PI115

Tana delle Turbiglie

Attenzione
PRESENZA DI CHIROTTERI: EVITARE LA FREQUENTAZIONE DAL 01 NOVEMBRE AL 31 MARZO
Regione
PIEMONTE
Provincia
CN
Comune
PAMPARATO
Località
FRAZIONE SERRA, LOCALITÀ CASE CATTINI
Area di interesse speleologico
Sistema carsico
Complesso carsico
Litologia ingresso
Dimensioni
Sviluppo reale
900
Dislivello positivo
14
Dislivello negativo
64
Dislivello totale
78
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4905128
Longitudine
412853
Tipo di coordinate
UTM WGS84 32T
Tipo coordinate originali
UTM ED50
Quota altimetrica
983
Valutazione dato
Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4)
Posizione verificata sul campo da
Davide Barberis
Data ultima verifica sul campo
01/12/2020 00:00:00
Note di accesso alla cavità
Da Serra (sulla carrozzabile S. Michele-Pamparato) seguire la carreggiabile per Case Cattini, 200 m a N delle quali si trova l'ingresso, nel punto di massima depressione della conca carsica delle Turbiglie. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)
Descrizione
L'ingresso (forma triangolare: m l X l), rivolto a NO, immette in un alto camerone discendente su frane: a sinistra una bassa diramazione a fondo fangoso sale verso un laminatoio impraticabile. A destra per un pertugio seguito da un piccolo salto, si incontrano due salette comunicanti attraverso a doppio passaggio. Dalla seconda di esse si percorre un cunicolo, quindi, piegando a gomito, una strettissima
e alta fessura, rotta da un salto di metri 5, oltre al quale è percorribile per breve tratto, tosto ostruita da terriccio.
A destra, prima di terminare, si allarga in una saletta con fondo di sedimentazione sabbiosa; a sinistra in basso, un foro angusto (disostruito durante l'esplorazione) immette in cunicoli accessibili per circa 25m (non rilevati), probabilmente in comunicazione con piccole doline idrovore esterne: l'acqua che vi si raccoglie durante le piogge e la fusione della neve è smaltita per la via di tali canalizzazioni, attraverso il fondo sabbioso della saletta terminale. La risorgenza corrispondente si trova alla Tana delle Fontanelle n. 111 Pi (esperienza del maggio 1967).
Per questa duplice comunicazione con l'esterno il ramo principale della grotta è costantemente percorso da corrente d'aria, causa di forti variazioni di temperatura, stagionali e diurne) in rapporto con le variazioni esterne.
La cavità presenta in alcuni punti, sulle pareti, tracce di erosione, che fanno pensare si sia formata sulle canalizzazioni di un antico inghiottitoio, per crolli e fusione di cavità contigue. Sono quasi completamente assenti le concrezioni. Calcare brecciato del trias medio. (tratto da: Speleologia del Piemonte - Parte II: il Monregalese)
La cavità è nel complesso suborizzontale. La sala d’ingresso, spesso in parte occupata da belle concrezioni di ghiaccio in inverno, superato un grande masso, immette in un meandro di facile percorrenza, a tratti sfondato. Uno scivolo di circa 15 m (richiede una corda) porta all’attacco della forra su cui si articola il ramo principale della grotta. Seguendolo si possono spesso incrociare i torrentelli che appaiono e scompaiono in sifoni fangosi. La forra termina in una sala con un forte arrivo d’acqua (la risalita compiuta dal GSP non portò risultati). Da qui, una strettoia conduce in un’altra saletta, di dimensioni più modeste, dove si unisce alla serie di pozzi (scivolo P20, P8, P20, P10). Nel 2005 fu scoperto un nuovo ingresso (Pozzo delle Vipere) che, dopo una breve disostruzione, si collegò con le risalite precedentemente descritte.
Da segnalare la grandissima quantità di fango presente sul primo scivolo. Dalla saletta della giunzione parte anche la risalita del 2005, che porta alla spettacolare galleria dei Giardini di Marzo. Nonostante le modeste dimensioni della cavità, l’aria che la percorre è particolarmente violenta. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)
Itinerario di accesso
L’ingresso principale è facilmente accessibile e visibile in fondo alla grande dolina, a ovest di case Cattini. (tratto da: Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2 (2010)
Meteorologia
soffia con il caldo

