","","","","","","","","Davide Barberis","2021-09-26 00:00:00","","","","","","","L'ingresso è costituito da una carsena sul cui fondo, dietro un piccolo cumulo di neve perenne, si apre un pozzetto profondo circa tre metri e mezzo, con blocchi incastrati. Disceso questo, si giunge in una diaclasi su cui è impostata la prima parte della cavità e, dopo pochi metri, un secondo saltino immette in una sala a fusoide. In questo primo tratto il fondo è coperto di neve. La sala, alta circa otto metri e lunga sei, presenta sulla destra un cunicolo che immette in un camino - diaclasi alto parecchi metri. Sopra l'ingresso di questo è presente una finestra - nicchia (probabilmente un piccolo fusoide tagliato, impostato forse sulla stessa diaclasi). La grotta prosegue quindi con un passaggio basso nel punto inferiore della sala, che dà accesso ad una nuova diaclasi discendente che termina in una saletta dal soffitto basso (è questo il punto inferiore della grotta). Da qui partono due camini. ascendenti impastati sulla stessa diaclasi, alti circa 9-12 metri, con vari blocchi incastrati. Il fondo è interamente ricoperto da massi di varie dimensioni. Nel complesso prevale una morfologia di crollo o erosione inversa lungo una rete di due diaclasi intersecantesi, tranne che nel pezzetto iniziale, ove sembra prevalere una morfologia erosiva; assai scarse le concrezioni, per lo più parietali; mondmilch lungo i camini (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 14; testo: F. Tampelloni).","La grotta è situata nel dolinone - valle chiusa noto come ""Zottazzo Soprano""(IGM, foglio 91 I SE) ,circa 20 metri SSW dal Garbo a due imbocchi di Zottazzo Soprano. E' facilmente accessibile dalla Colla dei Termini, seguendo il sentiero che, tagliando per costa Cuera e Costa Garassina, passa sopra Zottazzo Soprano e si dirige verso i Lamazzi e l'Alpe di Perabruna. In corrispondenza della stretta svolta a destra, sullo spartiacque Costa Cuera - Costa Garassina, lasciare il sentiero e discendere direttamente per circa 50 metri di dislivello verso il colletto di quota 1981 (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 14; testo: F. Tampelloni).","","","","","","","","carsena_zott_ingr.png","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2021-09-27 09:36:26","w_caves","Numero:316;Nome:Carsena dei Zottazzi;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409964;Longitudine:4894006;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1944;Sviluppo reale (m):39;Dislivello negativo (m):24;Dislivello totale (m):24;Note_:N.C.;","44.1936338","7.8731629","2021-09-26 18:42:14","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "3028","PI3446","","B087","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIUAIERA","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","9","8","","","2","2","UTM WGS84 32T","4894110","411067","UTM ED50 32","1868","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","1970-01-01 00:00:00","","","","2","","","Relitto di antica condotta sotto pressione con riempimento a ciottoli e fango.","La cavità si trova nelle prime pareti sopra al primo lago dei Lamazi arrivando dal Manolino.","","","none","Calcari","","","","B087_ingresso.png","Massimo Sciandra","Massimo Sciandra","Davide Barberis","","","2021-08-24 08:56:16","davide","davide","2021-08-24 09:03:53","","","44.1947879","7.8871063","2021-08-24 08:56:45","","","","","","","","","","" "2970","PI29","","Tribulaire","","","DAVIDE BARBERIS","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","TANARO","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","26","15","","","20","20","UTM WGS84 32T","4892590","416612","","1378","","","","","","","","","","","","","","","","","","2","","","","","","","","","","","","IMG_4614.JPG","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-17 21:52:24","davide","davide","2021-08-10 09:06:03","w_caves","","44.1817602","7.9567252","2020-06-17 22:18:25","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2544","PI3608","","Buco della Sciacquetta","","","Davide Barberis","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","CASOTTO","CIMA_VERZERA","","81","67","","0","28","28","UTM WGS84 32T","4893881","411719","","1775","","","","","Locus Map (Galaxy X-Cover 3)","","","","","","","","Davide Barberis","2018-08-19 00:00:00","torrents","","","2","","","","","5","","","","","","","DSCN0872.JPG","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:16:40","","davide","2021-08-10 09:05:01","w_caves","Numero:3608;Nome:Buco della Sciacquetta;Inserita a catasto da:Davide Barberis;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411719;Longitudine:4893881;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1775;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 3);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Sviluppo reale (m):81;Sviluppo planimetrico (m):67;Dislivello negativo (m):28;Dislivello totale (m):28;Note_:N.C.;Immagine ingresso:Si;Altre immagini:Si;Rilievo:Si;","44.1928057","7.8953023","2020-06-17 11:06:12","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "3024","PI86","","B111","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","ZOTTAZZO","","CORSAGLIA","CIMA_VERZERA","","17","12","","6","2","8","UTM WGS84 32T","4894502","410057","UTM ED50 32","1752","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","2013-08-12 00:00:00","","","","2","","","","","","","suck_during_heat","Calcari","","","","","","","","","","2021-07-28 15:22:10","davide","davide","2021-08-10 09:00:54","","","44.1981927","7.8744025","2021-07-28 15:32:04","","","","","","","","","BORELLO","" "2326","PI3246","","Il Garbo dei Zottazzi","GARBO DELL'AGNOLOTTO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","91","72","","","16","16","UTM WGS84 32T","4894326","410385","UTM ED50","1860","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L'ingresso, largo e basso, dà accesso ad una sala discendente, al cui fondo, ove si possono vedere tracce di un muretto a secco, un cunicolo a destra termina dopo pochi metri, mentre a sinistra un saltino di blocchi immette in una galleria discendente. Dal punto più profondo, risalendo un saltino (alcuni spit in loco), si accede ad una sala dalla volta assai alta. La grotta presenta una morfologia complessivamente vadosa e sembra ascrivibile al ben noto tipo morfologico della pseudogalleria di erosione inversa, come mostrano i numerosi camini; notevoli ampliamenti sembrano però dovuti a fenomeni graviclastici. Le pareti, spesso decalcificate, sono per lo più costituite da superfici strutturali. Tracce di erosione gravitazionale sono forse visibili, profondamente alterate, nel cunicolo (capisaldi 4-7), ove è presente un modestissimo scorrimento idrico, queste sono però alterate da successiva corrosione da veli d'acqua; non mancano qua e là depositi di moonmilk (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","Seguire il sentiero che costeggia a NE la quota 2022 di Zottazzo Soprano, dal colletto a S, fino ad alcune doline di crollo, discendere circa 100 metri verso NNE e piegare un po' a sinistra, sino all'ingresso della grotta, in una depressione (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","","","blow_during_heat","","","","","IMG_6079.JPG","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:16:34","","davide","2021-07-09 16:36:13","w_caves","Numero:3246;Nome:Il Garbo dei Zottazzi;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:410303;Longitudine:4894129;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1890;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):91;Dislivello negativo (m):16;Dislivello totale (m):16;Note_:N.C.;","44.1966488","7.8785366","2020-07-19 22:49:19","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2328","PI3248","","Grotta a due ingressi di Cima Ciuaiera","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","6","","","","6","6","UTM WGS84 32T","4893770","411001","UTM ED50","2090","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Pozzo, relitto di cavità decapitata e sfondata lateralmente dall'arretramento del versante, tuttora in fase di intensa degradazione ad opera degli agenti esterni, tanto da rendere difficile il riconoscimento della morfologia originaria (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","Dall'ingresso della Voragine di Cima Ciuaiera (146 Pi/CN) raggiungere il colletto a NE e discendere il pendio tenendosi a destra per circa dieci metri (tratto da: Stalattiti e Stalagmiti n. 17; testo: F. Tampelloni).","","","none","","","","","B079.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:34","","davide","2021-04-17 09:38:44","w_caves","Numero:3248;Nome:Grotta a due ingressi di Cima Ciuaiera;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411001;Longitudine:4893770;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2090;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):6;Dislivello negativo (m):6;Dislivello totale (m):6;Note_:N.C.;","44.1917193","7.8863382","2020-06-17 11:06:04","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2516","PI3441","","Pozzo della palina","B081","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","12","6","","","11","11","UTM WGS84 32T","4893967","410385","UTM ED50","2019","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","suck_during_heat","","","","","B081.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2021-02-16 23:45:39","w_caves","Numero:3441;Nome:B081;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:410385;Longitudine:4893967;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2019;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;","44.1934172","7.8785979","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "217","PI289","","Abisso di Perabruna","ABISSO DI PIETRABRUNA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE CASOTTO","CRESTA DELLA PIETRABRUNA","","CIMA_VERZERA","","400","","","","194","194","UTM WGS84 32T","4893625","411201","UTM ED50","2080","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L’ingresso è costituito da un maestoso pozzo profondo 50 m direttamente accessibile anche alla sua base. Dopo una breve galleria ascendente ha inizio un profondo pozzo che si scende in prima battuta per 15 m fino ad un terrazzo e successivamente per 50 m. Da qui una sequenza di salti (15, 10 e 14) immette in un facile meandro fino all’ultimo salto da 30 m che conduce al salone del vecchio fondo: un grosso ambiente di forma ellittica caratterizzato ai lati da grandi conoidi detritiche. Attraverso una ripida e franosa risalita si può accedere al ramo che conduce all’attuale fondo, raggiungibile anche con un breve condotto che parte dalla sala stessa. Tutta la grotta è percorsa da una debole corrente d’aria che si perde nel salone di quota -187 m. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Dalla casa di caccia della Pietrabruna (strada privata dalla Colla di Casotto) ci si porta sotto la vetta della Pietrabruna, ove questa è tagliata in due da una fessura verticale. Aggirato sulla destra un imbuto doliniforme, si raggiunge, traversando pendii molto ripidi con arbusti, la base di un canalino erboso, interrotto da due salti rocciosi; alla sua sommità si apre l'ampio ingresso inferiore dell'abisso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese) L’abisso è ubicato in comune di Ormea nei pressi della Colla dei Termini lungo i ripidi versanti della dorsale di Perabruna che guardano la Val Casotto, ad alcune centinaia di metri dall’ingresso della Voragine della Ciuaiera. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","suck_during_heat","","Scoperto dal GSP nel 1965 ed esplorato dallo stesso gruppo tra gli anni 1965 e 1967 fino alla quota -187 m. Nel 1974 ad opera dello SCT venne esplorato un meandro ascendente che risale quasi fino in superficie. Più recentemente, nel 1990, il GSG ha scoperto una diramazione che, partendo dal salone terminale a quota -187 m, conduce al nuovo fondo (-194 m). (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","B020.