"Id","title","regione","provincia","comune","Zones d'intérêt spéléologique","Développement réel","Dénivelé total","Grottes","Description","Insertion date","Date updated","Number of views","Limite la visualisation du contenu à ces groupes","Nom d'utilisateur","Photo","Auteur photo","Nom","Licence","Sources","Topographies","Source bibliographique","sources","photo2","authorphoto2","license2","photo3","authorphoto3","license3","photo4","authorphoto4","license4","source2","source3","source4","Indicatif","Météorologie" "27","","","","","ARTESINERA_PRATO_NEVOSO","7204","555","PI197,PI302,PI622,PI867,PI873,PI3003,PI3027,PI3028,PI3029,PI3030,PI3031,PI3032,PI3033","La zona che alimenta questo sistema comprende il settore Balma (1883 m), Cima Artesinera (1992 m) e Cima Merdanzone (1767 m), interessando poi i ripidi pendii in sinistra idrografica del rio Sbornina (zona del Malpasso), fino a raggiungere l'area sorgiva di Stalla Buorch (1090 m), con un potenziale massimo di carsificazione pari a circa 900 m. Il confine di tale sistema con quello di Artesina è posto grossomodo nell'area della Balma, dove soltanto future colorazioni o esplorazioni di nuove cavità potranno definire meglio la zona dello spartiacque sotterraneo. Sicuramente il sistema è alimentato anche dalle perdite in sub-alveo del rio Sbornina che, nella stagione asciutta, presenta un flusso idrico nel vallone sottostante la Balma, per poi asciugarsi del tutto nel settore a valle del Malpasso. La sorgente di Stalla Buorch ha una portata piuttosto rilevante anche nei periodi di magra, circa 50 l/s, e riceve il cospicuo apporto di queste perdite. La morfologia dei settori assorbenti più elevati, compresi tra la Balma e la zona di Pian dei Gorghi, è caratterizzata da versanti poco acclivi, con ampie doline di dissoluzione ed un carso sub-affiorante coperto da una sottile cotica erbosa. I pendii meridionali, che si sviluppano in direzione del rio Sbornina, sono caratterizzati da strapiombanti pareti rocciose e ripidi canaloni. Proprio in corrispondenza di una di queste incisioni si trova l'ingresso dell'Abisso Bacardi. Il carsismo profondo presenta cavità con morfologie prevalentemente verticali (abissi Artesinera e Bacardi) che intercettano i relitti di una antica circolazione a pieno carico, caratterizzata dalla presenza di condotte di piccole dimensioni, con andamenti sub-orizzontali. Diverse, anche se in genere di limitato sviluppo, sono le cavità fossili che si aprono sugli scoscesi versanti del rio Sbornina, come il Buco di Peirani (400 m di gallerie freatiche che terminano su sifoni pensili non attivi), che testimoniano la presenza di una antica rete carsica a pieno carico, che si sviluppava dalle zone assorbenti fino all'attuale settore sorgivo. La presenza di ciottoli fluitati in alcune cavità, costituiti da rocce del basamento metamorfico, dimostra l'esistenza di notevoli flussi idrici conseguenti al glacialismo che, in passato, hanno trasportato e depositato questi detriti, provenienti probabilmente dalla vallata principale del rio Sbornina. Nell'area assorbente principale sono presenti numerose spaccature o piccole doline ostruite, caratterizzate da una notevole circolazione d'aria che funzionano da ingresso alto, mentre sono quasi del tutto sconosciute le uscite basse. Tale situazione evidenzia l'esistenza di una rete carsica ancora in parte da scoprire. ","2020-12-05 17:17:36","2020-12-31 12:07:26","","","davide","","","Sistema di Stalla Buorch","","","","7","","","","","","","","","","","","","","STALLA_BUORCH","" "26","","","","","ARTESINERA_PRATO_NEVOSO","3054","681","PI108,PI153,PI154,PI194,PI195,PI936,PI937,PI967,PI968,PI3002,PI3020","Il sistema carsico di Bossea è stato studiato sin dall'inizio degli anni '80 attraverso l'installazione di una importante stazione scientifica per il monitoraggio idrogeologico ed ambientale. L'area di assorbimento del sistema, compresa tra gli 800 e i 1700 m di quota, è localizzata tra la Val Corsaglia e la Valle Maudagna ed è caratterizzata da un carso mediamente coperto da depositi eluvio-colluviali, con una serie di valloni assorbenti (rio di Roccia Bianca e rio Bertino), con portate piuttosto modeste e variabili a seconda delle condizioni meteorologiche. L'area ha una dimensione di 2,8 km2 ed è costituita da una stretta fascia di calcari e calcari dolomitici, limitata dalle rocce del basamento metamorfico (quarziti e porfiroidi) attraverso una serie di contatti tettonici sub-verticali, con orientazione EW. li limite occidentale della struttura è individuabile in corrispondenza di un'importante depressione tettonico-carsica, in prossimità della stazione sciistica di Prato Nevoso, in alta Valle Maudagna. L'area di ricarica del sistema comprende, inoltre, una serie di piccoli valloni, impostati sulle rocce del basamento di ridotta permeabilità, che verso valle presentano perdite del flusso superficiale, in corrispondenza del contatto con le rocce carbonatiche. L'alimentazione dell'intero sistema di conseguenza è fornita, oltre che dagli apporti diretti pluvio-nivali, anche dalle infiltrazioni in subalveo del rio di Roccia Bianca e del rio Bertino. Le colorazioni effettuate in questi rii hanno evidenziato tempi di arrivo del tracciante nel collettore della Grotta di Bossea compresi tra 2 e 5 giorni, strettamente condizionati dalle condizioni idrodinamiche del sistema. Le acque che attraversano la cavità ritornano alla luce in corrispondenza di numerose polle prossime all'alveo del torrente Corsaglia, ad una quota di 800 m s.l.m.","2020-12-05 17:04:02","2021-03-31 21:38:27","","","davide","","","Sistema di Bossea","","","","7","","","","","","","","","","","","","","BOSSEA","" "28","","","","","ARTESINERA_PRATO_NEVOSO","67","330","PI175,PI3021,PI3022,PI3023,PI3024,PI3025,PI3026","","2020-12-05 17:19:51","2020-12-31 12:08:33","","","davide","","","Sistema del Bergamino","","","","","","","","","","","","","","","","","","BERGAMINO",""