PI1917

Grotta del Lago

Regione
PIEMONTE
Provincia
CN
Comune
BAGNASCO
Monte
SOTTA
Valle
TANARO
Area di interesse speleologico
Dimensioni
Dislivello negativo
37.5
Dislivello totale
37.5
Posizione dell'ingresso
Idrologia
laghi
Descrizione
l dodici metri di pozzo costituiscono un ampio salone di crollo, che prosegue in due direzioni. La prima conduce ad un tratto molto concrezionato, la seconda, più interessante, prosegue con uno scivolo di circa 25 metri impostato su interstrato. Alla base dello scivolo, superati alcuni massi di crollo, la grotta assume una morfologia più carsica ed è visibile un caratteristico e piuttosto ampio fenomeno di scollamento di concrezione dalla parete dovuto alla decalcificazione.
Proseguendo si incontra nuovamente un accumulo di detriti, testimonianza di un assestamento della volta, che ostruisce la galleria. Risalendo invece sulla destra tra i massi, si è costretti a strisciare per un breve tratto per non distruggere capelli d'angelo ed eccentriche. Oltre, un salto di tre metri da accesso ad una sala occupata quasi interamente da un laghetto profondo circa un metro. Ci troviamo nella parte terminale della grotta che finisce su una colata di concrezione all'estremità opposta del lago. La morfologia qui si presenta più stabile, le pareti sono totalmente ricoperte da concrezione.
Ritornando verso l'ingresso, abbandonata la sala terminale, attraverso uno stretto passaggio tra i massi si raggiunge un altro ramo della grotta parallelo al precedente. Il condotto, riconducibile più ad un meandro che ad una galleria, privo di fenomeni di crollo, è costituito da un calcare più puro rispetto al resto della grotta, come dimostrano piccoli condotti di origine freatica scavati a pressione.
La grotta termina risalendo leggermente fino ad una sala che si intuisce unica, ma divisa circa a metà da detriti molto concrezionati.
La cavità sembra costituita da due rami paralleli, quello di accesso, caratterizzato in gran parte da crolli, si sviluppa nella parte più dolomitica della formazione, mentre il secondo, in cui è più evidente la morfologia carsica, mostra tracce di scorrimento idrico.
Si ipotizza che la grotta sia alimentata da una perdita di un rio situato a monte, e che si trovi in parte in fase ancora attiva collegata ad alcune risorgenze che si incontrano nel rio a valle nella direzione degli strati (testo: Sdobba S., Vezzoso F.; tratto da: Bollettino GGS n. 6).
Dati compilazione
Data importazione
22/12/2022
Utente che ha inserito i dati
davide
Utente che ha aggiornato i dati
davide
Ultima modifica dei dati
22/12/2022

Bibliografia

2002Bollettino del Gruppo Grotte C.A.I. Savona n. 6AA.VV.Visualizza

Rilievi cavità

Grotte
PI1917

Grotta del Lago


Autore rilievo
Sconosciuto
Licenza rilievo
CC BY-SA 4.0

Scarica scheda per l'aggiornamento