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2021-02-09 18:26:14","w_caves","Numero:289;Nome:Abisso di Perabruna;Altra denominazione:Abisso di Pietrabruna, sistema di Borello;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411201;Longitudine:4893625;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2080;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):400;Dislivello negativo (m):194;Dislivello totale (m):194;Note_:N.C.;","44.1904385","7.8888649","2020-06-17 11:04:29","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2469","PI3389","","Risorgenza di Villarchiosso","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","La cavità è stata accatastata erroneamente per due volte. La scheda completa è disponibile alla sigla indicata nel campo ""Alias"".","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:16:38","","davide","2021-01-28 15:41:07","w_caves","Numero:3389;Nome:Risorgenza di Villarchiosso;Altra denominazione:coincide con la 322 Diaclasi Larga;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Toponimo locale:Villarchiosso ;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:419057;Longitudine:4890819;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):822;Sviluppo reale (m):8;Dislivello negativo (m):5;Dislivello totale (m):5;","0","0","2021-01-28 15:41:21","","ITA","PI322","","","","","","","" "2520","PI3447","","Gracchio matto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","La cavità è stata accatastata erroneamente per due volte. La scheda completa è disponibile alla sigla indicata nel campo ""Alias"".","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2021-01-28 15:28:15","w_caves","Numero:3447;Nome:Gracchio matto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411599;Longitudine:4893528;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1958;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):89;Sviluppo planimetrico (m):41;Dislivello negativo (m):48;Dislivello totale (m):48;","0","0","2021-01-28 15:28:17","","ITA","PI3230","","","","","","","" "851","PI923","","Tana da bella","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","La cavità è stata erroneamente accatastata due volte. La scheda completa è disponibile alla sigla indicata nel campo ""Alias"".","","","","","","","","","","","","","","","2020-05-15 14:58:01","","davide","2021-01-28 13:08:16","w_caves","","0","0","2021-01-28 13:07:43","","","PI696","","","","","","","" "64","PI136","","Garbo della Luna","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CASE COLOMBINA","","","GARESSIO_COLOMBINA","","15","","","3","","3","UTM WGS84 32T","4894189","419605","UTM ED50","1050","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","E' costituita da un vano chiuso in due sezioni. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Oxychilus draparnaudi (Beck, 1837)|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","","","","","","V104.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","enricolana","2021-01-25 22:51:34","w_caves","Numero:136;Nome:Garbo della Luna;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colombina;Latitudine:419605;Longitudine:4894189;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1050;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):15;Dislivello positivo (m):3;Dislivello totale (m):3;Note_:N.C.;","44.1964899","7.9939202","2020-06-17 11:04:23","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "147","PI219","","Grotta del Chille","Grotta di Achille, Grotta del Pio","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE BORGO PIAVE, RIO DI ROCCA BIANCA","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","65","","","","3","3","UTM WGS84 32T","4894074","422905","UTM ED50","640","","","","","","","","","","","Da Garessio (Borgo Piave) prendere la carrettabile che fiancheggia il Rio di Rocca Bianca; circa 200 metri oltre il termine dell'abitato si vede la grotta, sita sulla riva opposta del torrente, 5 metri più in alto di esso. L'ingresso molto grande, è chiuso, ma non completamente, da un muro di pietre. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","La grotta è scavata in un calcare del trias, molto fratturato: consta di un ramo principale, ampio e rettilineo, che si divide ulteriormente in due cunicoli. Si apre a SO con un ampio ingresso, di m 8 X 2 circa, attraverso il quale la luce penetra fino in fondo al ramo principale. Questo è impostato su una diaclasi principale e su altre minori; il substrato è costituito da concrezioni e da blocchi di frana; le pareti sono ricoperte di abbondanti concrezioni, molto rovinate. In fondo a questo ramo si aprono due strettissimi cunicoli, impraticabili e forse chiusi poco dopo. Dal ramo principale si diparte una stretta galleria dapprima orizzontale, che poi, dopo un salto di due metri si biforca e prosegue in leggera discesa, con caratteri uguali in entrambi i rami: la sezione è pressoché circolare con dimensioni abbastanza costanti, e le pareti sono lisce (condotto d'erosione sotto pressione). Il substrato è costituito da argilla che nelle parti più basse dei cunicoli diventa cosi abbondante da chiuderli completamente. Degno di nota il fatto che il fondo di questi due cunicoli è a quota leggermente inferiore a quella del fondovalle, percorso dal torrente. Stillicidio inesistente; temperatura (all'inizio del cunicolo laterale, agosto, ore 16): 11 °C. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Dolichopoda azami Saulcy, 1893|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","none","Calcari","","","","V084.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:36","","enricolana","2021-01-25 22:47:08","w_caves","Numero:219;Nome:Grotta del Chille;Altra denominazione:Grotta di Achille, Grotta del Pio;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:422905;Longitudine:4894074;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):640;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):65;Dislivello negativo (m):3;Dislivello totale (m):3;Note_:N.C.;","44.1958109","8.035228","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "68","PI140","","Garbo del Paré","GROTTA DEL MONTE PIETRA ARDENA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE BORGO S. FRANCESCO","PIETRA ARDENA","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","17","","","7","","7","UTM WGS84 32T","4894291","422121","UTM ED50","680","","","","","","","","","","","Da Borgo S. Francesco di Garessio, sulla carrozzabile di Albenga, si attraversa il Rio di S. Bernardo, costeggiandolo in direzione di Borgo Piave per 500 m; si salga quindi a destra, fino alla base di un sostegno dell'alta tensione, donde un ripido sentiero si arrampica fin all'ingresso, visibile pure dal basso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","La grotta si apre nei calcari del trias, sul ripido fianco di una montagna coperta di folta vegetazione; si tratta di una cavità angusta, con ingresso circolare, largo m 2, seguito da un piccolo vano. In fondo ad esso, superato un salto di tre metri, si perviene in uno stretto corridoio ascendente, con sezione ellittica dapprima, e poi a fessura, che percorre una curva semicircolare e si restringe fino a terminare in fessure impraticabili; la piccola cavità si è originata per dissoluzione e parziale disfacimento; il fondo è costituito da terriccio. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Duvalius gentilei (Gestro, 1885)|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","none","Calcari","","","","V085_1.JPG","","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","enricolana","2021-01-25 22:43:27","w_caves","Numero:140;Nome:Garbo del Paré;Altra denominazione:Grotta di Pietra Ardena;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:422121;Longitudine:4894291;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):680;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):17;Dislivello positivo (m):7;Dislivello totale (m):7;Note_:N.C.;","44.197681","8.0253862","2020-06-17 11:04:24","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "53","PI125","","Grotta dei Gazzano Inferiore","Grotta di Trappa ","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_COLOMBINA","","142","118","","27","2","29","UTM WGS84 32T","4894321","421008","UTM ED50","620","","","","","","","","","","X","Per accedere alla cavità che si apre in un terreno privato, è necessario chiedere la chiave allo Speleo Club Tanaro, speleoclubtanaro@gmail.com ","","Massimo Sciandra","","torrents","","","","","","Cavità orizzontale, lunga m 142, costituita da galleria bassa che termina in salone alto 30 metri; percorsa da un ruscello. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Crossosoma cavernicola (Manfredi, 1951)|Dolichopoda azami Saulcy, 1893|Duvalius gentilei (Gestro, 1885)|Petaloptila andreinii Capra, 1937|Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)|Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)","none","","","","","V025.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","enricolana","2021-01-25 22:41:07","w_caves","Numero:125;Nome:Grotta dei Gazzano Inf.;Altra denominazione:Grotta di Trappa ;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colombina;Latitudine:421008;Longitudine:4894321;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):620;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):142;Sviluppo planimetrico (m):118;Dislivello positivo (m):27;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):29;Cavità chiusa:X;","44.1978314","8.0114551","2020-06-17 11:04:23","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "51","PI123","","L'Arma","Arma della Fea","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","94","","","13","","13","UTM WGS84 32T","4893119","414836.7","UTM ED50","1585","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Ingresso amplissimo (14 X 13) cui segue un gran cavernone rettilineo tutto illuminato, lungo 94 metri e largo fino a 25. Dovuto probabilmente a franamento del soffitto di una caverna che in origine doveva trovarsi al di sotto dell'Arma attuale. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Duvalius gentilei (Gestro, 1885)|Plectogona angustum (Latzel, 1887)|Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)","none","","","","","V001.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","enricolana","2021-01-25 22:37:44","w_caves","Numero:123;Nome:L'Arma;Altra denominazione:Arma della Fea;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414871;Longitudine:4893183;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1585;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):94;Dislivello positivo (m):13;Dislivello totale (m):13;","44.1863171","7.9344322","2020-07-20 17:42:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "45","PI117","","Tana della Fornace di Casotto","GROTTA DI CASOTTO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE CORRERIA","","","MUSSIGLIONE","","105","","","","50","50","UTM WGS84 32T","4897317","414152","UTM ED50","1692","","","","","","","","","","","Dal giardino del Castello di Casotto (proprietà privata) prendere la carrettabile in direzione S e seguirla fino a un piazzale artificiale in cui si trova l'ingresso della grotta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cavità con andamento assai complicato scavata in calcari del trias, qua e là un po' brecciati, comunque poco compatti. E' impostata su molte fratture parallele intersecate da altre; non è percorsa da un vero torrente ma da tre piccoli rigagnoli che, una volta riuniti, hanno la loro risorgenza pochi metri più in basso della grotta, presso il greto del torrente Casotto. La formazione di tante brevi gallerie comunicanti deve essere ricercata nell'azione erosiva e corrosiva di questi piccoli rigagnoli, oltre che a dislocazione; attualmente i rigagnoli scorrono in strette forre, non percorribili. Il substrato è per lo più argilloso. Non si sono notate sensibili correnti d 'aria. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Eupolybothrus fasciatus (Newport, 1845)|Glomeris inferorum Latzel, 1889|Meta menardi (Latreille, 1804)|Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)","blow_during_heat","","","","","B026_1.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:34","","enricolana","2021-01-25 22:35:01","w_caves","Numero:117;Nome:Tana della Fornace di Casotto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Mussiglione;Latitudine:414152;Longitudine:4897317;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1692;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):105;Dislivello negativo (m):50;Dislivello totale (m):50;Note_:N.C.;","44.2240255","7.9251797","2020-06-17 11:04:23","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "66","PI138","","Garb dell'Omo Inferiore","GARB DR'OM","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","1500","","","27","144","171","UTM WGS84 32T","4893000","415692","UTM ED50","1210","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","permanent siphons","","","","","","Si presenta nella sua parte superiore come una galleria prima fortemente discendente fino ad un salone dal quale si diparte una grande galleria orizzontale che chiude su concrezione dopo un centinaio di metri. La morfologia di questa prima parte è chiaramente freatica successivamente modificata da processi clastici. Dal salone, un pozzo di 57 m mette in comunicazione con i rami inferiori. Una galleria in frana seguita da un P10 e da una bella frattura concrezionata, conduce ad una sala e successivamente ad un ramo attivo. Seguendo il torrente a monte dopo qualche decina di metri si raggiunge una strettoia forzata nel 1988 (GSP) e dopo numerose risalite si giunge a una galleria inclinata chiusa da detriti prossima all’esterno (+27 m). A valle, superato un affluente sulla sinistra idrografica, si giunge al sifone a -144 m. Nel 1982 (GSP) sono state eseguite una serie di risalite in vicinanza del P57 che hanno portato ad una grande forra orientata E-W. Risalita per circa 50 m, la forra intercetta una condotta sotto pressione che dopo un pozzo e una galleria discendente conduce ad un sifone morto (Ramo degli Sciacalli). La cavità rappresenta, come la maggioranza delle grotte presenti in questa zona, i resti di un sistema freatico molto antico, ma è l’unica della zona ad aver subito un approfondimento importante e percorribile. Restano ancora dei punti interrogativi. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Da Garessio seguendo la strada carrozzabile si raggiunge il paese di Valdinferno e quindi Case Mecca. In direzione delle pareti di Rocca d’Orse si prende il sentiero che conduce su una gola incassata. Con ripidi tornanti si risale tra fitti boschi di faggi seguendo la traccia di un sentiero fino ad abbandonarlo per seguire un ripido canale pietroso che conduce all’ampio portale di ingresso, poco visibile dal basso (1 h circa). (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","Crossosoma cavernicola (Manfredi, 1951)","","","I rami superiori sono noti da molto tempo ai locali (1919). Il grande pozzo di 57 metri fu scoperto nel 1958 da Re, Malvassora e Odasso, e l'anno seguente fu disceso da una squadra del G.S.P. che esplorò buona parte dei rami souostanti nel 1962; durante altra spedizione del G.S.P., Ribaldone risalì per un dislivello di 50 metri una serie di difficili camini completando così l'esplorazione delle parti tuttora note. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese) Agli inizi degli anni '80 si instaura nella speleologia italiana la filosofia del "" risalire"". E l'Omo, che più in profondità non può andare, comincia a crescere in salita. La facilità di accesso in stagioni intermedie, quando gli abissi alti sono preclusi dalla troppa neve, lo fa divenire una delle principali palestre della speleologia torinese. Così il primo obiettivo è la cascata alla base del P57; una notte di spit gabuttiani e del sempre presente Meo ci portano nel ramo ascendente chiamato degli sciacalli, grande forra colma di latte di monte ove l'attivo si perde subito in fratture e che conduce a un bel sifone sospeso. Alcuni anni di oblio per riprendersi dalle fatiche, e si tenta di superare il sifone a monte del torrente di fondo; una prima serie di risalite nel 1987 non portano a nulla, poi l'anno successivo si disostruisce con pazienza certosina una lunga strettoia e si giunge in un bel ramo, antico, percorso dal torrente. Qui ricomincia un duro lavoro in salita che ci porterà 27 m più in alto dell'ingresso contro una grande frana con debole corrente d'aria. (tratto da: Grotte n.102) ","","","V107_1.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:35","","enricolana","2021-01-25 22:29:43","w_caves","Numero:138;Nome:Garb dell'Omo Inf.;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415692;Longitudine:4893000;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1210;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):1500;Dislivello positivo (m):27;Dislivello negativo (m):144;Dislivello totale (m):171;Note_:Caduta Sassi;","44.1853452","7.9451511","2020-06-17 11:04:24","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "168","PI240","","Grotta della Bella","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, LOCALITÀ COSTA DELLA BELLA","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","67","","","4","","4","UTM WGS84 32T","4893093","416555","UTM ED50","940","","","","","","","","","","","Da Valdinferno si scende alla confluenza del Rio Varavà col Rio Garella e si segue quindi il fianco sinistro del Rio Garella per circa 250 metri lungo tracce di sentieri. A livello del torrente e in mezzo a folta vegetazione, si apre un piccolo foro che immette nella cavità. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","permanent torrents","","","","","La grotta è percorsa da un modesto torrente, ma date le esigue dimensioni della galleria, è necessario strisciare per buon tratto nell'acqua; non è comunque necessaria la muta di gomma. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Consta di un unico condotto orizzontale percorso da un piccolo torrentello che, in periodo di magra, si perde in una fessura poco distante dall'ingresso. Gli strati calcarei si immergono di pochi gradi rispetto all'orizzontale; l'ingresso è impostato su un evidente interstrato mentre la galleria che segue è aperta su una linea di frattura e prosegue in un condotto impostato su due diaclasi parallele che originano una più ampia galleria. A circa 20 metri dall'ingresso le diaclasi trasversali originano una breve diramazione con formazione di una modesta saletta a campana. Proseguendo lungo la galleria principale i giunti di strato vengono ad avere un più importante ruolo speleogenetico e si origina così un condotto a volta piana e suolo sabbioso, largo dai 2 ai 3 metri e alto dai 30 ai 60 centimetri. Si arriva dopo 10 metri ad una saletta a campana formata dall'incontro di due diaclasi (5 X 7 metri, alta 8 + 10 metri) con concrezioni e forme morfologiche molto interessanti. Si notano infatti numerosi solchi verticali uniti da spigoli vivi e interrotti da due livelli che si ritrovano per tutto il perimetro della saletta sotto forma di una piccola mensola sporgente orizzontale. Segue verso nord una nuova saletta oltre cui si può procedere seguendo una galleria fossile. E' impostata in interstrato, iniziata sotto pressione e approfondita a forra; attraverso piccole aperture comunica, almeno all'inizio, con una galleria inferiore, percorsa dall'acqua. Dopo circa 15 metri però una frana di terra e rocce mista a numerosi detriti vegetali che denunciano la vicinanza della superficie, chiude la grotta intasandola completamente. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","Speleomantes strinatii (Aellen, 1958)","","","","","","","","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:37","","enricolana","2021-01-25 22:27:53","w_caves","Numero:240;Nome:Grotta della Bella;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:416555;Longitudine:4893093;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):940;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):67;Dislivello positivo (m):4;Dislivello totale (m):4;Note_:N.C.;","44.1862815","7.9559322","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","","","","","" "216","PI288","","Tana della Volpe di Garessio","SOT D'LA TANHA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE CASOTTO, LOCALITÀ MARCIANTI","","","MUSSIGLIONE","","700","","","36","","36","UTM WGS84 32T","4897764","413419","UTM ED50","1135","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","emitting","","","","","","La cavità è una tipica risorgenza, articolata su tre livelli di cui il più basso attivo. È aspirante nei mesi invernali, percorsa da una forte corrente d’aria (funziona da ingresso basso). (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Dalle case Correria, in Val Casotto, prendere la strada a SE che dopo pochi metri curva e attraversa il torrente. Si percorrono circa 300 m in direzione NW, di fianco al torrente, finché s’incontra un ruscello che proviene da sinistra. Lo si risale fino alla sua sorgente, che costituisce la risorgenza della grotta in questione. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","Metellina merianae (Scopoli, 1763)","blow_during_heat","","Scoperta ed esplorata dal GSP nel 1962 fino al sifone, la grotta venne rivisitata nel 1984, forzando la strettoia del Cunicolo del Vento. Nel 1992 il GSP in collaborazione col GSG scoprì nuove gallerie con forte aria. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","B027_2.JPG","Massimo Sciandra","","","Enrico Lana","","2020-06-03 11:15:38","","enricolana","2021-01-24 16:56:20","w_caves","Numero:288;Nome:Tana della Volpe di Garessio;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Mussiglione;Latitudine:413419;Longitudine:4897764;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1135;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):700;Dislivello positivo (m):36;Dislivello totale (m):36;Note_:Sifoni;","44.2279625","7.9159303","2020-06-17 11:04:29","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","VOLPE","" "2508","PI3432","","Cinghiali Volanti","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","540","450","","","126","126","UTM WGS84 32T","4892793","416942","UTM ED50","1200","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L’ingresso, opportunamente disostruito, dà accesso alla volta di un meandro di discrete dimensioni. 15 m più in basso, una breve risalita conduce ad una serie di 4 saltini (4-6 m) intervallati da strettoie transitabili. Oltre il meandro, la grotta acquista maggiori dimensioni e dopo l’incontro con una galleria posta ad un livello sovrastante (percorribile a ritroso fino ad un riempimento che la ostruisce), si scende in un bell’ambiente concrezionato, con grandi colate, rotte da probabili antichi terremoti, fino alla successiva verticale di 30 m, molto frazionata. Alla base, si raggiunge la concrezionatissima Sala della Puerpera Stupita, di dimensioni ragguardevoli. Un ulteriore salto di 6 m accede ad un ambiente di crollo, completamente spoglio, il cui fondo è ingombro di massi. Sulla destra, la galleria prosegue in senso inverso, con pavimento ingombro di massi, fino ad incontrare la massima profondità della grotta a -126 m. Qui il riempimento sabbioso è scavabile e da un piccolo foro soffia una debole corrente d’aria. Poco sopra il fondo, nella galleria principale, superando un basso passaggio, si sale in un grande ambiente riccamente concrezionato, ornato da un suggestivo laghetto e da un’imponente colata. Alla sommità, oltre una quinta di concrezioni, si nasconde l’arrivo della grossa galleria freatica, che caratterizza la grotta. Attraverso sezioni man mano crescenti (10 m x 5 m) si percorrono 150 m di un antico livello freatico ormai completamente fossile, con colonne, cristalli, aragoniti e svariati concrezionamenti, che la rendono assolutamente particolare. Si giunge così alla Sala del Rinoceronte (15 m x 25 m x 12 m), dove un grosso arrivo risalibile per 20 m chiude su totale riempimento di fango, forse scavabile. Altre prosecuzioni possibili sono ancora da cercare inseguendo l’aria fra i blocchi della salita, poco prima della Sala del Rinoceronte. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","Dalla frazione Trappa si prende la strada sterrata che, dopo 3 km, conduce alla frazione Pianbernardo, ove si deve necessariamente lasciare l’autovettura. Si prosegue per circa quaranta minuti su comoda mulattiera fino a raggiungere il tornante posto circa a quota 1200 m, e con direzione da destra a sinistra. Qui si abbandona la mulattiera per deviare a destra seguendo le tracce di un sentiero animale a mezza costa che si sviluppa nella fitta faggeta e raggiunge la base delle pareti. L’entrata, molto stretta al momento della scoperta, è posta sotto uno spigolo roccioso poco prima di un evidente canale e dà accesso ad un meandro di discrete dimensioni. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","blow_during_cold","","La grotta, scoperta dallo SCT nell’autunno del 2007, ha portato all’esplorazione di un antichissimo livello freatico, che si sviluppa sotto il Garb della Donna Selvaggia. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","V113_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2021-01-05 15:08:48","w_caves","Numero:3432;Nome:Cinghiali Volanti;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:416942;Longitudine:4892793;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1200;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):540;Sviluppo planimetrico (m):450;Dislivello negativo (m):126;Dislivello totale (m):126;Note biospeleologiche:CHIROTTERI 01/11-31/03;","44.1836251","7.960821","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","PRESENZA DI CHIROTTERI: EVITARE LA FREQUENTAZIONE DAL 01 NOVEMBRE AL 31 MARZO. IL PARTICOLARE CONCREZIONAMENTO RICHIEDE UN APPROCCIO RISPETTOSO.","","" "2510","PI3435","","Il vecchio e il bambino","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","926","595","","59","141","200","UTM WGS84 32T","4894378","410348","UTM ED50","1829","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","blow_during_heat","","","","","B109.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-31 12:25:34","w_caves","Numero:3435;Nome:Il vecchio e il bambino;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:410348;Longitudine:4894378;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1829;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):926;Sviluppo planimetrico (m):595;Dislivello positivo (m):59;Dislivello negativo (m):141;Dislivello totale (m):200;","44.1971123","7.8780648","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2512","PI3437","","Buco delle Cadere","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","2","","","","6","6","UTM WGS84 32T","4894061","409884","UTM ED50","1938","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","blow_during_heat","","","","","B066.