PI114

Tana del Forno

Synonymes
GROTTA DELL'ORSO DI PAMPARATO, TANHA DEL FURNAS
Regione
PIEMONTE
Provincia
CN
Comune
PAMPARATO
Localité
FRAZIONE SERRA
Montagne
BRIC SCIANDRIN
Zones d'intérêt spéléologique
Systèmes karstiques
Dimensions
Développement réel
4000
Dénivelé négatif
204
Dénivelé total
204
Position de l'entrée
Latitude
4905281
Longitude
412761
Type des coordonnées
UTM WGS84 32T
Type original des coordonnées
UTM ED50
Hauteur
1045
Évaluation des données
Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)
Position vérifiée de
Davide Barberis
Date de derniere vérification
01/12/2020 00:00:00
Description
Il tratto che si percorre fino a -150 m segue un affluente del collettore, che si incontra a questa profondità. Il torrente principale è percorribile per diverse centinaia di metri ed è delimitato, a monte e a valle, da sifoni. Il pozzo a cielo aperto di ingresso (15 m) è immediatamente seguito dal secondo (P25), con attacco stretto, che porta in una sala. Dal fondo della sala, tralasciando la direttrice principale, si segue, a destra, una serie di contorti passaggi, che danno accesso ad un condotto inclinato, talvolta occupato da massi concrezionati che possono rendere confusa la progressione a chi non conosce la via migliore. In diversi punti può essere utile l’uso di una corda, come al saltino delle lame e per l’arrivo in Sala Mutande. Di qui, tralasciando il vecchio fondo, si risale un breve cunicolo e si riprende uno splendido condotto inclinato, fino al Pozzo a Occhiali (P15). Dopo il pozzo, passata la Sala Mondovì e tralasciando il pozzo sottostante, si percorre un ulteriore meandro che porta alla Sala Cuneo. Questo ambiente, lungo e sfondato, accede in più punti al collettore attivo. La via migliore è un salto da 15 m, dopo un passaggio tra concrezioni.
Il secondo ingresso della grotta, Cani e Porci, è chiuso con un tombino abbastanza evidente sul bordo del prato, facilmente raggiungibile con una traccia di carrareccia che si diparte dalla panchina su menzionata. Da questo accesso è possibile raggiungere più rapidamente il collettore attivo, attraverso una sequenza di pozzi (P7, P20, P12, P5) intervallati da un agevole meandro. La via dal terzo ingresso, di descrizione complicata, richiede la discesa di diversi pozzi, scivoletti e traversi e si collega alla via del secondo ingresso. Sul collettore, per giungere al fondo, si scende un salto da 7 m, bagnato, posto al fondo di un tratto stretto. Di qui si prosegue nella forra, certo una delle più belle del Piemonte, con una dinamica progressione in libera, ma è bene tenere in conto la possibilità di bagnarsi, prima di giungere alla Sala dei Ciclopi. In tutta la grotta e soprattutto nelle zone più alte, sono noti parecchi rami laterali difficili da descrivere. Meritano menzione il Ramo degli Indiani, vicino al sifone a monte, il Ramo dei Disorganizzati e quelli del Grillo, nelle zone fossili del secondo e terzo ingresso, e le risalite del 1991. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)
Itinéraire
L’ingresso storico della cavità, a pozzo, si apre sul fianco esposto a nord della conca carsica delle Turbiglie, in mezzo al bosco di faggio. Questa splendida ampia dolina erbosa è ben visibile sulla sinistra percorrendo la stradina asfaltata che collega la cresta Serra di Pamparato a Torre Mondovì. Poco a monte di una panchina, si stacca dalla stradina un sentiero pianeggiante che costeggia verso ovest la parte a monte della valletta chiusa. Abbandonatolo dopo l’ultima radura occorre traversare per alcune decine di metri la faggeta in leggera salita, individuando il pozzo di ingresso. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)
Histoire
1884: F. Sacco, fino alla base: del 2° pozzo; la grotta sembrava finita lì. Sacco lasciò uno schizzo indicativo delle parti esplorate. Il Sacco (1884) reperì ossa subfossili di Ursus Arctos nella sala detta appunto dell'Orso; sono ora conservate nel Museo di Geologia dell'Università di Torino. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)