Foto ingresso
Autore foto
Enrico Lana
Licenza foto ingresso
CC BY-SA 4.0
Autori testi Fauna
Enrico Lana
Numero:115;Nome:Tana delle Turbiglie;Regione:Piemonte;Provincia:CN;Comune:Pamparato;Area carsica:Torre Mondovì - Roburent;Sistema carsico:Galliani;Latitudine:412853;Longitudine:4905128;Datum:UTM WGS84;Convertite da:UTM ED50;Quota altimetrica (m.slm):983;Fonte/Strumento:Locus Map (Samsung Galaxy X-Cover 4);Posizione verificata su campo da curatore:Davide Barberis;Data ultima verifica su campo:12/01/2020;Sviluppo reale (m):900;Dislivello positivo (m):14;Dislivello negativo (m):64;Dislivello totale (m):78;Note biospeleologiche:CHIROTTERI 01/11-31/03;
Dati compilazione
Data importazione
03/06/2020
Utente che ha aggiornato i dati
michelangelochesta
Ultima modifica dei dati
20/02/2022
Limita la modifica del contenuto a questi gruppi
w_caves
Coordinate wgs84:


Fauna presente in questa grotta:


Chionea spp.   Visualizza
Duvalius morisii Vigna Taglianti & Casale, 1973  Visualizza
Holoscotolemon oreophilum Martens, 1978  Visualizza
Plectogona morisii (Strasser, 1975)  Visualizza
Sabacon simoni Dresco, 1952  Visualizza
Sphodropsis ghilianii (Schaum, 1858)  Visualizza

Bibliografia

1884Nuove caverne ossifere e non ossifere nelle Alpi MarittimeFederico SaccoVisualizza
1900Le Grotte dell'Appennino Ligure e delle Alpi MarittimePaolo BensaVisualizza
1950Il fenomeno carsico in PiemonteCarlo Felice CapelloVisualizza
1955Gruppo Speleologico Piemontese CAI-UGETDematteis GVisualizza
1959Primo elenco catastale delle grotte del Piemonte e della Valle d'AostaDematteis GVisualizza
1970Speleologia del PiemonteGruppo Speleologico Piemontese C.A.I. U.G.E.T TorinoVisualizza
1972Mondo Ipogeo n. 8AA.VV.Visualizza
1975Il fenomeno carsico nel CuneeseGuido PeanoVisualizza
1985Fauna cavernicola delle Alpi LiguriMarco Bologna, Augusto Vigna TagliantiVisualizza
1985Grotte n. 87AA. VV.Visualizza
1987Grotte, Barme ed AbissiManzone PL, Marro A, Bellone C, Morisi A, Rattalino EVisualizza
1995Atlante delle grotte e delle aree carsiche piemontesiAA.VV.Visualizza
2000Mondo Ipogeo n. 15AA.VV.Visualizza
2005Grotte n. 143AA. VV.Visualizza
2005Mondo Ipogeo n. 16AA.VV.Visualizza
2010Atlante delle aree carsiche piemontesi - Volume 2AA.VV.Visualizza
2011Aracnidi sotterranei delle Alpi Occidentali italiane. (Arachnida: araneae, opiliones, palpigradi, pseudoscorpiones). Subterranean Arachnids of the Western Italian Alps (Arachnida: Araneae, Opiliones, Palpigradi, Pseudoscorpiones)Isaia M., Paschetta M., Lana E., Pantini P., Schönhofer A. L., Christian E., Badino G.Visualizza
2019I Carabidi della Val Corsaglia, della Val Casotto e della Valle Mongia (Alpi Liguri)Bisio L, Giuntelli PVisualizza
2021Fauna Hypogaea PedemontanaEnrico Lana, Pier Mauro Giachino, Achille CasaleVisualizza

Rilievi cavità

Grotte
PI115

Tana delle Turbiglie


Data rilievo
1984-11-30
Autore rilievo
A. Eusebio
Rilevatori
GSP (Gruppo Speleologico Piemontese)
Licenza rilievo
CC BY 4.0
Descrizione rilievo
Scansione lucido originale GSP
Fonte bibliografica

Grotte
PI115

Tana delle Turbiglie - pianta e sezione


Data rilievo
1955-01-01
Autore rilievo
Chiesa e Dematteis
Rilevatori
GSP (Gruppo Speleologico Piemontese)
Licenza rilievo
CC BY 4.0
Descrizione rilievo
scansione lucido originale GSP (Gruppo Speleologico Piemontese)

Scarica scheda per l'aggiornamento