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-31 12:25:30","w_caves","Numero:3437;Nome:Buco delle Cadere;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409884;Longitudine:4894061;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1938;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):2;Dislivello negativo (m):6;Dislivello totale (m):6;","44.1942017","7.8723136","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "866","PI938","","Pozzo dello Zottazzo Sottano","Trappola dei Vietkong","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","7","","","","6","6","UTM WGS84 32T","4894751","409586","UTM ED50","1590","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","suck_during_heat","","","","","B058_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:51","","davide","2020-12-31 12:25:19","w_caves","Numero:938;Nome:Pozzo dello Zottazzo Sottano;Altra denominazione:Trappola dei Vietkong;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409586;Longitudine:4894751;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1590;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):7;Dislivello negativo (m):6;Dislivello totale (m):6;Note_:N.C.;","44.2003758","7.8684664","2020-06-17 11:04:56","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2253","PI3173","","Grotta Ribes","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","217","170","","38","11","49","UTM WGS84 32T","4894776","409422","UTM ED50","1528","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","blow_during_heat","","","","","B120_1_Meo.jpeg","Bartolomeo Vigna","","","","","2020-06-03 11:16:32","","davide","2020-12-31 12:25:15","w_caves","Numero:3173;Nome:Grotta Ribes;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:409422;Longitudine:4894776;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1528;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):189;Sviluppo planimetrico (m):154;Dislivello positivo (m):37;Dislivello negativo (m):11;Dislivello totale (m):48;Note_:N.C.;","44.2005805","7.86641","2020-06-17 11:05:59","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","BORELLO","" "2488","PI3408","","Rem 4","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","908","771","","28","68","96","UTM WGS84 32T","4893446","412232","UTM ED50","1902","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L’ingresso alto tre metri è un antico meandro tagliato dall’esarazione glaciale e si presenta oggi come un inghiottitoio nascosto da folta vegetazione. Il meandro di 1,5 m x 6 m, fortemente inclinato e con fondo molto scivoloso, scende per 20 m al termine dei quali si perviene al primo salto di 8 m; alla base si trova la Sala Nipiol con il fondo ingrombro di massi, caratterizzata nella parte terminale da un evidente soffitto piatto e inclinato. Da questo ambiente partono numerose vie sia verso monte che verso valle. Verso monte un reticolo piuttosto complesso di gallerie freatiche sotto pressione, proveniente da un’unica galleria intasata da materiale alluvionale, porta ad uno stretto passaggio al tempo disostruito che permette di raggiungere un successivo meandro di discrete dimensioni che successivamente conduce alla Sala del Profeta, impostata su una evidente sinclinale che ne determina la morfologia. Il pavimento ingombro di blocchi di frana sale in forte pendenza raggiungendo il fondo, alla sommità una breve prosecuzione in un piccolo e stretto condotto, termina in prossimità della superficie in una saletta completamente ingombra di gusci di lumache, Tutta questa zona è caratterizzata da una notevole quantità d’aria che percorre le gallerie verso valle. Nella parte bassa della Sala Nipiol, incontriamo un piccolo corso d’acqua che presto sparisce in una frana verso valle. By-passando la frana, si giunge all’ampia Galleria di Sava (4 m x 5 m) che dopo alcune svolte incontra una seconda galleria, Meandro Non Ci Credo di dimensioni minori. Verso monte chiude su frana con buona aria. Verso valle si sviluppa allargandosi fino a 6 m x 12 m. Poco prima che l’acqua scompaia in un ringiovanimento chiuso su sifone, il soffitto della galleria è ingombro di massi, risalendo sui quali si arriva in una grande galleria fossile che si arresta su una frana instabile con aria. Proseguendo nella parte sottostante si incontra la medesima frana che ostruisce anche questa prosecuzione alla massima profondità della grotta. L’aria è sensibile e ci sono buone possibilità di disostruire. Dalla parte superiore di Sala Nipiol risaliti per 5 m si raggiunge un condotto fossile da cui si diparte una zona molto complicata della grotta. Il primo bivio sulla sinistra porta al Meandro Stracciatute che scende fino a diramarsi nel tortuoso Biscia Nera e successivamente a raggiungere un ambiente che a sinistra chiude su sifone, mentre da destra arriva il Meandro dei Velociraptor di maggiori dimensioni seguendo il quale si risale sino a +28 m dove l’esplorazione è ferma su una strettoia soffiante. Sempre al primo bivio, andando dritto, si perviene ad un quadrivio in cui arriva un interessante ma piccolo meandro, a lato un’altra via porta ad una serie di gallerie fossili che terminano su una sala di buone dimensioni detta l’Innominata. L’ultima via retroverte verso l’ingresso all’altezza del primo salto. La grotta rappresenta ad oggi l’unico esempio di freatico fossile molto sviluppato in Val Casotto, segno tangibile delle ancor grandi possibilità esplorative della zona. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","L’ingresso della grotta si trova in Val Casotto, sotto le pareti delle Rocche di Perabruna. Si percorrono 15 km di carrozzabile partendo dalla Colla di Casotto verso il rifugio Manolino. Prima di giungere al rifugio, in prossimità dell’ultimo tornante, si prende il sentiero per la Colla Bassa e dopo il primo pianoro si devia a destra in direzione delle pareti delle Rocche Perabruna. Contornato il Bric d’Oc si scorge un evidente conoide detritico, salito il quale si devia a sinistra per facili cenge. L’ingresso, una dolina, non è visibile che in prossimità. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","suck_during_heat","","La grotta è stata scoperta nel 1996 dallo SCT. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","B036.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","maxtar65","2020-12-28 23:22:38","w_caves","Numero:3408;Nome:Rem 4;Altra denominazione:Sistema di Borello;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:412243;Longitudine:4893445;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1902;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):908;Sviluppo planimetrico (m):771;Dislivello positivo (m):28;Dislivello negativo (m):68;Dislivello totale (m):96;","44.188952","7.9017933","2020-07-02 14:25:13","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "65","PI137","","Garb dell'Omo Superiore","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","330","","","27","","27","UTM WGS84 32T","4892766","415238","UTM ED50","1620","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","All'ingresso in parete segue una galleria leggermente ascendente, lunga m 205, con frequenti brevi diramazioni sulla destra. E' dovuta ad erosione in diaclasi; oggi la grotta convoglia piccole quantità d'acqua che fuoriescono da una risorgenza posta alcuni metri più in basso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Dalla Valdinferno si sale al passo della Scaletta. Di qui, si tiene il sentiero che taglia in piano il pendio Surie. Si risale lo spigolo per 15 m e si attraversa la visibile cengia erbosa in parete, che porta all’ingresso. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","","","La grotta fu esplorata alla fine degli anni ‘50 fino all’attuale sviluppo. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)","","","V128_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:35","","maxtar65","2020-12-28 19:15:05","w_caves","Numero:137;Nome:Garb dell'Omo Sup.;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415238;Longitudine:4892766;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1620;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):330;Dislivello positivo (m):27;Dislivello totale (m):27;Note_:Allagamenti;","44.1831862","7.9395094","2020-06-17 11:04:24","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "107","PI179","","Pozzo grotta dell'Omo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892703","415126","UTM ED50","1670","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Caverna di m 10 X 6, alta m 10, avente un ingresso anteriore e uno superiore a pozzo (larghezza m 4 X 6 ), ripiena di detriti. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V135.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:36","","maxtar65","2020-12-26 09:40:25","w_caves","Numero:179;Nome:Pozzo grotta dell'Omo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415126;Longitudine:4892703;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1670;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Note_:N.C.;","44.1826061","7.9381186","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "111","PI183","","Arma delle Coie","Arma dei Gracchi, Arma delle Berte","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","170","","","","55","55","UTM WGS84 32T","4892402","417624","UTM ED50","1231","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Due ingressi cui seguono corridoi che danno in ampio cavernone con diramazioni in salita. La grotta costituisce un tratto di un antico canalone torrentizio ipogeo. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","V038.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:36","","maxtar65","2020-12-26 09:36:50","w_caves","Numero:183;Nome:Arma delle Coie;Altra denominazione:Arma dei Gracchi, Arma delle Berte;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:417624;Longitudine:4892402;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1231;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):170;Dislivello negativo (m):55;Dislivello totale (m):55;Note_:N.C.;","44.1801827","7.9694138","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "104","PI176","","Garbo del Diavolo di Garessio","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","CASE BARTOLINI","","","GARESSIO_COLOMBINA","","10","","","2","","2","UTM WGS84 32T","4894109","418939","UTM ED50","950","","","","","Coordinate errate","","","","","","","","","","","","","","","","Salto iniziale di 2 metri cui segue un cunicolo stretto di 10 metri. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:36","","maxtar65","2020-12-26 09:33:12","w_caves","Numero:176;Nome:Garbo del Diavolo di Garessio;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colombina;Latitudine:418939;Longitudine:4894109;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):950;Sviluppo reale (m):10;Dislivello positivo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.195696","7.9855994","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","","","","","" "105","PI177","","Grotta dei Gazzano Superiore","Garbo del Diavolo","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_COLOMBINA","","28","","","","6","6","UTM WGS84 32T","4894300","420868","UTM ED50","686","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Galleria stretta discendente, lunga m 28, profonda m 6; anticamente sarebbe stata collegata alla grotta inferiore n. 125 Pi. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V024.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:36","","maxtar65","2020-12-26 09:31:09","w_caves","Numero:177;Nome:Grotta dei Gazzano Sup.;Altra denominazione:Garbo del Diavolo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colombina;Latitudine:420868;Longitudine:4894300;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):686;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):28;Dislivello negativo (m):6;Dislivello totale (m):6;Note_:N.C.;","44.1976272","8.0097065","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "218","PI290","","Grotta B di Perabruna","REM 6, GROTTA B DI PIETRABRUNA","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE CASOTTO, LOCALITÀ PIETRABRUNA","","","CIMA_VERZERA","","100","65","","48","-3","45","UTM WGS84 32T","4893513","411838","UTM WGS84 32T","1910","","","","","","","","","","","Dalla Colla di Casotto prendere la strada privata per il casotto di caccia. Di qui rivolti a sud verso le rocce di Pietrabruna si vedono numerosi canaloni; uno di questi è sormontato da una grande placca liscia, alla base della quale si apre la grotta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cavità formatasi soprattutto per crollo lungo un sistema di diaclasi NE-SO, parzialmente anche lungo fratture impostate sui giunti di strato (specie presso l'ingresso). Non abbiamo notato tracce di erosione ad opera di acqua circolante; pressoché nulle le concrezioni. La notevole corrente d'aria fa ritenere che la grotta abbia altri sbocchi in alto; invero si trova alla base di una parete di difficile accesso ma che probabilmente nasconde molte altre ignote cavità. Calcare del trias. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","blow_during_heat","","","","","B039_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:38","","maxtar65","2020-12-22 15:26:53","w_caves","Numero:290;Nome:Grotta B di Perabruna;Altra denominazione:REM 6;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411829;Longitudine:4893507;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1910;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):100;Sviluppo planimetrico (m):65;Dislivello positivo (m):48;Dislivello negativo (m):-3;Dislivello totale (m):45;Note_:N.C.;","44.1895076","7.8968529","2020-07-02 14:52:01","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "191","PI263","","Pozzo sull'Antoroto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","ANTOROTO","","CIMA_VERZERA","","12","","","","12","12","UTM WGS84 32T","4893359","413390","UTM ED50","1993","","","","","","","","","","","Da Valdinferno seguire la mulattiera per la Colla Bassa, abbandonarla a q. 1700 e deviare a sinistra in direzione della cima del M. Antoroto, traversando diagonalmente la Zotta della Tromba. Il pozzo, poco visibile, si trova alla base di una paretina liscia. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Pozzo verticale profondo m 11,50, con sezione ellittica di m 2,50 X 1,20. Può essere disceso in spaccata senza bisogno di attrezzatura. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","Già citato dal Capello, fu disceso da Di Maio e Re nel 1962. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","V060.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 19:09:10","w_caves","Numero:263;Nome:Pozzo sull'Antoroto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:413390;Longitudine:4893359;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1993;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):12;Dislivello negativo (m):12;Dislivello totale (m):12;Note_:N.C.;","44.1883072","7.9162946","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "190","PI262","","Tana inferiore delle Ciappe Bianche","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, LOCALITÀ CIAPPE BIANCHE","","","","","6","","","","0","0","","","","","1890","","","","","","","","","","","Si trova vicino alla precedente, dieci metri più in basso, all'inizio della cengia citata. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","E' costituita da una fessura larga 1-3 metri e alta meno di 50 cm, con uno sviluppo lineare di 6 metri, oltre i quali la fessura diventa impraticabile. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","","Marziano Di Maio","","","","2020-05-15 18:41:47","","maxtar65","2020-12-21 18:55:45","w_caves","Numero:262;Nome:Ciappe bianche inf.;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Toponimo locale:Valdinferno;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1890;Sviluppo reale (m):6;","0","0","2020-06-17 11:04:28","","","","","","","","","","" "189","PI261","","Tana superiore delle Ciappe Bianche","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, LOCALITÀ CIAPPE BIANCHE","","","","","8","","","","","0","","","","","1900","","","","","","","","","","","Da Valdinferno prendere la mulattiera per la Colla Bassa, tagliare poi a sinistra verso la Zotta della Tromba, attraversarla e portarsi sulle rocce bianche (le Ciappe) che la delimitano a sinistra. Risalendo con prudenza qualche balza rocciosa si perviene ad una cengia inclinata a 45°, in cui si apre la tana. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","Galleria pianeggiante con ingresso a Est, lunga 8 metri e larga da 1 a 2 metri, con altezza sempre inferiore a 1 metro. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","","Marziano Di Maio","","","","2020-05-15 18:41:47","","maxtar65","2020-12-21 18:55:03","w_caves","Numero:261;Nome:Ciappe bianche sup.;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Toponimo locale:Valdinferno;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1900;Sviluppo reale (m):8;","0","0","2020-06-17 11:04:28","","","","","","","","","","" "188","PI260","","Galleria delle Surie","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, DESTRA IDROGRAFICA RIO DELLE SURIE","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","13","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892765","414809","UTM ED50","1700","","","","","","","","","","","Seguire l'itinerario dato per la Tana delle Surie N. 259 Pi; poco prima di raggiungerla, la Galleria è ben visibile, in alto a sinistra; però vi si accede più facilmente dall'ingresso opposto, passando per mezzo di una larga cengia nel canalone più a E, e risalendo poi una china erbosa. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Galleria naturale lunga 13 metri, in leggera salita da E a O, apertasi per erosione meteorica e piccoli crolli fra giunti di strato. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V007.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:48:18","w_caves","Numero:260;Nome:Galleria delle Surie;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414809;Longitudine:4892765;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1700;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):13;Note_:N.C.;","44.1831272","7.9341431","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "187","PI259","","Tana delle Surie","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, DESTRA IDROGRAFICA RIO DELLE SURIE","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","13","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892756","414756","UTM ED50","1711","","","","","","","","","","","Da Valdinferno si raggiunge il passo della Scaletta, si abbandona la mulattiera, e si risale il pendio erboso, verso un foro ben visibile dal basso (quest'ultimo non è catastabile come grotta). Qui si incontra un sentierino che si segue a zig-zag per un dislivello di circa 50 metri finchè volgendosi a sinistra si scorge alla base di una parete un'ampia nicchia che costituisce l'ingresso della Tana delle Surie. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cavità con ampio ingresso, cui segue un corridoio leggermente discendente e ben illuminato, dovuto ad erosione ad opera di agenti esterni, nonché a piccoli crolli fra giunti di strati calcarei. Sul fondo si diparte un breve cunicolo esplorabile per pochi metri. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","blow_during_heat","","","","","V005.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:46:47","w_caves","Numero:259;Nome:Tana delle Surie;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414756;Longitudine:4892756;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1711;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):13;Note_:N.C.;","44.18304","7.9334816","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "183","PI255","","Tana Bassa","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, CONFLUENZA DEL RIO GARELLA COL RIO VARAVÀ","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","10","9","","","1","1","UTM WGS84 32T","4893087","416877","UTM ED50","945","","","","","","","","","","","Raggiunta la predetta confluenza risalire per un dislivello di 60 metri il fianco destro del Rio Garella; salire secondo la linea di massima pendenza; l'ingresso, volto a ovest, si trova su una crestina rocciosa libera da vegetazione. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Piccola cavità fossile, già scavata da acque circolanti sotto pressione, ma ora di scarso interesse. E' percorribile per i primi 6-7 metri, quindi il cunicolo si fa troppo stretto anche se è ben visibile per altri 4-5 metri; si avvertono deboli correnti d'aria. E' presente fauna troglofila. Questa grotta, come altre sovrastanti, era probabilmente in relazione con una risorgenza che si trova esattamente alla confluenza del Rio Garella col Rio Varavà. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","V120.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:34:03","w_caves","Numero:255;Nome:Tana Bassa;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:416877;Longitudine:4893087;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):945;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):10;Note_:N.C.;","44.1862642","7.9599614","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "186","PI258","","Garbo Chiuso B","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","7","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892762","415175","UTM ED50","1620","","","","","","","","","","","Da Valdinferno per mulattiera e sentiero si giunge al passo della Scaletta. Oltre questo si segue il sentiero orizzontale fino ad incontrare il secondo canalone. Di qui si sale per una cinquantina di metri e poi, a sinistra, si scorgono vari fori, tutti alla stessa quota. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","I «Garbi Chiusi» sono tre fori scoperti da Odasso e Re il 5 agosto 1959; hanno ampia apertura e, pur essendo poco più che ripari sotto roccia, vengono citati perché degli eventuali scavi potrebbero dar luogo a scoperte interessanti. Due di questi hanno uno sviluppo superiore ai 5 metri e quindi vengono ricordati come due vere grotte; uno è costituito da un cunicolo, già sede di acque. circolanti sotto pressione, che sbocca nuovamente all'esterno, cosa che era sfuggita ai primi che Io videro, e quindi sarebbe piuttosto un Garbo aperto. Si tratta probabilmente di residui di una cavità che è scomparsa per l'arretramento del fianco della montagna. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V130.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:31:44","w_caves","Numero:258;Nome:Garbo Chiuso B;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415175;Longitudine:4892762;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1620;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):7;Note_:N.C.;","44.1831429","7.938722","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "185","PI257","","Garbo Chiuso A","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","7","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892750","415189","UTM ED50","1620","","","","","","","","","","","Da Valdinferno per mulattiera e sentiero si giunge al passo della Scaletta. Oltre questo si segue il sentiero orizzontale fino ad incontrare il secondo canalone. Di qui si sale per una cinquantina di metri e poi, a sinistra, si scorgono vari fori, tutti alla stessa quota. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","I «Garbi Chiusi» sono tre fori scoperti da Odasso e Re il 5 agosto 1959; hanno ampia apertura e, pur essendo poco più che ripari sotto roccia, vengono citati perché degli eventuali scavi potrebbero dar luogo a scoperte interessanti. Due di questi hanno uno sviluppo superiore ai 5 metri e quindi vengono ricordati come due vere grotte; uno è costituito da un cunicolo, già sede di acque. circolanti sotto pressione, che sbocca nuovamente all'esterno, cosa che era sfuggita ai primi che Io videro, e quindi sarebbe piuttosto un Garbo aperto. Si tratta probabilmente di residui di una cavità che è scomparsa per l'arretramento del fianco della montagna. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V129.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:30:16","w_caves","Numero:257;Nome:Garbo Chiuso A;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415189;Longitudine:4892750;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1620;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):7;Note_:N.C.;","44.1830365","7.938899","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "166","PI238","","Buco del Pavè","GROTTA A FIANCO DEL GARB DELL'OMO MEDIO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","12","","","3","","3","UTM WGS84 32T","4892860","415327","UTM ED50","1470","","","","","","","","","","","Si trova a 40 m in direzione N 120° O dal Garb dell'Orno Medio, alla stessa quota, e di qui può venir raggiunta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Piccola cavità con andamento pressoché rettilineo, leggermente ascendente (lunghezza m 12, dislivello +3m) formatasi in prevalenza per stacco di massi rocciosi compresi originariamente in un fascio di diaclasi parallele. Nella parte più interna si nota qualche fenomeno di erosione. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V139.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:27:52","w_caves","Numero:238;Nome:Grotta a fianco del garb dell'Omo Medio;Altra denominazione:Buco del Pavè;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415327;Longitudine:4892860;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1470;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):12;Dislivello positivo (m):3;Dislivello totale (m):3;Note_:N.C.;","44.1840427","7.9406076","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "165","PI237","","Buco delle Foglie","GROTTA SOTTO IL GARB DELL'OMO MEDIO","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","6","","","","2","2","UTM WGS84 32T","4892878","415346","UTM ED50","1465","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Insignificante cavità posta 5 metri più in basso rispetto al Garb dell'Orno medio, N. 236 Pi, di cui ha le stesse coordinate; probabilmente già in comunicazione con quella grotta. Lunga m 6, profonda m 2, è cosl detta dal fogliame che ostruisce l'ingresso. Segni di erosione ad opera di acque circolanti sotto pressione; fondo di guano e detriti vari. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V140_2.JPG","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:24:55","w_caves","Numero:237;Nome:Grotta sotto il garb dell'Omo Medio;Altra denominazione:Buco delle Foglie;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415346;Longitudine:4892878;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1465;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):6;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.1842069","7.9408424","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "164","PI236","","Garbo dell'Omo Medio","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","96","","","","20","20","UTM WGS84 32T","4892878","415349","UTM ED50","1470","","","","","","","","","","","Da Valdinferno seguire la mulattiera fino al passo della Scaletta; seguire ancora il sentiero fino a portarsi presso il Garb dell'Orno superiore: di qui scendere il ripido canalone erboso per un dislivello di 50 metri; quindi portarsi a destra verso un gendarme della cima piatta; lo si raggiunge, quindi si discende un salto di 3 metri e ci si trova dinnanzi alla grotta; ha ingresso ampio (m 3,5 X 1,7) rivolto a NO, invisibile però da distanza. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cavità con andamento leggermente discendente, formata da acque circolanti lentamente ma sempre sotto pressione, forse dall'interno all'esterno. Nonostante qualche blocco di frana e delle belle concrezioni, (specialmente nell'ultima parte) la morfologia prevalente è di corrosione. La grotta è impostata in prevalenza su una diaclasi principale con direzione E · O e su altre minori che tagliano obliquamente quest'ultima e determinano degli slarghi e delle brevi diramazioni. La roccia è un calcare giurese piuttosto compatto. Non si avvertono notevoli correnti d'aria, l'umidità è scarsa e lo stillicidio quasi assente; solo in periodi di fotti precipitazioni si forma un laghetto, a mezza via. Temperatura dell'aria 5 °C. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","Calcari","","","","V141_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:23:06","w_caves","Numero:236;Nome:Garbo dell'Omo Medio;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415349;Longitudine:4892878;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1470;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):96;Dislivello negativo (m):20;Dislivello totale (m):20;Note_:N.C.;","44.1842073","7.9408799","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "167","PI239","","Garbo Giovannini","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","CIMA DELL'OMO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","18","","","","2","2","UTM WGS84 32T","4892708","415327","UTM ED50","1660","","","","","","","","","","","Da Valdinferno si segue la mulattiera grande verso O fino al passo della scaletta. Oltrepassatolo, il sentiero va orizzontale e lo si segue fin dove esso attraversa un canalone che sale fino alla cima dell'Omo. Si sale appunto questo canalone e quando due piccoli salti di roccia separano dalla vetta, ci si sposta a destra di pochi metri. La grotta si trova alla base del secondo salto (numerando dalla vetta verso il basso). (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Piccola cavità impostata su diaclasi che è stata sede di acque circolanti; ora è completamente fossile e secca. L'ingresso verso E è piccolissimo e non lo si può vedere se non si è che a 3-4 metri di distanza; segue un rettilineo e poi, dopo due curve, si incontra un cunicolo in discesa ove la grotta è chiusa da detriti. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","blow_during_heat","","","","","V150_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:20:07","w_caves","Numero:239;Nome:Garbo Giovannini;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415327;Longitudine:4892708;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1660;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):18;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.1826744","7.9406321","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "161","PI233","","Cunicolo di Attraversamento B","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","12","","","","1","1","UTM WGS84 32T","4892583","415557","UTM ED50","1593","","","","","","","","","","","A pochi metri dall'ingresso inferiore della Grotta degli animali, n. 231 Pi, si trovano due piccole gallerie, denominate «Cunicoli di attraversamento». (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cunicolo di attraversamento (B), orizzontale, lungo 12 metri, attraversa la cresta rocciosa a nord dell'ingresso della Grotta degli animali. E' completamente asciutto e quasi del tutto privo di luce. In prossimità dell'ingresso più settentrionale presenta una breve diramazione in direzione perpendicolare a quella della galleria principale. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","V047_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:16:40","w_caves","Numero:233;Nome:Cunicolo di Attraversamento B;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415557;Longitudine:4892583;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1593;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):12;Dislivello negativo (m):1;Dislivello totale (m):1;Note_:N.C.;","44.1815759","7.9435293","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "160","PI232","","Cunicolo di Attraversamento A","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","6","","","","0","0","UTM WGS84 32T","4892584","415556","UTM ED50","1593","","","","","","","","","","","A pochi metri dall'ingresso inferiore della Grotta degli animali, n. 231 Pi, si trovano due piccole gallerie, denominate «Cunicoli di attraversamento». (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cunicolo di attraversamento (A), orizzontale, lungo 6 metri, attraversa la cresta rocciosa a nord dell'ingresso della Grotta degli animali; asciutto e quasi del tutto illuminato. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","V046_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:15:10","w_caves","Numero:232;Nome:Cunicolo di Attraversamento A;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415556;Longitudine:4892584;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1593;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):6;Note_:N.C.;","44.1815847","7.9435166","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "163","PI235","","Cunicolo II sotto grotta dell'Orso","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","10","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892557","415635","UTM ED50","1625","","","","","","","","","","","Dalla grotta dell'Orso, discendendo per pochi metri una traccia di sentiero, si incontrano su una piccola paretina di roccia due piccole cavità, denominate, mancando un nome locale, 1° e 2° cunicolo sotto la Grotta dell'Orso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Sono due brevi condoni impostati su diaclasi diretta a N 130° E, che si vanno facendo impraticabili a pochi metri dall'ingresso; la sezione trasversale ha forma allungata verso l'alto. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V050.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 18:06:28","w_caves","Numero:235;Nome:Cunicolo II sotto grotta dell'Orso;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415635;Longitudine:4892557;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1625;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):10;Note_:N.C.;","44.1813508","7.9445092","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "78","PI150","","Grotta dell'Orso di Bec Ronzino","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","BEC RONZINO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","100","","","","12","12","UTM WGS84 32T","4892560","415645","UTM ED50","1627","","","","","","","","","","","Da Pian Bernardo, raggiunta l'estremità occidentale dei Prati sopra le Balze, e precisamente la quota 1541, seguire il sentiero per il Bee Ronzino per circa 100 metri di dislivello fino a raggiungere una specie di poggio sulla cresta N. Di qui proseguire in piano per qualche decina di metri, poi risalire verso una piccola paretina di roccia a forma di nicchia, in cima a un breve pendio erboso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","La cavità si apre nei calcari del giura in prossimità del contatto col cretaceo. Un breve cunicolo di 6 metri conduce in una piccola saletta dove si nota un'azione a spongework con vani a nicchia tondeggianti c comunicanti con piccole aperture. Segue un breve tratto di galleria impostata su diaclasi a sezione molto allungata verso l'alto. Dopo una strettoia si perviene in una saletta di m 6 X 3+4 a pianta rettangolare con fenomeni di crollo e riempimenti accompagnati da una modesta azione litogenica. E' formata dall'incontro di due diaclasi dirette rispettivamente secondo le due principali direzioni di fratturazione che interessano l'intera cavità: N + 30° O e N + 120° O. Appunto lungo una galleria impostata su diaclasi del 2° tipo si può proseguire per circa 10 metri fino a raggiungere una piccola saletta priva di prosecuzioni praticabili. A metà circa della precedente galleria, sulla parete a sud, a due metri dal suolo si apre una stretta galleria che senza diramazioni si addentra per 62 metri. E' impostata su una rete di fratture fra di loro perpendicolari ed è sempre di dimensioni molto modeste e di transito relativamente scomodo. In volta si nota un iniziale condotto a pressione originatosi in corrispondenza delle diaclasi; in alcuni punti è stato asportato da fenomeni di crollo. Il condotto è poi stato approfondito formando una forra caratterizzata da meandri e marmitte sventrate. Sul suo talweg una notevole diminuzione di portata ha poi dato origine a un piccolo solco largo circa 15-30 centimetri e che va approfondendosi nella parte terminale della galleria. Dopo un'ultima svolta ad angolo retto, dovuta ad una nuova diaclasi, la cavità termina in una specie di sifone interrato. L'attuale portata è molto limitata e al momento della visita si trattava d'un modestissimo rivoletto d'acqua che iniziava per stillicidio e scorreva verso l'interno del monte. La parte iniziale della cavità si presenta invece asciutta e priva di stillicidio, anche quando le precipitazioni esterne sono piuttosto abbondanti. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","blow_during_heat","","","","","V052.JPG","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:15:35","","maxtar65","2020-12-21 18:02:19","w_caves","Numero:150;Nome:Grotta dell'Orso di Bec Ronzino;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415645;Longitudine:4892560;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1627;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):100;Dislivello negativo (m):12;Dislivello totale (m):12;Note_:N.C.;","44.181379","7.9446338","2020-06-17 11:04:24","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "158","PI230","","Tana dei Mecca","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO, LOCALITÀ CASE MECCA","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","40","","","15","12","27","UTM WGS84 32T","4892914","415916","UTM ED50","1200","","","","","","","","","","","Come per il Garbo dell'Assunta e la Bocca del Forno, continuando poi alla base della stessa parete fino a incontrare la «Garumba delle Quere» (Garumba = piccolo torrente); si prende quindi un sentierino in salita che conduce al grande riparo visibile da ogni parte. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Ampio riparo di m 40 circa, profondo 12 e alto 15, con segni di erosione; al fondo si osservano due budelli troppo stretti per essere percorsi. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","V110.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 17:57:22","w_caves","Numero:230;Nome:Tana dei Mecca;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415916;Longitudine:4892914;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1200;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):40;Dislivello positivo (m):15;Dislivello negativo (m):12;Dislivello totale (m):27;","44.1845969","7.947967","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "182","PI254","","Bocca del Forno","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","BEC RONZINO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","6","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892895","416134","UTM ED50","1150","","","","","","","","","","","Seguire l'itinerario dato per il Garbo dell'Assunta (n. 256 Pi); giunti nei pressi di questo si costeggi la base della parete verso Ovest per 200 metri circa; si raggiunge la Bocca del Forno arrampicando per qualche metro (III superiore). (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Ingresso alto m 3,50, largo 2,.50 cui segue una galleria ellittica (probabilmente un antico esutorio) lunga 6 metri. Nonostante l'ingresso sia ben visibile da Valdinferno, la grotta non ha nome locale ed è stata così chiamata per l'aspetto dell'ingresso. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","Calcari","","","","V112_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 17:55:43","w_caves","Numero:254;Nome:Bocca del Forno;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:416134;Longitudine:4892895;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1150;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):6;Note_:N.C.;","44.1844509","7.9506971","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "184","PI256","","Garbo dell'Assunta","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","BEC RONZINO","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","15","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892861","416218","UTM ED50","1137","","","","","","","","","","","Da Valdinfemo raggiungere Case Mecca e quindi il Rio Garella; attraversatolo si risale per il sentiero che costeggia il canale di scolo della Garumba delle Vacche; per raggiungere la grotta si deve quindi arrampicare per una trentina di metri. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Fu individuata da Re nel 19:59; raggiunta il 15 agosto 1960 (giorno dell'Assunta) da Odasso che ne diede una sommaria descrizione. All'ingresso, orizzontale, segue un camino che sale per una decina di metri verticalmente, quindi si biforca in due rami ascendenti, il maggiore dei quali misura circa 15 metri. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V126.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 17:53:42","w_caves","Numero:256;Nome:Garbo dell'Assunta;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:416218;Longitudine:4892861;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1137;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):15;Note_:N.C.;","44.1841545","7.9517534","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "157","PI229","","Garbo del Falcone","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE VALDINFERNO","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","23","","","9","","9","UTM WGS84 32T","4892879","416524","UTM ED50","1195","","","","","","","","","","","Da Valdinferno raggiungere la confluenza fra il Rio Varavà e il rio Garella. Di qui la grotta è visibile: si risale lungo il bosco fino a 20 m sotto la grotta, poi si arrampica sulla sinistra con passaggi molto esposti (corda necessaria) fino a raggiungere l'apertura, larga m 5 e alta m 10. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","","Ingresso rivolto a NNE. Androne a fondo terroso, pianeggiante, di 7 metri, e poi galleria in forte salita, larga 1-2 metri, alta 2-4, chiusa dopo 11 m. La direzione è uniforme, verso SSO. All'inizio a sinistra, esiste un breve cunicolo, tanto che la lunghezza totale della grotta è di 23 metri, il dislivello di + 9 m. La cavità appare formata per unione di piccoli condotti freatici impostati nelle diaclasi e verso il fondo anche tra i giunti; è avvenuta in seguito una modificazione per erosione gravitazionale. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","Calcari","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 17:47:57","w_caves","Numero:229;Nome:Garbo del Falcone;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Latitudine:416524;Longitudine:4892879;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1195;Sviluppo reale (m):23;Dislivello positivo (m):9;Dislivello totale (m):9;Note_:N.C.;","44.1843516","7.9555784","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","","","","","" "180","PI252","","Grotta di Pian Bernardo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE PIAN BERNARDO","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","50","","","","28","28","UTM WGS84 32T","4892745","417282","UTM ED50","1178","","","","","","","","","","","Dalle case di Pian Bernardo si prenda la mulattiera che va verso i prati sopra le Balze. La si segua fino alla prima notevole biforcazione e, tenendosi poi a sinistra, la si segua fin dove essa, in un lungo rettilineo, è fiancheggiata da piccoli prati. Si attraversa il prato di destra e, nascosta fra i cespugli si scorge la grotta, a una quindicina di metri di distanza dalla mulattiera. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","L'ingresso è costituito da una dolina-pozzo con pareti molto ripide, coperte di folta vegetazione. Segue una galleria molto ampia in discesa che termina in un vasto ambiente con due piccole diramazioni senza importanza. Il substrato è costituito da detriti di varia dimensione, di provenienza esterna e di crollo che hanno determinato, unitamente a una colata stalattitica, la chiusura della cavità, un tempo molto più estesa. Le pareti sono piuttosto concrezionate. In certi periodi dell'anno si raduna una notevole quantità d'acqua che viene attinta dagli abitanti; notevoli l'umidità e lo stillicidio. Per la vastità della galleria, una debole luce naturale giunge sino in fondo alla cavità (non nelle diramazioni). (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V037.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 17:30:39","w_caves","Numero:252;Nome:Grotta di Pian Bernardo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:417282;Longitudine:4892745;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1178;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):50;Dislivello negativo (m):28;Dislivello totale (m):28;Note_:N.C.;","44.1832317","7.9650818","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "110","PI182","","Arma della Fea","Arma di Rocca d'Orse","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE PIAN BERNARDO","ROCCA D'ORSE","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","157","","","26","","26","UTM WGS84 32T","4892479","417136","UTM ED50","1356","","","","","","","","","","","Si raggiunge la grotta lasciando la mulattiera tra Pian Bernardo e i prati sopra le Balze nel punto ove terminano i torrenti e portandosi attraverso le boscaglie al piede della parete rocciosa in corrispondenza della prima sella (piccole radure): un sentiero a sinistra conduce dal centro del canalino all'apertura della caverna, ampia ma nascosta. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Si tratta di una grande galleria che si biforca, dopo alcune decine di metri, per sboccare in un ampio salone, al termine del quale, sulla destra, si apre una fessura in salita, mentre sulla sinistra si accede in una saletta attraverso cui si può passare in una stretta galleria. fossile di circa 50 metri. AI fondo, sulla destra, si apre un'ampia e ripida fessura ascendente impostata su una diaclasi che va aumentando di inclinazione fino ad arrivare, all'estremità superiore, ad una pendenza di 45° In cima alla fessura si notano sulla volta grossi scallops arrotondati che si trasformano in rivoli o solchi dove la parete diventa quasi verticale; sul suolo ci sono concrezioni fangose; nella parte bassa si ha un'abbondante lapiaz inverso dovuto a fenomeni di decalcificazione. Sul fondo del salone, a sinistra, attraverso uno stretto passaggio si accede ad uria saletta apparentemente terminante in una nicchia di pochi metri intasata da concrezioni; invece una grande apertura a 4 metri dal suolo permette di giungere (passaggio di IV grado) in una galleria orizzontale con morfologia di tipo senile; vistosi fenomeni litogenici originano delle concrezioni particolarmente belle. La sezione costantemente triangolare attesta la continua impostazione su diaclasi. Il condotto presenta varie aperture che comunicano con una presumibile galleria inferiore ormai intasata quasi completamente da concrezioni. Il suolo della galleria testé descritta è roccioso o concrezionato; mancano del tutto gli stillicidi. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","Calcari","","","","V031.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:36","","maxtar65","2020-12-21 17:15:50","w_caves","Numero:182;Nome:Arma della Fea;Altra denominazione:Arma di Rocca d'Orse;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:417136;Longitudine:4892479;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1356;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):157;Dislivello positivo (m):26;Dislivello totale (m):26;Note_:N.C.;","44.1808206","7.9632974","2020-06-17 11:04:25","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "181","PI253","","Garbo dell'Orsa","Buco del Gufo","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE ISOLA PEROSA, LOCALITÀ GALLERIA 4 DELL'ORSA","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","43","","","5","","5","UTM WGS84 32T","4891267","418028","UTM ED50","698","","","","","","","","","","","Percorrendo la S.S. n. 28 a pochi metri dall'ingresso NE della galleria ferroviaria 4' dell'Orsa (Km 82,9) si volge gli occhi verso In montagna e si scorge benissimo l'ingresso della grotta, raggiungibile inerpicandosi su ripide rocce, coperte da arbusti. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","Massimo Sciandra","","","","","","","","Cavità fossile orizzontale lunga 43 metri, con dislivello di m+ 5 ca. All'ingresso grande a forma di trapezio, seguono due rami sovrapposti. Quello inferiore, di 5 metri, è privo di interesse. Quello superiore consta di una galleria scavata in interstrati (qui gli strati sono quasi verticali) e allargata da acque circolanti sotto pressione. La sezione allungata verso l'alto va progressivamente restringendosi e la grotta termina in 2 fessure troppo strette per essere percorse. Vi sono molte concrezioni senili; l'umidità è scarsissima; non vi è stillicidio nè si avvertono correnti d'aria. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","none","","","","","V057_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","maxtar65","2020-12-21 16:30:14","w_caves","Numero:253;Nome:Garbo dell'Orsa;Altra denominazione:Buco del Gufo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:418028;Longitudine:4891267;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):698;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):43;Dislivello positivo (m):5;Dislivello totale (m):5;Note_:N.C.;","44.1700112","7.9746444","2020-06-17 11:04:28","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "238","PI310","","Grotta Azzurra","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","FRAZIONE BORGO PIAVE","PIETRA ARDENA","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","123","122","","7","","7","UTM WGS84 32T","4894309","422232","UTM ED50","606","","","","","","","","","","","A Borgo Piave, dal ponte sul Rio di Rocca Bianca, si discende il corso d'acqua per circa 300 metri e si scorge l'ingresso a un metro circa sul livello del torrente, fra altri fori di scarsa entità; pur essendo vicina all'abitato la grotta è poco nota. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","","","","","","","","","Necessaria la muta impermeabile. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Passato l'ingresso, sotto forma di fessura strettissima, subito si incontra una galleria bassa di circa trenta metri, percorsa da un piccolo torrente il quale, a due metri dall'ingresso, sparisce in una fessura laterale e viene a giorno sul greto del torrente, dieci metri a monte. Dopo la detta galleria si perviene ad un lago circolare, diametro di 8 metri circa, melmoso e profondo forse due metri; superatolo, si possono ancora percorrere a sinistra delle brevi diramazioni tosto insabbiate, da cui fuoriesce l'acqua. Lo sviluppo totale è di 50 metri, perfettamente orizzontali. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)","Cavità posta sulla riva sinistra del torrente poco sotto il ponte della strada statale per il colle San Bernardo sul rio Malsangua.","","","blow_during_heat","Calcari","","","","V023_1.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:38","","maxtar65","2020-12-21 16:05:56","w_caves","Numero:310;Nome:Grotta Azzurra;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Sistema carsico:Grotta azzurra;Latitudine:422232;Longitudine:4894309;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):606;Sviluppo reale (m):123;Sviluppo planimetrico (m):122;Dislivello positivo (m):7;Dislivello totale (m):7;Note idrologiche:Torrente interno + laghi;Note meteorologiche:soffia forte in estate;Data aggiornamento catastale:09/11/2018;Note_:N.C.;Itinerario:Cavità posta sulla riva sinistra poco sotto il ponte della strada statale per il colle San Bernardo sul rio Malsangua.;Immagine ingresso:Si;Altre immagini:No;Rilievo:Si;Sequenza pozzi:Non necessaria;","44.1978549","8.0267724","2020-06-17 11:04:30","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2509","PI3433","","Tana delle Dolicopode","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","22","20","","3","","3","UTM WGS84 32T","4893085","417262","UTM ED50","928","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V119_2.JPG","Raffaella Zerbetto","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 19:03:31","w_caves","Numero:3433;Nome:Tana delle Dolicopode;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Latitudine:417262;Longitudine:4893085;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):928;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):22;Dislivello negativo (m):3;Dislivello totale (m):3;","44.18629","7.9647781","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2501","PI3424","","Grotta dell'Orso","Buco della Fascia","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","60","","","","3","3","UTM WGS84 32T","4893993","422954","UTM ED50","636","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","","","","","","V100.