Photo de l'entrée
Auteur photo
Enrico Lana
Licence
CC BY-SA 4.0
Auteur de la faune
Enrico Lana
Numero:114;Nome:Tana del Forno;Altra denominazione:Grotta dell'Orso di Pamparato;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Pamparato;Area carsica:Torre Mondovì - Roburent;Sistema carsico:Galliani;Latitudine:412761;Longitudine:4905281;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):1045;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Data ultima verifica su campo:12/01/2020;Sviluppo reale (m):4000;Dislivello negativo (m):204;Dislivello totale (m):204;Note_:Strettoie/Frane;
Données de compilation
Recordinsert
03/06/2020
Mis à jour de
michelangelochesta
Dernière modification
22/02/2022
Limite la modification du contenu à ces groupes
w_caves
Coordinate wgs84:


Fauna presente in questa grotta:


Bathysciola monregalensis Giachino, 1988  Voir
Discus rotundatus (O.F. Müller, 1774)  Voir
Dolichopoda azami Saulcy, 1893  Voir
Duvalius morisii Vigna Taglianti & Casale, 1973  Voir
Holoscotolemon oreophilum Martens, 1978  Voir
Metellina merianae (Scopoli, 1763)  Voir
Plectogona morisii (Strasser, 1975)  Voir
Sabacon simoni Dresco, 1952  Voir
Speleomantes strinatii (Aellen, 1958) GEOTRITONE Voir
Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)  Voir
Tegenaria silvestris L. Koch, 1872  Voir
Troglohyphantes iulianae Brignoli, 1971  Voir