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 15:40:48","w_caves","Numero:3424;Nome:Grotta dell'Orso;Altra denominazione:Buco della Fascia;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:422954;Longitudine:4893993;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):636;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):60;Dislivello negativo (m):3;Dislivello totale (m):3;","44.1950869","8.035853","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2502","PI3425","","Buco Stretto","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","27","27","","","2","2","UTM WGS84 32T","4893904","423096","UTM ED50","635","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V096.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 15:40:42","w_caves","Numero:3425;Nome:Buco Stretto;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:423096;Longitudine:4893904;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):635;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):27;Sviluppo planimetrico (m):27;Dislivello negativo (m):2;Dislivello totale (m):2;","44.1943007","8.0376428","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2493","PI3414","","Cunicolo B della Cornarea","RISORGENZA DEL RIO BIANCO B","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","10","","","2","","2","UTM WGS84 32T","4893725","423290","UTM ED50","648","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V082.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 15:40:35","w_caves","Numero:3414;Nome:Cunicolo B della Cornarea;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:423290;Longitudine:4893725;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):648;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):10;Dislivello positivo (m):2;Dislivello totale (m):2;","44.1927098","8.0400963","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2492","PI3413","","Cunicolo A della Cornarea","RISORGENZA DEL RIO BIANCO A","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","11","","","2","","2","UTM WGS84 32T","4893724","423289","UTM ED50","648","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V081.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 15:40:25","w_caves","Numero:3413;Nome:Cunicolo A della Cornarea;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:423289;Longitudine:4893724;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):648;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):11;Dislivello positivo (m):2;Dislivello totale (m):2;","44.1927007","8.0400839","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2491","PI3412","","Buco dello Zoppo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","GARESSIO_ROCCA_BIANCA","","15","15","","","1","0,5","UTM WGS84 32T","4893852","423169","UTM ED50","637","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V078.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-12-06 15:40:22","w_caves","Numero:3412;Nome:Buco dello Zoppo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Garessio - Colle S. Bernardo;Latitudine:423169;Longitudine:4893852;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):637;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):15;Sviluppo planimetrico (m):15;Dislivello negativo (m):1;Dislivello totale (m):0,5;","44.1938403","8.0385638","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "162","PI234","","Cunicolo I sotto grotta dell'Orso","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","6","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892564","415642","UTM ED50","1628","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V051.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:37","","davide","2020-12-05 15:28:22","w_caves","Numero:234;Nome:Cunicolo I sotto grotta dell'Orso;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415642;Longitudine:4892564;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1628;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):6;Note_:N.C.;","44.1814146","7.9445956","2020-06-17 11:04:27","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "678","PI750","","Grotta delle Surie-1","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","30","","","","13","13","UTM WGS84 32T","4892690","415166","UTM ED50","1760","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V014.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:47","","davide","2020-12-05 15:26:38","w_caves","Numero:750;Nome:Grotta delle Surie-1;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415166;Longitudine:4892690;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1760;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):30;Dislivello negativo (m):13;Dislivello totale (m):13;Note_:N.C.;","44.1824937","7.938621","2020-06-17 11:04:49","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2483","PI3403","","Buco della Sorbo","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","","","","","","0","UTM WGS84 32T","4892690","415165","UTM ED50","1719","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:16:38","","davide","2020-12-05 15:24:50","w_caves","Numero:3403;Nome:Buco della Sorbo;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:415165;Longitudine:4892690;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1719;Note_:N.C.;","44.1824936","7.9386085","2020-06-17 11:06:09","","ITA","","","","","","","","" "2479","PI3399","","Tomorrow","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","111","70","","","36","36","UTM WGS84 32T","4892694","414941","UTM ED50","","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","","","","","","V010.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:38","","davide","2020-12-05 15:22:06","w_caves","Numero:3399;Nome:Tomorrow;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414941;Longitudine:4892694;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):111;Sviluppo planimetrico (m):70;Dislivello negativo (m):36;Dislivello totale (m):36;","44.1825035","7.9358058","2020-06-17 11:06:09","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "247","PI319","","Grotta a est della Galleria Surie","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","220","","","","30","30","UTM WGS84 32T","4892694","414940","UTM ED50","1678","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V009.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:38","","davide","2020-12-05 15:19:13","w_caves","Numero:319;Nome:Grotta a est della Galleria Surie;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414940;Longitudine:4892694;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1678;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):220;Dislivello negativo (m):30;Dislivello totale (m):30;Note_:N.C.;","44.1825034","7.9357933","2020-06-17 11:04:31","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "679","PI751","","Grotta delle Surie-2","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","50","","","","20","20","UTM WGS84 32T","4892763","414738","UTM ED50","1760","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:15:47","","davide","2020-12-05 15:18:54","w_caves","Numero:751;Nome:Grotta delle Surie-2;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:414738;Longitudine:4892763;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1760;Sviluppo reale (m):50;Dislivello negativo (m):20;Dislivello totale (m):20;Note_:N.C.;","44.1831009","7.9332553","2020-06-17 11:04:49","","ITA","","","","","","","","" "2545","PI3609","","REM 13","","","Davide Barberis","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","22","14","","0","10","10,3","UTM WGS84 32T","4893483","411861","UTM ED50","1986","","","","","Locus Map (Galaxy X-Cover 3)","","","","","","","","Davide Barberis","","","","","","","","","","","","blow_during_heat","","","","","B140.jpg","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:16:40","","davide","2020-11-28 15:02:50","w_caves","Numero:3609;Nome:REM 13;Inserita a catasto da:Davide Barberis;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411861;Longitudine:4893483;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1950;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 3);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Sviluppo reale (m):22;Sviluppo planimetrico (m):14;Dislivello negativo (m):10;Dislivello totale (m):10,3;Note_:N.C.;Immagine ingresso:Si;Altre immagini:No;Rilievo:Si;","44.1892403","7.8971457","2020-07-17 21:21:12","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2551","PI3615","","V123","","","Davide Barberis","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","12","11","","2","1","3","UTM WGS84 32T","4892887","416132","UTM ED50","1146","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V123.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:40","","davide","2020-11-17 22:32:33","w_caves","Numero:3615;Nome:V123;Inserita a catasto da:Davide Barberis;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:416132;Longitudine:4892887;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1146;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):12;Sviluppo planimetrico (m):11;Dislivello positivo (m):2;Dislivello negativo (m):1;Dislivello totale (m):3;Note_:N.C.;Immagine ingresso:Si;Altre immagini:No;Rilievo:Si;","44.1843787","7.9506734","2020-06-17 11:06:12","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "802","PI874","","Tana del Ragno","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","ROCCA_D_ORSE_VALDINFERNO","","16","14","","6","2","8","UTM WGS84 32T","4893040","416872","UTM ED50","1000","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","V121.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:15:49","","davide","2020-11-17 22:30:18","w_caves","Numero:874;Nome:Tana del Ragno;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Rocca d'Orse - Valdinferno;Latitudine:416872;Longitudine:4893040;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1000;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):15;Dislivello positivo (m):2;Dislivello totale (m):2;Note_:N.C.;","44.1858406","7.9599063","2020-06-17 11:04:53","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2489","PI3409","","Rem 12","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","20","11","","","11","11","UTM WGS84 32T","4893525","411920","UTM ED50","1920","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","none","","","","","B040_2.JPG","Massimo Sciandra","","","","","2020-06-03 11:16:39","","davide","2020-11-17 22:10:29","w_caves","Numero:3409;Nome:Rem 12;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411920;Longitudine:4893525;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1920;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Sviluppo reale (m):20;Sviluppo planimetrico (m):11;Dislivello negativo (m):11;Dislivello totale (m):11;","44.1896255","7.8978768","2020-06-17 11:06:10","","ITA","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2962","PI31","","El Cabron","REM14","","Davide Barberis","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","28","10","","","23","23","UTM WGS84 32T","4893432","411941","UTM ED50","2039","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","2005-05-06 00:00:00","","","","","","","","","","","suck_during_heat","","","","","20200812_165231.jpg","Davide Barberis","","","","","2020-06-03 11:16:44","","davide","2020-11-17 13:33:11","w_caves","Numero:50092;Nome:El Cabron - REM14;Inserita a catasto da:Davide Barberis;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Toponimo locale:Perabruna;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411941;Longitudine:4893432;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):2039;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;Data ultima verifica su campo:05/06/2005;Sviluppo reale (m):28;Dislivello negativo (m):23;Dislivello totale (m):23;Note meteorologiche:aspore forte in estate;","44.1887909","7.8981551","2020-06-17 11:06:32","","","","","","CC BY-SA 4.0","","","","" "2521","PI3448","","Pozzo del Topo bianco","","","","PIEMONTE","CN","GARESSIO","","","","CIMA_VERZERA","","","","","","","0","UTM WGS84 32T","4893532","411631","UTM ED50","1937","","","","","","","","","","","","","Massimo Sciandra","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","2020-06-03 11:16:39","","","2020-06-03 11:16:39","w_caves","Numero:3448;Nome:Pozzo del Topo bianco;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Garessio;Area carsica:Cima Verzera;Latitudine:411631;Longitudine:4893532;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1937;Posizione verificata su campo da curatore:Massimo Sciandra;","44.1896536","7.8942601","2020-06-17 11:06:11","","ITA","","","","","","","",""