Bibliographie

1885Nuove caverne ossifere e non ossifere nelle Alpi MarittimeFederico SaccoVoir
1900Le Grotte dell'Appennino Ligure e delle Alpi MarittimePaolo BensaVoir
1950Il fenomeno carsico in PiemonteCarlo Felice CapelloVoir
1954Gruppo Speleologico PiemonteseVoir
1955Gruppo Speleologico Piemontese CAI-UGETDematteis GVoir
1959Le più recenti spedizioni speleologiche in PiemonteGiuseppe DematteisVoir
1959Primo elenco catastale delle grotte del Piemonte e della Valle d'AostaDematteis GVoir
1960Alla scoperta del Piemonte sotterraneoGiuseppe DematteisVoir
1967Stalattiti e Stalagmiti n. 2AA.VV.Voir
1970Stalattiti e Stalagmiti n. 8AA.VV.Voir
1970Speleologia del PiemonteGruppo Speleologico Piemontese C.A.I. U.G.E.T TorinoVoir
1971Mondo Ipogeo n. 7AA.VV.Voir
1972Mondo Ipogeo n. 8AA.VV.Voir
1972Nuovo sistema ipogeo nell’area carsica di RoburentPeano GVoir
1974Grotte n. 54AA. VV.Voir
1975Il fenomeno carsico nel CuneeseGuido PeanoVoir
1985Grotte n. 87AA. VV.Voir
1985Fauna cavernicola delle Alpi LiguriMarco Bologna, Augusto Vigna TagliantiVoir
1986Sintesi delle conoscenze sui sistemi carsici delle Alpi Liguri Balbiano d'Aramengo C.Voir
1986I sistemi carsici delle Alpi LiguriVigna B.Voir
1987Grotte, Barme ed AbissiManzone PL, Marro A, Bellone C, Morisi A, Rattalino EVoir
1990Mondo Ipogeo n. 13AA.VV.Voir
1993Le grotte del Piemonte - Guida per l'escursionistaCarlo Balbiano D'Aramengo - Associazione Gruppi Speleologici PiemontesiVoir
1995Atlante delle grotte e delle aree carsiche piemontesiAA.VV.Voir
2000Mondo Ipogeo n. 15AA.VV.Voir
2000Federico SaccoCarlo Balbiano d'AramengoVoir
2000Libera n.3AA.VV.Voir
2002I Chirotteri del Piemonte e della Val d'Aosta. Bats of Piedmont and the Aosta Valley (NW Italy). Roberto Sindaco, Nerio Baratti, Giovanni BoanoVoir
2003Novità alla Tana del FornoGiraudo M.Voir
2003Biospeleologia. Indagini e nuove cavità del Piemonte (Province di Torino, Cuneo, Biella e Vercelli). Tiziano PascuttoVoir
2003Biospeleologia - Indagini e nuove cavità del PiemonteTiziano PascuttoVoir
2004Grotte n. 142AA. VV.Voir
2005Mondo Ipogeo n. 16AA.VV.Voir
2005Ragni cavernicoli del Piemonte e della Valle d'AostaClaudio Arnò, Enrico LanaVoir
2005Schegge di luce. Racconti, storie, emozioni di 50 anni di SpeleologiaAA.VV.Voir
2007Alpi Liguri e carsismo. Storie sotterraneeElia E.Voir
2007Speleologia e Archeologia a confrontoMarica Venturino GambariVoir
2008Dodici anni di ricerche biospeleologiche nelle Alpi Occidentali: risultati e prospettiveEnrico Lana, Achille Casale, Pier Mauro GiachinoVoir
2010Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2AA.VV.Voir
2011Aracnidi sotterranei delle Alpi Occidentali italiane. (Arachnida: araneae, opiliones, palpigradi, pseudoscorpiones). Subterranean Arachnids of the Western Italian Alps (Arachnida: Araneae, Opiliones, Palpigradi, Pseudoscorpiones)Isaia M., Paschetta M., Lana E., Pantini P., Schönhofer A. L., Christian E., Badino G.Voir
2013Mondo Ipogeo n. 17AA.VV.Voir
2018Grotte n. 167AA. VV.Voir
2019I Carabidi della Val Corsaglia, della Val Casotto e della Valle Mongia (Alpi Liguri)Bisio L, Giuntelli PVoir
2021Fauna Hypogaea PedemontanaEnrico Lana, Pier Mauro Giachino, Achille CasaleVoir

ctl_surveys

Grottes
PI114

Tana del Forno - sezione


Date
1985-01-01
Auteur
GSAM (Gruppo Speleologico Alpi Marittime)
Topographes
GSAM (Gruppo Speleologico Alpi Marittime)
Licence
CC BY 4.0

Grottes
PI114

Tana dell'Orso - pianta


Date
1985-01-01
Auteur
GSAM (Gruppo Speleologico Alpi Marittime)
Topographes
GSAM (Gruppo Speleologico Alpi Marittime)
Licence
CC BY 4.0

Grottes
PI114

Tana del Forno (Grotta dell'Orso di Pamparato)


Date
1972-08-01
Licence
CC BY 4.0
Description
Scansione lucido originale in Archivio GSP

Grottes
PI114

Tana del Forno


Date
1972-08-01
Topographes
P. Aimo, P. Bellino, S. Bergese, A. Degioannini, M. Ghibaudo, E. Mino, M. Morgantini, B. Vigna
Licence
CC BY-SA 4.0
Source bibliographique

Grottes
PI114

Tana del Forno - pianta e sezione (1955)


Date
1955-01-01
Auteur
Chiesa, Dematteis
Topographes
GSP (Gruppo Speleologico Piemontese)
Clubs spéléleologiques
Licence
CC BY 4.0
Description
scansione lucido originale GSP (Gruppo Speleologico Piemontese)

Grottes
PI114

Grotta dell'Orso - Sezione schematica


Date
1884-08-25
Auteur
Federico Sacco
Licence
CC BY 4.0

Download update form